Carcere di Trani
Carcere di Trani
Cronaca

Pesanti condanne per due disoccupati di Andria: finanziavano il terrorismo jihadista

Con altri due andriesi erano stati arrestati nel luglio 2021 nell’ambito dell’inchiesta internazionale «Il Libanese»

Dure condanne quelle pronunciate dal Gup del Tribunale di Bari nei confronti di due disoccupati di Andria, il 42enne P. P. ed il 30enne W. L.. Il giudice monocratico li ha ritenuti colpevoli di finanziamento al terrorismo jihadista e pertanto li ha condannati il primo alla pena di 5 anni di reclusione, mentre il secondo a 6 anni e 10 mesi.

Secondo la pronuncia del giudice penale barese, i due avrebbero inviato denaro, tra il 2015 ed il 2020, attraverso un money transfer di Andria, la cifra di un milione di euro in 49 Nazioni, per finanziare jihad e foreign fighters. I due condannati, all'epoca dei fatti disoccupati, avrebbero ricevuto in cambio 50 euro a settimana. Coinvolti anche altri due concittadini, ancora a processo a Trani. I quattro erano stati infatti arrestati nel luglio 2021 nell'ambito dell'inchiesta denominata «Il Libanese», coordinata dal pm della Direzione Distrettuale Antimafia Bari, Ettore Cardinali.

A segnalare attività sospette alle Autorità giudiziarie italiane erano stati i colleghi francesi, all'indomani della strage del teatro Bataclan. Gli invii di denaro erano destinati soprattutto in Libano, Turchia, Serbia, Russia ed Emirati Arabi. Come dicevamo ci sono altri due andriesi coinvolti nell'inchiesta, in attesa di giudizio. Sono il 32enne G. V., 32enne disoccupato ed il 29enne V. T., entrambi con precedenti di giustizia. Sono attualmente a processo, con rito ordinario, davanti alla Corte d'Assise di Trani.
  • tribunale di trani
  • direzione distrettuale antimafia
  • attentato terroristico
Altri contenuti a tema
Dalla Cassazione condanne definitive per gli ex pm Michele Ruggiero e Alessandro Pesce Dalla Cassazione condanne definitive per gli ex pm Michele Ruggiero e Alessandro Pesce I reati accertati sono di concorso in tentata violenza privata
Additato come un truffatore e ladro, torno al lavoro senza rancore, con spirito di servizio e tanta gioia nel cuore Additato come un truffatore e ladro, torno al lavoro senza rancore, con spirito di servizio e tanta gioia nel cuore La toccante testimonianze del dottor Antonio Albanese e la ricostruzione di una vicenda umana, prima ancora che giudiziaria
Ordine degli Avvocati di Trani, tutti gli eletti nel nuovo consiglio Ordine degli Avvocati di Trani, tutti gli eletti nel nuovo consiglio Francesco Logrieco il più suffragato: ben 846 le preferenze espresse
Sequestri lampo: "Fenomeno esistente nel territorio" Sequestri lampo: "Fenomeno esistente nel territorio" Il plauso del sindaco Bruno all'operazione della Polizia di Stato
Pensionamento del presidente De Luce: l'abbraccio di tanti amici e colleghi Pensionamento del presidente De Luce: l'abbraccio di tanti amici e colleghi Una cerimonia ed un concerto per salutare un uomo delle Istituzioni, apprrezzato e stimato da tutti
Elezioni Ordine degli Avvocati di Trani: il saluto del Presidente uscente Tullio Bertolino Elezioni Ordine degli Avvocati di Trani: il saluto del Presidente uscente Tullio Bertolino Dopo 8 anni di mandato. La prossima settimana le elezioni per il rinnovo del Consiglio
Giustizia svenduta, la Corte d'Appello di Lecce annulla le condanne primo grado ai giudici Savasta e Scimè Giustizia svenduta, la Corte d'Appello di Lecce annulla le condanne primo grado ai giudici Savasta e Scimè Il processo riparte da zero a Potenza
Tribunale di Trani: prima applicazione del Cram down fiscale per un’azienda di Andria Tribunale di Trani: prima applicazione del Cram down fiscale per un’azienda di Andria Il debito fiscale, pari ad € 448.874,01 è stato, in virtù dell’accordo omologato dal Tribunale di Trani, ridotto ad € 98.231,41
© 2001-2023 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.