Panorama di Andria. <span>Foto Michele Guida</span>
Panorama di Andria. Foto Michele Guida
Associazioni

Onda d'Urto: «Andria tra le città più inquinate d’Italia? Sciatteria e diffamazione»

La presidente Angela Somma: «Ci impegniamo a contrastare i fattori di rischio evitabili, ma anche l’ignoranza e l’indifferenza»

«In questi giorni sono state fatte, dette e scritte molte sciocchezze a danno della nostra comunità. Non è accettabile, infatti, che ARPA lasci un sensore degli inquinanti aerodispersi, l'unica centralina del vastissimo territorio della città, direttamente dentro un cantiere in cui si sta scavando. Lo sanno tutti - scrive in una nota la dott.ssa Angela Somma, presidente dell'associazione Onda d'Urto onlus - che se si scava si produce polvere. Ebbene, i tecnici dell'ARPA, nonostante questa ciclopica svista nella buona pratica delle rilevazioni ambientali, non solo non hanno spostato la centralina ma hanno anche concluso che nella nostra città ci sono livelli di inquinanti molto alti.

E Legambiente nazionale cosa fa? Prende i dati di ARPA e stila la classifica ponendo la città di Andria tra le più inquinate d'Italia, disinteressandosi della buona pratica di rilevazione e senza neppure interpellare Legambiente locale, che ben conosce la posizione della centralina posizionata direttamente nel cantiere di scavo. Il risultato è che si diffonde a livello planetario che la città di Andria è immersa nelle polveri. È grottesco. Ci sarebbe da ridere se non fosse che stiamo parlando di cose molto serie, quale è la qualità di vita e di salute dei cittadini. Rendiamo dunque pubblico il nostro pensiero in merito al report "Mal Aria di città. Cambio di passo cercasi" Legambiente nazionale.

Dal primo giorno di fondazione della nostra associazione cerchiamo di sensibilizzare e informare le istituzioni e cittadini andriesi sulla necessità di redigere un Piano del Traffico Sostenibile e soprattutto cercare di fare ridurre l'utilizzo "superfluo" degli autoveicoli per ridurre l'esposizione alle polveri sottili. Ne sono prova le nostre iniziative del passato ai passaggi a livello per far spegnere i motori in sosta, gli incontri nelle parrocchie e nelle scuole per una campagna di dissuasione all'uso dei veicoli a motore. Ad Andria è necessario un monitoraggio costante, capillare e serio di tutte le fonti di inquinamento delle matrici ambientali. E ci stiamo provando con le altre associazioni del Forum Ricorda/Rispetta trovando nell'amministrazione comunale un interlocutore attento e disponibile. Di recente abbiamo stipulato un patto di collaborazione con il Comune per l'utilizzo delle centraline di misurazione dei campi elettromagnetici ed è aperto un tavolo tecnico per la redazione del Profilo di Salute della città.

Alla sciatteria e alla superficialità di chi dovrebbe tenere a cuore la protezione dell'ambiente e alla diffamazione della nostra comunità rispondiamo con il costante impegno a contrastare i fattori di rischio evitabili ma anche l'ignoranza e l'indifferenza».
  • inquinamento andria
  • onda d'urto
Altri contenuti a tema
Elettrosmog: Il Presidente del Consiglio Comunale ringrazia i cittadini per la loro presenza rispettosa e silenziosa Elettrosmog: Il Presidente del Consiglio Comunale ringrazia i cittadini per la loro presenza rispettosa e silenziosa Ieri durante i lavori del consiglio comunale
Elettromagnetismo: i cittadini protestano presso la sala consiliare Elettromagnetismo: i cittadini protestano presso la sala consiliare Flash mob dei residenti di via Scipione l’Africano presso Palazzo di Città
Elettrosmog: "99 medici si rivolgono ancora una volta alla Sindaca, ma le risposte non arrivano" Elettrosmog: "99 medici si rivolgono ancora una volta alla Sindaca, ma le risposte non arrivano" I quesiti che rimangono ancora aperti circa le richieste di tutela della salute pubblica
Antenna via Scipione l'Africano, Sindaco Bruno: "Resta una grandissima attenzione sul tema" Antenna via Scipione l'Africano, Sindaco Bruno: "Resta una grandissima attenzione sul tema" Risposta alla petizione dei medici sulla questione dell'elettrosmog e dei campi elettromagnetici causati dalle antenne
"Quando vivere nella tua città ti avvelena": se ne parla all'Officina San Domenico "Quando vivere nella tua città ti avvelena": se ne parla all'Officina San Domenico Ultimo appuntamento di "Visioni Scomode" mercoledì 5 giugno, con l'evento “BANGARANG”
Elettrosmog: petizione di 50 medici consegnata al sindaco Bruno Elettrosmog: petizione di 50 medici consegnata al sindaco Bruno "Chiediamo con insistenza la tutela della popolazione da fattori di rischio per malattie evitabili"
6 Cittadini vittime di rumori molesti notturni causa attività di pulizia stradale Cittadini vittime di rumori molesti notturni causa attività di pulizia stradale A nulla sono valse le numerose segnalazioni (formali e non) inviate agli uffici comunali ed alle ditte Gial Plast-SiEco-Impregico S.r.l
Dott. Leonetti: "I ripetitori della telefonia mobile? Non è tutto a posto!" Dott. Leonetti: "I ripetitori della telefonia mobile? Non è tutto a posto!" Intervento del medico oncologo, da anni impegnato sul fronte dell'inquinamento elettromagnetico
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.