Lolio cultivar coratina e la burrata di Andria protagoniste a livello nazionale e internazionale
Lolio cultivar coratina e la burrata di Andria protagoniste a livello nazionale e internazionale
Attualità

La Burrata di Andria e l'olio da cultivar Coratina nel programma "Camper" di Rai 1

All'eccellenza casearia andriese è stato anche dedicato un articolo su un'importante rivista specializzata della Francia

Le eccellenze gastronomiche della città di Andria e della Puglia sono ancora protagoniste nel panorama nazionale e internazionale. Il programma televisivo "Camper" in onda su Rai 1, condotto da Roberta Morise e Tinto, ha dedicato parte della puntata del 12 luglio scorso alla burrata di Andria e all'olio extravergine da cultivar coratina, prodotti raccontati dalla giornalista Monica Caradonna.

Alle pendici di Castel del Monte, si parte con la scoperta dell'olio con la guida del Conte Onofrio Spagnoletti Zeuli, come ricordato dalla Caradonna "erede dell'ultima famiglia proprietaria del maniero federiciano e uno dei precursori dell'olio di qualità nel nostro territorio", come anche proprietario dell'omonima azienda che vanta la presenza di oltre 40mila ulivi secolari. «La Puglia è un territorio meraviglioso, - ha spiegato Spagnoletti - una foresta di ulivi: il nostro olio è un prodotto eccezionale per la salute ed è molto utile per abbattere l'anidride carbonica. Fa bene al cuore e pulisce le arterie: io lo definisco uno "stura-arterie". Precedentemente veniva usato in bassissime percentuali per migliorare gli altri olii, invece oggi lo imbottigliamo così com'è». Come spiegato nel corso del programma, le proprietà benefiche di questo olio sono confermate anche dall'European Food Safety Authority (l'agenzia dell'Unione Europea che fornisce consulenza scientifica sui rischi associati alla catena alimentare), affermando che la coratina è la cultivar con la maggior concentrazione di composti fenolici; oltre che buona, dunque, è salutare.

Il servizio successivo è dedicato alla burrata di Andria: assieme alla giornalista Caradonna era presente il dott. Francesco Mennea, direttore del Consorzio di Tutela Burrata di Andria IGP che comprende 14 aziende. Mennea ha brevemente ricordato la nascita di questo prodotto ormai famoso anche fuori dai confini nazionali: la storia racconta che negli anni '30 del secolo scorso una forte nevicata stava per impedire il trasporto del latte dalle pendici di Castel del Monte alla città di Andria. Il mastro casaro Lorenzo Bianchino ebbe così un'intuizione, realizzando una sorta di sacchetto protettivo per conservare il latte, usando la tecnica della manteca tipica del burro. Dopo aver ricordato le origini del prodotto, Mennea ha spiegato che il riconoscimento di IGP (Indicazione Geografica Protetta) dato dall'Unione Europea distingue in maniera inequivocabile la burrata di Andria dalle sue imitazioni. Il servizio si chiude con una rapida spiegazione sulle fasi di preparazione della burrata.

«Ringraziamo tutto lo staff della trasmissione di Rai 1 "Camper", - ha dichiarato Mennea - la regista Moira Anastagi ed in particolar modo la presentatrice Monica Caradonna, giornalista enogastronomica pugliese, che ha saputo cogliere a pieno lo spirito brioso della nostra eccellenza ed è riuscita a trasmetterlo ai telespettatori. Si ringrazia il Conte Spagnoletti Zeuli, l'Agriturismo Montegusto, Puglia Promozione, la Consigliera Regionale Grazia Di Bari ed i nostri eccelsi casari. La Burrata di Andria torna protagonista sulla principale rete televisiva italiana e già si prepara ad ulteriori interventi divulgativi di importanti Tv straniere nel prossimo autunno». Il prelibato prodotto caseario della nostra città è ormai noto anche all'estero: la rivista specialistica francese "Profession Fromager" (edita anche in Inghilterra e Brasile) ha dedicato un importante articolo alla burrata, spiegandone la storia e le caratteristiche nonché citando in quattro piccoli paragrafi altrettante aziende andriesi che producono la burrata. Sulla prima pagina della rivista l'eccellenza gastronomica di Andria è definita "Tube de l'été", ovvero la star dell'estate francese.
WhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image at
  • burrata di Andria
  • olio extravergine di oliva cultivar Coratina
  • Consorzio per tutela e valorizzazione della burrata di Andria I.G.P.
Altri contenuti a tema
Nubi sempre più minacciose sul futuro dell'olivicoltura di qualità Nubi sempre più minacciose sul futuro dell'olivicoltura di qualità Crescono i costi mentre scendono i ricavi delle imprese. Pesanti le ricadute per la Puglia
Tra siccità ed incendi, in pericolo gli ulivi centenari di Andria Tra siccità ed incendi, in pericolo gli ulivi centenari di Andria Il Comitato Liberi Agricoltori Andriesi: "I tanti proprietari, a causa dell’annata di vuota che si apprestano ad affrontare, sono scoraggiati ad effettuare tali lavori perché molto costosi"
Burrata di Andria IGP, tutela e valorizzazione: Di Bari (M5S) incontra l'assessore Pentassuglia Burrata di Andria IGP, tutela e valorizzazione: Di Bari (M5S) incontra l'assessore Pentassuglia Durante la riunione hanno discusso delle misure per la tutela del prodotto e del sostegno del lavoro dell’industria lattiero casearia
1 Andria e Castel del Monte, ancora una volta in diretta su RAI 1 nella trasmissione Camper Andria e Castel del Monte, ancora una volta in diretta su RAI 1 nella trasmissione Camper La Burrata di Andria IGP e l'olio extra vergine d'oliva del Conte Spagnoletti Zeuli, in diretta dalle ore 11.30
E' l'andriese Riccardo Cassetta il nuovo Presidente dell’Associazione Italiana dell’Industria Olearia E' l'andriese Riccardo Cassetta il nuovo Presidente dell’Associazione Italiana dell’Industria Olearia L'imprenditore oleario è attualmente vicepresidente di Confindustria Bari-Bat
L'olio extravergine d'oliva pugliese è il prodotto agroalimentare più taroccato d'Italia L'olio extravergine d'oliva pugliese è il prodotto agroalimentare più taroccato d'Italia Ad affermarlo è Coldiretti Puglia, in base al rapporto 2021 dell'Ispettorato Repressione Frodi del Ministero delle Politiche Agricole
La Puglia tra le regioni più green d'Italia anche grazie al suo olio d'oliva ed alla Burrata di Andria La Puglia tra le regioni più green d'Italia anche grazie al suo olio d'oliva ed alla Burrata di Andria Nella regione ci sono 245mila ettari di aree naturali protette, 311 prodotti riconosciuti tradizionali dal MIPAF, 11 prodotti DOP e 9 IGP
Schiaffo all'olivicoltura pugliese: in arrivo dalla Tunisia 57mila tonnellate di olio d'oliva senza dazi Schiaffo all'olivicoltura pugliese: in arrivo dalla Tunisia 57mila tonnellate di olio d'oliva senza dazi Coldiretti chiede che siano applicati gli stessi criteri di trasparenza e tracciabilità richiesti per l'olio italiano
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.