Manifestazione Fipe e Confcommercio
Manifestazione Fipe e Confcommercio
Vita di città

#Siamoaterra: anche la Fipe e la Confcommercio di Andria in piazza

Importante partecipazione di bar e ristoranti in Largo Giannella a Bari

#Siamoaterra. Anche la Fipe e la Confcommercio di Andria in piazza a Bari, come in altre 23 piazze d'Italia. I ristoratori hanno protestato contro l'ultimo Dpcm che ha imposto nuove chiusure per l'emergenza Covid.

«La nostra è stata una manifestazione per sensibilizzare la cittadinanza e anche il governo facendo capire che il settore è per terra!», scrivono sulla pagina Facebook di Confcommercio.

Se non accompagnate da aiuti concreti e immediati, le ulteriori restrizioni contenute nell'ultimo DPCM rischiano di essere il colpo di grazia per il settore dei pubblici esercizi, già tra i più colpiti dalla spaventosa crisi generata dalla pandemia. Infatti, secondo le stime, a fine anno il comparto rischia di perdere 50.000 aziende con ben 300.000 posti di lavoro in bilico. Per questo, in Largo Giannella, gli imprenditori dei pubblici esercizi si sono compostamente ritrovati per far sentire la propria voce, in maniera pacifica e nel pieno rispetto delle regole, per ribadire l'enorme valore economico, sociale ed antropologico delle proprie attività e chiarire una volta per tutte che non esiste connessione alcuna tra la frequentazione dei Pubblici Esercizi e la diffusione dei contagi, come dimostrato da fonti scientifiche che attribuiscono piuttosto ad altri fattori, tra cui mobilità, Sistema scolastico e mondo del lavoro, le cause di contagio.

«Scendiamo in piazza per evitare che passi il messaggio che i pubblici esercizi abbiano un ruolo nella diffusione del contagio» ha detto Lino Enrico Stoppani, Presidente della Fipe-Confcommercio. «Non esiste alcuna connessione tra quest'ultimo e l'apertura dei locali, anche perché gli operatori del settore rispettano seriamente i protocolli sanitari imposti e validati dal Cts e dall'Inail. Protocolli che hanno richiesto investimenti economici significativi e garantito sicurezza ai consumatori».

«Il settore rischia il suo futuro», hanno aggiunto Dino Saulle Presidente FIPE provinciale per i ristoratori e Nicola Pertuso Consigliere nazionale e regionale di FIPE-Confcommercio. «E' una situazione davvero difficile. Con questa iniziativa come sottolineato dai vertici nazionali vogliamo ricordare i valori economici e sociali della categoria, che occupa oltre un milione e duecentomila addetti e chiedere alla politica di intervenire in maniera decisa e concreta per salvaguardare un tessuto di 340mila imprese che prima del Covid19, nel nostro paese generava un fatturato di oltre 90 miliardi di euro ogni anno. La nostra categoria rappresenta un comparto importantissimo. Per quanto riguarda i pubblici esercizi che stanno subendo le maggiori restrizioni, solo il 3/5% dei contagi avvengono nei PE, secondo una ricerca fatta dalla FIPE e da uno studio inglese. Quindi considerata tutta la prevenzione Covid che abbiamo messo in campo, con distanziamento, sanificazioni ecc. i clienti non hanno nulla da temere. Invito tutti alla cautela e a smorzare questa forma di terrorismo psicologico perpetuato quotidianamente. D'altronde se dobbiamo provare a convivere con questo virus non possiamo fare diversamente. Per questo Bari partecipa con convinzione insieme ad altre 23 città italiane ,24 in totale, alla manifestazione di mercoledì 28 ottobre prossimo indetta da FIPE nazionale. Scenderemo in piazza, e simbolicamente stenderemo a terra le nostre tovaglie, per dimostrare lo stato in cui versano le nostre attività. Chiederemo a gran voce sostegno concreto da parte della politica, nazionale e provinciale».
IMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WA
  • confcommercio
Altri contenuti a tema
I negozi “sotto casa” anche on-line, Confcommercio Andria lancia l'App I negozi “sotto casa” anche on-line, Confcommercio Andria lancia l'App Sinisi: “Gratuita per i nostri associati e anche vantaggiosa. Non aspettiamo che passi la tempesta, impariamo a ballare sotto la pioggia”
Mercato ortofrutticolo di via Barletta chiuso nel pomeriggio, per focolaio covid 19 Mercato ortofrutticolo di via Barletta chiuso nel pomeriggio, per focolaio covid 19 Alcuni dipendenti comunali sarebbero risultati positivi, altri sono in quarantena: personale quindi non sufficiente per l'apertura pomeridiana
Nasce il PanSospiro, il dolce tipico biscegliese rivisitato in chiave natalizia Nasce il PanSospiro, il dolce tipico biscegliese rivisitato in chiave natalizia I maestri pasticceri sono già al lavoro. Sarà possibile prenotare il proprio box, ce n’è uno anche con prodotti della tradizione
Orario continuato? Confcommercio e Confesercenti di Andria: "Pronti a accogliere l'invito del Sindaco" Orario continuato? Confcommercio e Confesercenti di Andria: "Pronti a accogliere l'invito del Sindaco" Sinisi e Leonetti: "D'altronde basta farsi un giro di sera per capire che questa forse è una strada che i consumatori stanno già intraprendendo"
Mercati settimanali, l’appello di Confcommercio e Fiva: “Lasciateli aperti” Mercati settimanali, l’appello di Confcommercio e Fiva: “Lasciateli aperti” Ad Andria lunedì si è svolto regolarmente, altrove invece è stato sospeso. Carriera e Nazzarini: “Fino a che sarà possibile, fate lavorare questi operatori”
Covid, ristoratori e commercianti in piazza anche in Puglia per dire no alle chiusure Covid, ristoratori e commercianti in piazza anche in Puglia per dire no alle chiusure La manifestazione "Siamo a terra" organizzata a Bari dal sindacato Fipe si svolgerà mercoledì mattina
Confcommercio, importante riconferma per la Puglia: Ambrosi vice presidente nazionale Confcommercio, importante riconferma per la Puglia: Ambrosi vice presidente nazionale "Siamo convinti che vada assolutamente evitato un nuovo lockdown"
Nuovo Dpcm, la Confcommercio fornisce cartelli agli esercenti anche di Andria Nuovo Dpcm, la Confcommercio fornisce cartelli agli esercenti anche di Andria E ricorda le regole da seguire fino al 13 novembre. Carriera: “Abbiamo approntato un vademecum per cittadini e commercianti”
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.