Galizia
Galizia
Politica

L'on. Galizia interroga il Ministro su pannolini monouso potenzialmente pericolosi. Il VIDEO

L'allarme arriva dalla Francia. L'intervento della deputata M5S ha sollevato un problema che potrebbe coinvolgere anche l'Italia

C'è un allarme pannolini monouso che arriva dalla Francia e precisamente l'Agenzia nazionale di sicurezza sanitaria francese (ANSES): in alcuni di questi prodotti, anche in quelli definiti "ecologici", ci sarebbero sostanze tossiche, nocive per la salute dei nostri piccoli.

A parlarne alla Camera dei Deputati, nella giornata di ieri 1° febbraio, è stata la deputata giovinazzese Francesca Galizia, che ha interrogato il Ministro della Salute, Giulia Grillo.

«Gli esperti dell'Agenzia francese - ha fatto notare la deputata del MoVimento 5 Stelle - hanno rilevato che, fatta eccezione per i profumanti, tali sostanze tossiche non sarebbero state aggiunte intenzionalmente ma deriverebbero, nella maggior parte dei casi, da una contaminazione da materie prime, dall'utilizzo di sottoprodotti, come le colle o sostanze usate per lo sbiancamento, o dalla comparsa durante il processo di produzione (riscaldamento, candeggio): pertanto, l'agenzia francese ha invitato i produttori a "controllare meglio l'origine delle materie prime [...]e migliorare i processi di produzione";

tra le sostanze incriminate - ha proseguito Galizia - sarebbero state riscontrate all'interno dei pannolini usa e getta anche tracce di glifosato, l'erbicida sviluppato dall'azienda di biotecnologie agrarie Monsanto, il diserbante più venduto al mondo, il cui utilizzo, nonostante campagne e mobilitazioni in Europa è ancora autorizzato, pur essendo stato classificato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come possibile cancerogeno e pericoloso interferente ormonale».

Circa 60 le sostanze tossiche trovate sui campioni e secondo l'Agenzia francese capaci anche di «migrare nelle urine ed entrare in contatto prolungato con la pelle dei bambini e aggredirla» mentre altre sostanze, aggiunte intenzionalmente, come i profumi «possono procurare allergie cutanee", ed altre ancora "possono venire da materie prime contaminate», compresa la diossina, tossica e cancerogena».

L'intervento del Ministero della Salute transalpino c'è stato è le aziende francesi, nonostante le sostanze non superino una determinata soglia, devono prendere un serie di accorgimenti per «eliminare l'uso di sostanze profumanti, in primo luogo quelle che potrebbero presentare effetti sensibilizzanti sulla pelle; migliorare il controllo dell'origine delle materie prime naturali che possono essere contaminate anche prima della produzione; migliorare i processi di produzione; rafforzare il controllo delle sostanze chimiche nei pannolini usa e getta sul mercato».

E quindi in Francia è allo studio un piano dettagliato, con cui i produttori dovranno far capire ai tecnici ministeriali come procederanno.

Da qui la richiesta di Francesca Galizia di chiarimenti, anche perché i bimbi italiani non sarebbero immuni da queste sostanze, vista l'importazione continua dei pannolini monouso (si stima che nei primi 36 mesi di vita ne vengano utilizzati circa 4.000). La deputata ha chiesto al Ministro Giulia Grillo di fare chiarezza e dal dicastero della Salute sono arrivate alcune risposte rassicuranti.

Intanto il Ministro ha reso noto che i dati sono stati resi pubblici dal Governo Macron solo il 23 gennaio scorso ed ha poi specificato che sin dal 2017 il nostro Ministero ha avviato una indagine conoscitiva dopo il rapporto Anses.

«Nel corso dell'indagine - spiega la nota ministeriale -, l'Istituto Superiore di Sanità ha analizzato quattordici campioni di tredici differenti marche di tali prodotti, rilevando la presenza diidrocarburi policiclici aromatici (IPA) su dodici di essi, a conferma di quanto evidenziato dall'ASEF. Le quantità di IPA determinate nei prodotti in questione sono risultate, tuttavia, ben al di sotto del valore limite fissato dal regolamento europeo 1907/2006».

