Condominio
Condominio
Attualità

Reverse charge, la vittoria di UNAI: svolta decisiva per gli amministratori di condominio

Obbligo ristretto solo ai committenti che appaltino opere per importi superiori a 200.000 euro

Un emendamento fortemente voluto da UNAI e da tutti gli amministratori di condominio è stato approvato recentemente in relazione al reverse charge, un particolare metodo di applicazione dell'IVA che consente di effettuare l'inversione contabile dell'imposta direttamente sul destinatario della cessione del bene o della prestazione di servizio, anziché sul cedente. La novità per gli amministratori d'immobili è stata annunciata sui canali social direttamente dal presidente nazionale di UNAI, dott. Rosario Calabrese: "Il provvedimento approvato in commissione restringe l'obbligo del reverse charge esclusivamente ai committenti che appaltino opere per importi superiori ai 200.000 euro, caratterizzati da prevalente utilizzo di manodopera, con l'appaltatore/subappaltatore che opera presso la sede del committente, con utilizzo di beni strumentali di quest'ultimo. Il reverse charge, da noi amministratori tanto temuto, non si applicherà quindi ai condomini, ma limiterà il suo ambito di applicazione ai casi di appalto alle cosiddette Partita Iva. Ci complimentiamo con noi stessi e quanti hanno dato il loro contributo per aver evitato il rischio che, lavori appaltati dal condominio (tipo le facciate), si bloccassero causa l'obbligo di sospendere i pagamenti all'impresa (la quale avrebbe, a sua volta, sospeso i lavori) con la conseguenza di ponteggi fermi in facciata, fastidi e problemi per i condomini. Ma soprattutto maggiori costi per l'occupazione suolo. Grazie a tutti". Un provvedimento per il quale "UNAI si è battuto da tempo, a testimonianza dell'impegno concreto per salvaguardare il lavoro degli amministratori di condominio: la restrizione dell'obbligo relativo al reverse charge è per noi una vittoria", sottolineano Gianluca Sanguedolce, Segretario Provinciale Sindacale UNAI Bat, e il dott. Angelo Frisardi, Segretario Provinciale CSC.

Spieghiamo anzitutto come funziona questo meccanismo: in una transazione tra due soggetti ai fini IVA, il fornitore applica l'aliquota in fattura addebitandone il pagamento al cliente e successivamente contribuendo la somma allo Stato. Un procedimento, però, che può essere soggetto ad evasione fiscale da parte dei soggetti commissionati che trattengono l'ammontare dell'imposta: ed ecco che entra in gioco il reverse charge, finalizzato ad eliminare l'evasione dell'IVA, evitando che l'acquirente detragga tale imposta anche in mancanza di versamento da parte del fornitore. In sostanza, l'inversione contabile è una deviazione alla normale contribuzione dell'IVA e prevede che sia il committente del servizio a pagare direttamente l'IVA al posto del fornitore: l'onere, dunque, si sposta dal cedente al cessionario nel caso di cessione dei beni e dal prestatore al committente per prestazioni di servizi. Affinchè questo meccanismo possa essere applicato, è necessario che entrambe le parti siano soggetti passivi IVA di imposta e che il destinatario del bene risieda nel territorio dello Stato.
  • UNAI - Unione Nazionale Amministratori d'Immobili
Altri contenuti a tema
Inquinamento elettromagnetico e salute delle persone: UNAI in primo piano nei temi d’attualità Inquinamento elettromagnetico e salute delle persone: UNAI in primo piano nei temi d’attualità Ad Andria si è svolto il primo convegno dell'annualità 2019/2020 per la formazione degli Amministratori di Condominio
“Elettrosmog in condominio”: UNAI avvia ad Andria il nuovo anno formativo “Elettrosmog in condominio”: UNAI avvia ad Andria il nuovo anno formativo Sabato 14 dicembre convegno all’ITES “E. Carafa”. Presenzierà anche il Presidente della Provincia Bat, Bernardo Lodispoto
UNAI, Regolamento di Sicurezza Urbana: sanzioni da 50 a 500 euro per i trasgressori nei condomini UNAI, Regolamento di Sicurezza Urbana: sanzioni da 50 a 500 euro per i trasgressori nei condomini Dall'entrata in vigore il 16 agosto 2019, segnalati già alcuni casi di infrazioni nelle abitazioni
UNAI accoglie con soddisfazione il Regolamento di Polizia e Sicurezza Urbana UNAI accoglie con soddisfazione il Regolamento di Polizia e Sicurezza Urbana Il nuovo aggiornamento disciplina i comportamenti dei cittadini nelle aree pubbliche e all'interno delle abitazioni
UNAI chiude ad Andria la formazione 2018/2019 e lancia nuove idee per il futuro UNAI chiude ad Andria la formazione 2018/2019 e lancia nuove idee per il futuro Al Cristal Palace Hotel il convegno “Novità legislative, tecniche e giurisprudenziali”
“Novità legislative, tecniche e giurisprudenziali”: nuovo convegno UNAI ad Andria​ “Novità legislative, tecniche e giurisprudenziali”: nuovo convegno UNAI ad Andria​ Sabato 28 settembre appuntamento con la formazione degli Amministratori di Condominio
L'acqua e i suoi "intrusi": il Decreto 31, la direttiva sull'acqua da bere L'acqua e i suoi "intrusi": il Decreto 31, la direttiva sull'acqua da bere Il condominio in tutti i suoi aspetti: decimo approfondimento di UNAI Bat con il contributo del dott. Giuseppe Novelli
L'acqua e i suoi "intrusi": linee guida per la prevenzione e il controllo della legionella L'acqua e i suoi "intrusi": linee guida per la prevenzione e il controllo della legionella Il condominio in tutti i suoi aspetti: nono approfondimento di UNAI Bat con il contributo del dott. Giuseppe Novelli
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.