Andria Bene in Comune
Andria Bene in Comune
Vita di città

TARI, Andria Bene in Comune: «Le tariffe per i cittadini non aumenteranno»

Il gruppo consiliare di centrosinistra risponde al comunicato di Movimento Pugliese

«Ieri ci siamo imbattuti - scrive in una nota il grupo consiliare Andria Bene in Comune - nell'ennesimo comunicato firmato dai soliti Marmo, Del Giudice e Fistola dal titolo "In arrivo una nuova stangata per le famiglie andriesi". Sotto il comunicato, condiviso dalle principali testate giornalistiche locali, decine di like, commenti e condivisioni di cittadini arrabbiati per quanto dichiarato dai tre Consiglieri Comunali. Testualmente: "annunciamo ai nostri concittadini che è in arrivo un aumento del 4% per le sole utenze domestiche, che passano dal 72% al 76% del costo totale del servizio. Mentre per le utenze non domestiche, che già godono di specifiche agevolazioni a causa della pandemia, si registra una sensibile diminuzione proprio di 4 punti percentuali". Quello che si vuole fare intendere nel comunicato, dunque, è che i cittadini pagheranno il 4% in più, mentre le aziende pagheranno il 4% in meno. Giusto?

Saremo sinceri: ci abbiamo messo un po' per capire se questa dichiarazione fosse uno scherzo o meno. Poi ci siamo ricordati del fatto che gli stessi Marmo, Del Giudice e Fisfola hanno fatto parte di quella maggioranza sciagurata che in 10 anni ha devastato questa città ed, allora, siamo stati costretti a prenderli sul serio. Sì perché, anche questa volta, i tre del "Movimento Pugliese" hanno dimostrato di non avere la benché minima idea di come funzioni il calcolo della TARI. Cogliamo l'occasione per spiegarglielo: la TARI si calcola moltiplicando le tariffe determinate alle superfici considerate soggette all'imposta. Le superfici, tuttavia non sono tutte uguali. Esistono così due grandi categorie di superfici: le superfici "domestiche" (come quelle delle abitazioni) e quelle "non domestiche" (ad esempio, le aziende), alle quali vengono applicate tariffe diverse. Fatto 100 il totale delle superfici tassabili nel Comune di Andria, dunque, ci sarà una certa quantità di superfici che vengono considerate "domestiche", mentre la restante parte saranno considerate "non domestiche".

Veniamo al dunque: i "nostri" asseriscono che quest'anno le utenze domestiche passano dal 72% al 76% del costo totale del servizio, aumentando dunque del 4%, mentre per le utenze non domestiche "si registra una sensibile diminuzione proprio di 4 punti percentuali". Il motivo è presto spiegato: se le utenze domestiche aumentano del 4% rispetto al totale, è semplicemente perché quest'anno le superfici considerate "domestiche" sono aumentate del 4% rispetto all'anno precedente. Di conseguenza, se le superfici considerate "domestiche" sono aumentate del 4%, le superfici "non domestiche" sono diminuite, udite udite, proprio del 4%. Un calcolo matematico che, solitamente, viene insegnato alle scuole elementari e che non desta particolari problemi all'interpretazione: oggi, ad Andria, le superfici considerate "domestiche" sono il 76% del totale delle superfici soggette a TARI nel Comune di Andria, mentre il 24% sono considerate superfici "non domestiche". Un dato interessante per la statistica, oltre che per essere opportunamente manipolato e travisato da Marmo, Del Giudice e Fisfola per mendicare un po' di considerazione sui social.

I tre sprovveduti Consiglieri Comunali, dunque, confondono l'aumento delle superfici considerate "domestiche" con un aumento del costo della TARI a carico dei singoli cittadini. Un fraintendimento che, se non voluto (e lo dubitiamo), confermerebbe la loro già conclamata incompetenza da amministratori, anche come forza di opposizione. Le tariffe quindi non aumenteranno? La risposta è unica e inequivocabile: no! Come gli stessi tre ex-amministratori allo sbaraglio affermano, infatti, "la situazione (del Comune di Andria, ndr) -per espressa previsione normativa- obbliga le Amministrazioni a confermare le tariffe TARI dell'anno precedente".

