agricoltura
agricoltura
Vita di città

Lavoratori immigrati, proroga permessi di soggiorno al 31 luglio 2021

Per la Coldiretti Puglia serve stretta sull'emanazione del Decreto Flussi

Prorogati al 31 luglio 2021 i permessi di soggiorno degli operai agricoli, in attesa che venga accelerata l'emanazione del Decreto Flussi 2021 che dovrebbero portare nelle campagne della Puglia altri 5mila lavoratori extracomunitari. A renderlo noto è Coldiretti Puglia, dopo che il Governo nella seduta del Consiglio dei Ministri n. 16 del 29 aprile 2021 ha approvato un decreto-legge, di prossima pubblicazione, che introduce la proroga al 31 luglio 2021 dei permessi di soggiorno in scadenza il 30 aprile.

"Grazie al pressing di Coldiretti è stata ottenuta la proroga al 31 luglio 2021 dei permessi di soggiorno, quando a pesare sono i limiti al passaggio nelle frontiere disposti da molti Paesi per l'avanzare dei contagi", spiega Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.
L'emergenza Covid ha determinato serie difficoltà nel reperimento di manodopera da parte delle aziende agricole, a causa lentezza delle procedure di regolarizzazione e di rilascio dei nullaosta stagionali e per la mancata pubblicazione del DPCM flussi 2021.

"Un problema grave in una situazione in cui a livello regionale viene ottenuto da mani straniere più di ¼ del Made in Italy a tavola, con oltre 38mila lavoratori stranieri che forniscono il 22,4% del totale delle giornate di lavoro necessarie al settore in Puglia. Il pericolo è la perdita delle produzioni in un momento in cui è importante assicurare l'approvvigionamento alimentare degli italiani pure per le difficoltà degli scambio commerciali. Da qui la richiesta di Coldiretti di accelerare nell'emanazione del Decreto Flussi 2021", afferma il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

Il pericolo è la perdita delle produzioni in un momento in cui è importante assicurare l'approvvigionamento alimentare degli italiani pure per le difficoltà degli scambio commerciali. Alle difficoltà per l'arrivo di manodopera straniera si aggiungono – continua Coldiretti - quelle burocratiche che ostacolano l'utilizzo dei lavoratori italiani. Non è stata, infatti, prorogata nel 2021 la possibilità di lavorare nelle campagne per i percettori di ammortizzatori sociali e del reddito di cittadinanza. Si tratta di contratti a termine non superiori a 30 giorni – spiega Coldiretti - rinnovabili per ulteriori 30 giorni, nel limite di 2000 euro per l'anno 2020, che potrebbero rappresentare un'opportunità importante per i bilanci delle famiglie anche per la situazione di difficoltà in cui si trovano altri settori economici.

"Dopo essere stato snobbato per decenni – insite il presidente Muraglia - si registra un crescente interesse degli italiani per il lavoro nelle campagne anche per la situazione di difficoltà in cui si trovano altri settori economici".
Una esigenza che si è fatta stringente con il calendario delle raccolte – aggiunge Coldiretti Puglia – che si intensifica con l'avanzare dei periodi di raccolta, dopo fragole, asparagi, carciofi, ortaggi in serra, ci saranno le grandi raccolte di ciliegie, albicocche, pesche e percoche fino all'uva da tavola, con la scalarità delle diverse varietà fino a settembre.

Una opportunità che deve essere dunque accompagnata da un piano per la formazione professionale e misure per la semplificazione ed il contenimento del costo del lavoro – conclude Coldiretti Puglia – con una radicale semplificazione del voucher "agricolo" che possa ridurre la burocrazia e consentire anche a percettori di ammortizzatori sociali, studenti e pensionati italiani lo svolgimento dei lavori nelle campagne in un momento in cui tanti lavoratori sono in cassa integrazione e le fasce più deboli della popolazione sono in difficoltà.
  • coldiretti
Altri contenuti a tema
Olio extra vergine d'oliva: sempre più straniero mentre crescono le sofisticazioni Olio extra vergine d'oliva: sempre più straniero mentre crescono le sofisticazioni Frantoiani ed olivicoltori chiedono maggiori controlli e tutela di uno dei settori trainanti del made in Italy
Xylella: la Regione concede l'autorizzazione all'impianto di ciliegi, agrumi ed albicocchi in zone infette Xylella: la Regione concede l'autorizzazione all'impianto di ciliegi, agrumi ed albicocchi in zone infette La notizia accolta con soddisfazione da Coldiretti: "Vitale aprire all'impianto anche di altre specie arboree"
Festa del Lavoro: niente gita fuori porta per 2mln di pugliesi Festa del Lavoro: niente gita fuori porta per 2mln di pugliesi Ancora in zona arancione restano chiusi 15mila bar, trattorie, ristoranti, 6500 pizzerie e 900 agriturismi della regione
Primo maggio, in fumo gite e scampagnate. Coldiretti: "Crack per 15mila ristoranti e bar" Primo maggio, in fumo gite e scampagnate. Coldiretti: "Crack per 15mila ristoranti e bar" Chiuse 6500 pizzerie e 900 agriturismi con effetti pesanti sull’insieme delle attività economiche ed occupazionali
Festa della Liberazione senza gite fuori porta: crack da 2mln di euro secondo Coldiretti Festa della Liberazione senza gite fuori porta: crack da 2mln di euro secondo Coldiretti In prospettiva di una parziale riapertura adesso preoccupa il coprifuoco che si intende mantenere per le ore 22
Apertura ristoranti: priorità per un pugliese su tre Apertura ristoranti: priorità per un pugliese su tre Una misura attesa dopo mesi di lockdown. Crollo del fatturato della ristorazione del 42% nel 2020
Sproporzionato aumento verdure e primizie di stagione a causa chiusura bar e ristoranti Sproporzionato aumento verdure e primizie di stagione a causa chiusura bar e ristoranti Con l'emergenza Coronavirus i consumatori vanno a caccia di vitamine per aiutare a rafforzare il sistema immunitario contro il virus
Agricoltura: sempre più donne presenti ai vertici di imprese in Puglia Agricoltura: sempre più donne presenti ai vertici di imprese in Puglia Quasi una azienda agricola su 3 è "rosa" e cresce anche il numero di agriturismi (+ 3,7%)
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.