Progetto ContaAmare
Progetto ContaAmare
Associazioni

Progetto ContaAmare, la generosità degli andriesi e la missione di volontari in oncologia

Undici ragazzi provenienti dalla Bielorussia hanno conosciuto la Puglia e vissuto esperienze indimenticabili

«Sono stati con noi solo 11 giorni, ma sono state giornate così piene ed entusiasmanti che è stato difficile salutarli. Gli undici ragazzi di età compresa fra i 9 e i 13 anni provenienti dalla Bielorussia, ospiti del progetto ContaAmare, - dichiarano dal Calcit di Andria - sono diventati per noi più che amici da aiutare. Sono diventati volti e individualità che ricorderemo per sempre. Sono riusciti a mettersi alle spalle le loro patologie oncologiche e sono entrati con la stessa tenacia nei nostri cuori.

Perché? Non è facile da spiegare. Prima di conoscere Katia, Maxim, Ivan o Ksenia, abbiamo conosciuto le loro storie cliniche. Sapevamo già che venivano da case famiglia o da nuclei familiari di umili origini. Altri avevano la fortuna di avere famiglie più compatte alle loro spalle. Tutti avevano alle spalle un'esperienza in comune: gli anni fra i centri oncologici bielorussi. Giornate intere fatte di visite mediche, prelievi, esami e sedute di chemio e radioterapia. Prima di salire sull'aereo che da Minsk li ha portati a Roma e poi a Bari, i ragazzi non si conoscevano. La loro esperienza in comune li ha fatti entrare in contatto.

Ad attenderli all'aeroporto c'eravamo noi: il CALCIT di Andria, l'Associazione Giorgia Lomuscio, la Confraternita della Misericordia di Andria, la GABB (Gruppo Accoglienza Bambini Bielorussi) e il Rotary Club Castelli Svevi. Da quel momento di accoglienza è cominciato un viaggio che per loro resterà unico nel suo genere. Hanno conosciuto la Puglia e hanno visto e vissuto esperienze e paesaggi indimenticabili. Hanno respirato l'aria delle nostre campagne, fra Andria e Corato. Hanno raccolto l'uva dalle vigne, hanno accarezzato gli ulivi e hanno raccolto prugne, pesche e fichi. Hanno visto il mare per la prima volta e ci hanno convinti a tornarci anche quando non era previsto dal nostro programma. Hanno visto per la prima volta i pavoni, le giraffe e le zebre, sono entrati per la prima volta in un parco come lo Zoo Safari a Fasano. Hanno visitato le grotte di Castellana, le saline di Margherita di Savoia e i trulli di Alberobello.

Il nostro sforzo organizzativo è stato importante e lo abbiamo orientato su tre obiettivi: aiutare i bambini dal punto di vista medico, poiché la sola esperienza di respirare aria pulita, soprattutto in riva al mare, ha dato loro grandi benefici; far conoscere la nostra terra a chi non l'ha mai vista, nella speranza che a loro rimanga nel cuore e che comprendano che la diversità e la tutela di luoghi diversi da casa propria diventi parte della loro esperienza di via; regalare a questi ragazzi un'esperienza indimenticabile. Sentiamo di aver raggiungo con successo i nostri scopi.

Senza incorrere in banalità, qualche parola finale sulla sostenibilità del progetto: le spese che avevamo previsto erano molto più importanti di quelle che abbiamo effettivamente sostenuto. La previsione di spesa è stata difficile da raggiungere in una fase organizzativa, anche perché non abbiamo voluto sacrificare delle esperienze per i ragazzi solo perché pensavamo di non poterne sostenere i costi. Non abbiamo rinunciato a niente, abbiamo tenuto duro. Per scelta, abbiamo deciso di usufruire esclusivamente di energie e risorse private. Non abbiamo chiesto contributi agli enti pubblici – e del resto sarebbe stato assai difficile. Siamo stati felicemente sorpresi e travolti dalla generosità dei nostri concittadini, che con le loro donazioni esclusive per il progetto ci hanno permesso di dimezzarne i costi. Un ringraziamento particolare va anche alle attività commerciali andriesi, a quelle di Corato e Margherita di Savoia, che hanno deciso di far conoscere ai ragazzi il loro "saper fare", e alle altre associazioni che hanno deciso di regalare una mattina o un pomeriggio ai nostri amici bielorussi. Presto illustreremo ancora meglio l'attività di questo trentacinquesimo anno di attività del CALCIT. Nel frattempo, un ringraziamento. A tutti».
ContaAmareContaAmareContaAmare
  • calcit andria
Altri contenuti a tema
Calcit, arrivano gli ospiti del progetto ContaAmare Calcit, arrivano gli ospiti del progetto ContaAmare Sono 11 bambini che giungono dalla Bielorussia
CALCIT di Andria: “Collaborazione e condivisione alla base del progetto Contamare” CALCIT di Andria: “Collaborazione e condivisione alla base del progetto Contamare” Cinque associazioni andriesi accoglieranno undici ragazzi bielorussi in remissione oncologica, per scoprire le bellezze della Puglia
Montegrosso: evento di beneficienza tra musica e cultura della alimentazione Montegrosso: evento di beneficienza tra musica e cultura della alimentazione Sabato 29 giugno alle ore 20, l'iniziativa è stata curata dal Calcit, JazzIn e dalla condotta Slowfood Castel del Monte
35 anni di Calcit, inaugurazione del "Giardino dei ricordi" 35 anni di Calcit, inaugurazione del "Giardino dei ricordi" Il 24 maggio alla scuola "Vittorio Emanuele III"
Festa della mamma, le piantine fiorite del Calcit in piazza Festa della mamma, le piantine fiorite del Calcit in piazza Sabato e domenica in Viale Crispi e in 5 parrocchie di Andria
Mons. Luigi Renna questa sera ospite del CALCIT presso la chiesa dei Cappuccini Mons. Luigi Renna questa sera ospite del CALCIT presso la chiesa dei Cappuccini L'appuntamento, inizialmente fissato alle 19:00, sarà rimandato di 30 minuti
"Dio, dove sei?": dialogo di riflessione culturale e religiosa con il Calcit di Andria "Dio, dove sei?": dialogo di riflessione culturale e religiosa con il Calcit di Andria Secondo appuntamento presso la Chiesa delle Sacre Stimmate dopo l'incontro di febbraio scorso
“Dio dove sei?”: due incontri spirituali organizzati dal C.a.l.c.i.t. di Andria “Dio dove sei?”: due incontri spirituali organizzati dal C.a.l.c.i.t. di Andria Previsti per martedì 12 e giovedì 28 febbraio alle ore 19.00, presso la sala Parrocchiale delle Sacre Stimmate
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.