Sacra Spina di Andria
Sacra Spina di Andria
Religioni

Segno prodigioso! Non c’è spina senza rosa

Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria

L'annuncio della variazione cromatica della "Sacra Spina", custodita nella Cattedrale di Andria, è stato come un raggio di sole che brilla d'improvviso in un cielo cupo e nero; come rosa fiorita nel pieno di un inverno illividito dal gelo; come gioia e dono e forza e dardo e freccia per raddrizzare i nostri cuori verso ciò che solo rimane: Dio, l'Amore.

"Segno Prodigioso!". Qual dolore pensare, qual dolore sarebbe se non cogliessimo questo "Segno Prodigioso", così definito dal nostro Vescovo, per imparare a vedere ogni avvenimento, ogni cosa, ogni persona, ogni gioia, ogni dolore, nascite e morti, angosce ed esultanze, fallimenti e vittorie, lavoro e disoccupazione, sorrisi di bimbi e di madri, tutto come materia prima per la nostra santità e con questa contribuire ad una Nuova Umanità.

"Segno Prodigioso!" Da quell'annuncio sono trascorse poche ore ma già si sente aleggiare nell'aria una rinnovata fiducia, disegnati sui volti sorrisi sereni, ricami di luci e di pace, che alla lotta seguirà la vittoria, e da ogni stilla di sangue in questi giorni donato, una nuova rosa fiorirà…profumata d'Amore distillato dal Dolore.

"Segno Prodigioso!". Sogno che questo "Segno" genererà nuove canzoni, musiche nuove, nuove armonie, nuovi poeti. Un cuor solo ed un'anima sola, in cammino festanti perché la "Sua Via" culmina non in una vita cruciata ma nella Resurrezione. Mi si dirà: "Ma questa è poesia! Sì! Tutti siamo un po' poeti per quel poco che amiamo Gesù Abbandonato!

"Segno prodigioso!". Sì! Se anche per noi nulla ci dice più quel detto pieno di malinconia: «Non c'è rosa senza spina», "ma per l'onda dell'Amore che Dio con questo Segno Prodigioso ci testimonia, vale nettamente l'opposto: «Non c'è spina senza rosa».
  • Sacra Spina
  • centro igino giordani
Altri contenuti a tema
Vademecum per una cittadinanza attiva, quarta tappa Vademecum per una cittadinanza attiva, quarta tappa Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria, in collaborazione con il Movimento Politico per l'Unità
Vademecum per una cittadinanza attiva, terza tappa Vademecum per una cittadinanza attiva, terza tappa Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria, in collaborazione con il Movimento politico per l'unità
Vademecun per una cittadinanza attiva, seconda Tappa Vademecun per una cittadinanza attiva, seconda Tappa Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria, in collaborazione con il Movimento politico per l'unità
Vademecum per una cittadinanza attiva, prima tappa Vademecum per una cittadinanza attiva, prima tappa Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Il Dialogo, vaso comunicante tra cittadinanza e politica Il Dialogo, vaso comunicante tra cittadinanza e politica Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Dalla Città al mondo di Chiara Lubich Dalla Città al mondo di Chiara Lubich Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria, tratte da alcuni scritti della focolarina
1 Ora o mai più Ora o mai più Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
2 La vocazione alla politica La vocazione alla politica Il referente del centro Igino Giordani di Andria, Gennaro Piccolo, condivide alcune frasi di Chiara Lubich
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.