Venerdì Santo
Venerdì Santo
Religioni

Sulla croce l’Abbandonato, si abbandona

Riflessione di don Ettore Lestingi in occasione del Venerdì Santo

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
"Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?". E' il grido di Cristo che oggi risuona in tutta l'umanità, attonita e incredula nel vedere il Figlio di Dio, il Messia, morire in modo ignobile, inchiodato al legno di una croce. Ed è il grido che oggi sale al cielo da quanti sono inchiodati alla croce del coronavirus, immersi in una profonda solitudine, atterriti dall'incertezza del loro destino e abbandonati.

Può Dio abbandonare suo Figlio e in Lui tutti i suoi figli? Lui che ci ha creati non per la morte, ma per la vita, può permettere che l'uomo, sua creatura, fatto poco meno degli angeli, coronato di gloria e di onore, subisca una malattia e una morte così atroce? Ma Dio è veramente il nostro Dio? Dinanzi a così tragico spettacolo di abbandono e di sordità di Dio, sembrano attuali le parole del salmista: "perché dovrebbero dire: dov'è il loro Dio?"

Dove eri, Dio, quando tuo Figlio aveva invocato la tua presenza nell'ora della croce? E dove sei in quest'ora in cui gran parte dell'umanità cerca Te? Ci hai proprio abbandonati? Ti sei stancato di noi? Hai deciso di dare sfogo alla tua ira per le nostre malvagità, a tal punto da pentirti di averci creati? Ricordati: Tu non sei uomo, ma sei Dio e non puoi venire a noi con impeto di vendetta. Oggi le tenebre divorano la luce. Come allora "si è fatto buio su tutta la terra". Ma stranamente un canto mi ritorna nel cuore: "Questa notte non è più notte davanti a Te, il buio come luce risplende".

E allora: "Sentinella, quanto resta della notte? Sentinella, quanto resta della notte?" La Sentinella risponde: "Viene il mattino". Fiducioso in questa promessa, come Gesù sulla croce, non mi sento più abbandonato, e, Padre, mi abbandono nelle tue mani e a Te elevo la mia preghiera:

Padre mio, mi abbandono a Te,
di me fai quello che Ti piace,
grazie di ciò che fai per me,
spero solamente in Te.
Purchè si compia il tuo volere
In me e in tutti i miei fratelli,
niente desidero di più
fare quello che vuoi Tu.
Fra le tue mani depongo la mia anima
Con tutto l'amore del mio cuore,
mio Dio lo dono a te,
perché Ti amo immensamente.
Si, ho bisogno di donarmi a te,
senza misura affidarmi alle tue mani,
perché sei il Padre mio,
perché sei il Padre mio.
  • don Ettore Lestingi
Altri contenuti a tema
Don Ettore Lestingi compie 30 anni di sacerdozio: la lettera della comunità parrocchiale Madonna della Grazia Don Ettore Lestingi compie 30 anni di sacerdozio: la lettera della comunità parrocchiale Madonna della Grazia Al parroco l'augurio di una pronta guarigione
“Tutta la creazione geme e soffre": il messaggio di don Ettore Lestingi per la Pasqua “Tutta la creazione geme e soffre": il messaggio di don Ettore Lestingi per la Pasqua Parole di fede e fiducia in questo tempo di prova a causa del Coronavirus
1 III Domenica di Quaresima: “Il Signore è in mezzo a noi, sì o no?” III Domenica di Quaresima: “Il Signore è in mezzo a noi, sì o no?” Riflessioni di don Ettore Lestingi, Direttore dell'Ufficio Liturgico Diocesano e parroco della chiesa Madonna della Grazia
1 Nel tempo del Coronavirus la Chiesa si fa “piccola” e l’Eucaristia diventa “domestica” Nel tempo del Coronavirus la Chiesa si fa “piccola” e l’Eucaristia diventa “domestica” Riflessione di don Ettore Lestingi, Direttore dell'Ufficio Liturgico Diocesano
Preghiera nell'ora della prova Preghiera nell'ora della prova Don Ettore Lestingi condivide una preghiera con la comunità diocesana
Quaresima 2020: "C'è un Samaritano anche per me?" Quaresima 2020: "C'è un Samaritano anche per me?" Messaggio di don Ettore Lestingi alla comunità parrocchiale della Madonna della Grazia
"E fu sera e fu mattina": buon anno Andria, città amata "E fu sera e fu mattina": buon anno Andria, città amata Messaggio di auguri di don Ettore Lestingi, parroco della chiesa Madonna della Grazia, a tutta la comunità cittadina
“Attendere, prego…”: domenica 1° dicembre inizia il Tempo di Avvento 2019 “Attendere, prego…”: domenica 1° dicembre inizia il Tempo di Avvento 2019 Messaggio di don Ettore Lestingi, parroco della chiesa Madonna della Grazia, alla comunità parrocchiale
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.