Dunque, quest'anno verranno applicate le stesse tariffe dello scorso anno. Ennesima contraddizione di un comunicato, quello del "Movimento Pugliese", che ha il solo scopo di gettare fango su questa Amministrazione attraverso la diffusione di notizie false ed allarmistiche. Ancora una volta, dunque, Del Giudice, Fisfola e Marmo tolgono ogni dubbio riguardo il perché Andria versi in queste condizioni, perdendo ancora una volta l'occasione di fare bella figura facendo l'unica cosa che gli permetterebbe di recuperare la credibilità perduta: stare in silenzio».
  • tari
  • Andria Bene in Comune
Altri contenuti a tema
18 Ladri irrompono nella "Fabbrica", cancelli forzati e alcuni oggetti rubati Ladri irrompono nella "Fabbrica", cancelli forzati e alcuni oggetti rubati A poco più di un mese dall'inaugurazione, il progetto di tre giovani fa già i conti con i furfanti
"Tari sociale", Faraone e Sgarra (M5S): "Il Comune cerchi di recuperare quei 150 milioni di euro di crediti, di cui solo ultimamente ne abbiamo persi 3 milioni" "Tari sociale", Faraone e Sgarra (M5S): "Il Comune cerchi di recuperare quei 150 milioni di euro di crediti, di cui solo ultimamente ne abbiamo persi 3 milioni" Il dibattito sulla polemica in corso nella maggioranza di centrosinistra vede adesso l'intervento delle consigliere pentastellate
ANDRIALAB 3, sulla "Tari sociale" bacchettate ai consiglieri del Pd dissenzienti, al M5S ed al centrodestra ANDRIALAB 3, sulla "Tari sociale" bacchettate ai consiglieri del Pd dissenzienti, al M5S ed al centrodestra "Rendere il proprio dissenso così plateale, strumentalizzando poi sulle famiglie, gente in difficoltà e soggetti fragili non giustifica le loro scelte, a tratti, di protagonismo"
Lorenzo Marchio Rossi (Pd): «Gruppo consiliare ha il dovere di trovare la sintesi e rafforzare ogni giorno di più l'amministrazione che rappresenta» Lorenzo Marchio Rossi (Pd): «Gruppo consiliare ha il dovere di trovare la sintesi e rafforzare ogni giorno di più l'amministrazione che rappresenta» Il vicepresidente della provincia Bat critica la decisione dei consiglieri del Pd Michele Di Lorenzo, Mirko Malcangi e Gianluca Sanguedolce
Consiglio Comunale, approvati primi affidamenti all'AndriaMultiservice e Tari sociale Consiglio Comunale, approvati primi affidamenti all'AndriaMultiservice e Tari sociale Il commento della Sindaca Bruno e del Presidente del consiglio Vurchio
La "Tari sociale" approvata nell'ultima seduta di consiglio comunale spacca il PD di Andria La "Tari sociale" approvata nell'ultima seduta di consiglio comunale spacca il PD di Andria Dura nota dei consiglieri Di Lorenzo, Malcangi e Sanguedolce: "Bocciata nostra proposta su agevolazioni TARI per le famiglie povere con persone con disabilità grave"
"Il ragazzo che rubava le parole" di Antonio Del Giudice: presentazione ad Andria il 30 aprile "Il ragazzo che rubava le parole" di Antonio Del Giudice: presentazione ad Andria il 30 aprile Alle ore 18.00, presso l'auditorium del chiostro di San Francesco
La consigliera azzurra Fracchiolla chiede spiegazioni su sede Ispettorato del Lavoro e "Fondone" su riduzione Tari La consigliera azzurra Fracchiolla chiede spiegazioni su sede Ispettorato del Lavoro e "Fondone" su riduzione Tari Saranno discusse nel corso dell'odierno consiglio comunale
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.