L'indagine conoscitiva dell'Istituto Superiore di Sanità si è quindi conclusa nel marzo 2018, ma di fatto si è andata ad intersecare con quella svolta su campioni di prodotti per l'igiene intima femminile a seguito di studi, condotti in Francia, Svezia e Danimarca, che hanno dimostrato la presenza di sostanze pericolose (ad esempio fragranze, pesticidi, diossine e furani) anche in tali prodotti.

La summa della risposta del dicastero della Salute e che è stata avviata un'altra indagine per quest'altro problema sin dalla fine del 2018 e che per ciò che concerne i pannolini monouso «alla luce di quanto di recente comunicato dal Governo francese in data 23 gennaio 2019, questo Ministero valuterà l'estensione della menzionata ricognizione anche ai pannolini per bambini, ed avvierà uno scambio di informazioni con gli istituti scientifici di altri Stati membri dell'U. E. (quali ad esempio l'ANSES francese), con la Commissione Europea e con l'Agenzia Europea per le sostanze chimiche (ECHA), al fine di ottimizzare gli sforzi a tutela della salute».
  • Sanità
  • M5S Puglia
  • on. Francesca Galizia
Altri contenuti a tema
FIALS: "La Asl Bt proroga i contratti in scadenza al 30 giugno" FIALS: "La Asl Bt proroga i contratti in scadenza al 30 giugno" Soddisfazione dei Segretari Somma e Di Liddo: "Ringraziamo la Direzione strategica aziendale"
Liste d'attesa in sanità: dedicare 4 ore a settimana per attività non assistenziali a prestazioni mediche aggiuntive Liste d'attesa in sanità: dedicare 4 ore a settimana per attività non assistenziali a prestazioni mediche aggiuntive La proposta CIMO-FESMED per recuperare 22 milioni di ore di assistenza l’anno
Pronto soccorso presi d’assalto, tra medicina territoriale assente e carenza di personale Pronto soccorso presi d’assalto, tra medicina territoriale assente e carenza di personale La denuncia del capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, Paride Mazzotta
FIALS chiede alla Asl Bt la proroga dei contratti in scadenza al 30 giugno e la stabilizzazione del personale a tempo determinato FIALS chiede alla Asl Bt la proroga dei contratti in scadenza al 30 giugno e la stabilizzazione del personale a tempo determinato Nota della Segreteria aziendale FIALS Asl Bt, a cura di Angelo Somma e Sergio Di Liddo
Sindaco Bruno: «Il nuovo ospedale si farà. La Regione con Palese  assicura ogni sforzo per risorse aggiuntive» Sindaco Bruno: «Il nuovo ospedale si farà. La Regione con Palese assicura ogni sforzo per risorse aggiuntive» I Primi Cittadini della Bat fanno squadra, al fianco dei vertici Asl Bat e della stessa Regione
CIMO: le 5 richieste dei medici per frenare la fuga dagli ospedali CIMO: le 5 richieste dei medici per frenare la fuga dagli ospedali Anche la delegazione CIMO Puglia ha partecipato ai lavori della Direzione Nazionale da cui è stata elaborata questa mozione
Carenza di medici per il servizio 118 della Asl Bt: rischio chiusura per le postazioni di Canosa di Puglia e Trani Carenza di medici per il servizio 118 della Asl Bt: rischio chiusura per le postazioni di Canosa di Puglia e Trani La denuncia della Segreteria provinciale Federazione Sindacati Indipendenti USAE
Nuovo ospedale di Andria: in Regione si torna a discutere del finanziamento regionale e della rete stradale da realizzarsi Nuovo ospedale di Andria: in Regione si torna a discutere del finanziamento regionale e della rete stradale da realizzarsi Lunedì mattina, 30 maggio seduta della I Commissione, presso l'aula consiliare della Regione
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.