Sede Confcommercio Andria
Sede Confcommercio Andria
Vita di città

Scontrino elettronico dal 1° gennaio 2020, ecco le novità

Sinisi (Confcommercio Andria): “La nostra sede aperta per sciogliere eventuali dubbi”

L'ora di dire addio al vecchio scontrino è scattata. Il 1° gennaio è cominciata l'era delle nuove misure imposte dal fisco contro l'evasione tramite l'utilizzo del digitale. L'introduzione dello scontrino elettronico sarà graduale, si parte con un iniziale periodo di transizione che durerà fino al 30 giugno. I commercianti e gli artigiani che non l'hanno ancora fatto dovranno, in sostanza, acquistare un nuovo registratore di cassa o in alternativa adeguare quello esistente. Sono anche stati previsti dei bonus per l'acquisto del registratore telematico, si tratta di un credito di imposta fino al 50% della spesa sostenuta.

Tante le novità e le cose da sapere per non incappare in spiacevoli sanzioni che saranno applicate se non verranno eseguite correttamente tutte le operazioni di trasmissione dei dati all'Agenzia delle Entrate. Per questo, la sede della Confcommercio di Andria, in via Nicola Pisano, è aperta per sciogliere qualsiasi dubbio e spiegare nel dettaglio le novità della normativa in materia fiscale.

"La nuova certificazione dei corrispettivi è già partita il 1° luglio 2019 per gli operatori con un volume di affari superiore ai 400mila euro. Per gli altri è stata prevista una 'moratoria' delle sanzioni di sei mesi (fino al 30 giugno 2020). Gli esercenti che non si sono ancora dotati dei nuovi registratori telematici potranno continuare ad utilizzare i vecchi registratori di cassa ed emettere lo scontrino fiscale senza incorrere in sanzioni purché i corrispettivi mensili vengano trasmessi, attraverso un'apposita procedura telematica, all'Agenzia delle Entrate dai propri intermediari", spiega Claudio Sinisi, delegato Confcommercio di Andria.

"Di positivo per i commercianti c'è che non sarà più necessario tenere il registro dei corrispettivi: la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati sostituiscono, infatti, gli obblighi di registrazione delle operazioni effettuate ogni giorno. Inoltre, la Confcommercio ha sottolineato la previsione di un contributo per l'acquisto del registratore telematico o per l'adattamento del vecchio registratore di cassa sotto forma di credito d'imposta pari al 50% della spesa sostenuta, per un massimo di 250 euro in caso di acquisto e di 50 euro in caso di adattamento. Per ogni dubbio, siamo in sede per fornire chiarimenti", conclude Sinisi.
  • confcommercio
Altri contenuti a tema
Il contenzioso bancario, workshop tecnico giuridico della Confcommercio di Andria Il contenzioso bancario, workshop tecnico giuridico della Confcommercio di Andria Focus sulle nuove frontiere della materia a cura dello sportello legale. Sabato 1° febbraio 2020
Marketing, comunicazione e organizzazione di eventi: torna il corso della Confcommercio Marketing, comunicazione e organizzazione di eventi: torna il corso della Confcommercio Al via dal 30 gennaio, sei lezioni e la giornata finale. Nuovo corso di alta formazione rivolto agli associati
Ad Andria al via la discussione sul Duc, obiettivo recuperare il tempo perso Ad Andria al via la discussione sul Duc, obiettivo recuperare il tempo perso Ieri incontro a Palazzo di Città convocato dal Commissario prefettizio Gaetano Tufariello
Sicurezza ed ordine pubblico: autentica premessa per uno sviluppo civile Sicurezza ed ordine pubblico: autentica premessa per uno sviluppo civile Michele Scarcelli, responsabile della Fiva Confcommercio di Andria: “Una priorità soprattutto per le categorie produttive”
A breve le edicole potranno, tramite intesa con i Comuni, rilasciare i certificati anagrafici A breve le edicole potranno, tramite intesa con i Comuni, rilasciare i certificati anagrafici Prima convenzione a Bari ma presto altri Enti locali delle province Bat e Bari potranno seguire questo esempio
Il piacere di fare la spesa "sotto casa", le ragioni della Confcommercio Il piacere di fare la spesa "sotto casa", le ragioni della Confcommercio Sinisi: “I negozi sotto casa sono una risorsa. Tutto a portata di mano”. La campagna è aperta, gli interessati possono rivolgersi alla sede di Confcommercio
Vicenda dehors: la Gestione Commissariale presenta ricorso al Consiglio di Stato Vicenda dehors: la Gestione Commissariale presenta ricorso al Consiglio di Stato Il Comune chiede con questa richiesta al giudice amministrativo di appello, di cancellare la sospensiva del Tar
Dehors, in attesa del Tar i commercianti chiedono incontro al Comune Dehors, in attesa del Tar i commercianti chiedono incontro al Comune Confcommercio e Confesercenti: “Creare concertazione per ricercare soluzioni alla vertenza”
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.