Botti
Botti
Vita di città

Niente botti di Capodanno: rispetto per chi vive il dolore a causa del covid

Una riflessione dell'ecologista andriese Nicola Montepulciano. Appello al Sindaco Bruno per una apposita ordinanza

«Quest'anno nel periodo natalizio ci sono stati, per fortuna, pochissimi botti se non fosse stato per il solito imbecille che ha fatto esplodere una piccola serie di fuochi d'artificio. Gentaglia che, evidentemente, non ha rispetto o non ha provato il lancinante dolore di chi ha perso un parente per il maledetto Covid e anche per altre cause. Agli amanti del botto e del rumore sicuramente non avranno sofferto come chi si è visto privato degli affetti più cari.

C'è da sperare che, per la notte di Capodanno, non si senta nemmeno un botto per sommo rispetto verso chi quella notte decide di andare a letto per dimenticare, per qualche ora e non sentire quella tenaglia che tiene stretto lo stomaco per aver perduto il proprio congiunto senza poterlo assistere, né vederlo nell'ultimo istante di vita e neanche da morto. Se ne sono andati come scappati di casa, lasciando tutto e tutti. Un vuoto che rode lo stomaco. Non so se c'è stata una ordinanza sindacale che abbia vietato la vendita di tutti, proprio tutti, i tipi di botti, pericolosi e non. In caso contrario rivolgo una preghiera alla Sindaca Bruno di emanarla. Ho sempre provato distacco per quei c.d. "negozianti" che, pur di guadagnare soldi, allestiscono bancarelle per la vendita dei botti. Venditori di inquinamento atmosferico oltre che acustico. Ma bisogna dissentire e prendere le distanze da quelli che li comprano, in prevalenza giovani. A volte si vedono anche coppiette, di bell'apparenza, acquistare tali botti, così da palesare animi tutt'altro che rispettosi verso gli altri.

Come si sa i botti sono causa di feroci inquinamenti, con tutte le conseguenze negative per il pianeta. Quest'anno, oltre a quanto detto, c'è un motivo in più per proibirne l'uso. A detta di alcuni ricercatori, il Covid prospera benissimo con l'inquinamento. Lasciamo in pace chi quella notte vuole dormire, chi è ammalato, chi non ama sentire i botti, tanto l'anno nuovo, come sempre, non sarà diverso da quello vecchio: continueremo a vedere il virus baldanzoso a mietere vittime fino a quando il vaccino non lo contrasterà, a vedere i nostri giovani disoccupati, continueremo a pagare le tasse e vedere la città sempre più decadente, tutti i malati a sperare di guarire. Già, sperare e noi insieme a loro!»
  • Nicola Montepulciano
Altri contenuti a tema
Le pandemie tra ieri ed oggi e quel che accadde ad Andria con la peste nella metà del 1600 Le pandemie tra ieri ed oggi e quel che accadde ad Andria con la peste nella metà del 1600 Lo storico ambientalista Nicola Montepulciano ci racconta una pagina poco nota legata al passato della nostra Città
L'importantissimo bioma della "Murgia andriese" L'importantissimo bioma della "Murgia andriese" Una ricerca dell'ecologista andriese Nicola Montepulciano
Profughi afghani, Montepulciano: "Andria può ospitarne un numero discreto" Profughi afghani, Montepulciano: "Andria può ospitarne un numero discreto" L'appello alla cittadinanza dallo storico ambientalista Nicola Montepulciano
Le affascinanti piante alloctone presenti ad Andria Le affascinanti piante alloctone presenti ad Andria Poco valorizzate, conferiscono ai luoghi pubblici e non solo, un aspetto suggestivo: il commento di Nicola Montepulciano
Borgata di Troianelli: un luogo da tutelare con la masseria ducale e la quercia secolare Borgata di Troianelli: un luogo da tutelare con la masseria ducale e la quercia secolare Recentemente l'antica masseria è stata oggetto di una tesi di laurea in architettura, come annuncia l'ambientalista Nicola Montepulciano
Due querce di Andria inserite nell'elenco nazionale degli Alberi monumentali Due querce di Andria inserite nell'elenco nazionale degli Alberi monumentali La bella notizia resa nota dallo storico ecologista Nicola Montepulciano
L’ambientalista Nicola Montepulciano: «Alcune proposte per evitare sprechi inutili» L’ambientalista Nicola Montepulciano: «Alcune proposte per evitare sprechi inutili» Una riflessione dell'ecologista e ricercatore andriese
1 Vendita azienda Papparicotta: un ecosistema unico dalle enormi potenzialità per i giovani Vendita azienda Papparicotta: un ecosistema unico dalle enormi potenzialità per i giovani Lo storico ecologista andriese Nicola Montepulciano, interiene con un suo commento su questa paventata cessione
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.