Ipsia Archimede via Barletta Andria
Ipsia Archimede via Barletta Andria
Vita di città

IPSIA, centrosinistra: «Studenti e operatori non sono pacchi postali»

Anche la coalizione del centrosinistra di Andria ribadisce che l'istituto secondario deve rimanere in città

«Il "tessuto" della nostra comunità non può subire altri strappi. Anni di abbandono e di debolezza - scrive in una nota la coalizione di centrosinistra di Andria - ci hanno già tolto troppo. Quindi nessuno può pensare di trasferire una scuola secondaria, con specializzazione importante per l'industria della moda, in un'altra città. Senza consultare né gli operatori scolastici, fortemente contrari, tantomeno studenti e genitori che a poche settimane dall'inizio del nuovo anno, nulla sanno del loro futuro. Tanto più che, a quanto pare, non c'è nessuna urgenza e nessuna emergenza in atto, che possa giustificare uno spostamento addirittura in un'altra città. Come se studenti e operatori fossero pacchi postali.

Qui non c'entra il campanilismo. Una scuola si trova ad Andria perché rientra in un dimensionamento scolastico ben preciso. Stessa cosa dicasi per qualsiasi altra scuola di qualunque altra città. C'è un piano scolastico regionale, ci sono le attribuzioni degli istituti a questa o a quella comunità, ci sono le scelte che lavoratori, alunni e famiglie fanno a seconda di dove si trovi la scuola. Nessuna scuola pubblica può cambiare città per motivi gestionali interni agli uffici della provincia. L'IPSIA ha un esosissimo contratto che andrà a scadenza nel 2023. Possibile che per un altro anno scolastico non si riesca a consentire la prosecuzione naturale dell'attività scolastica, eventualmente cercando subito una soluzione idonea e funzionale per il futuro?

Hanno fatto molto bene Sindaco e Amministrazione ad impedire che prendesse piede l'idea di uno spostamento dell'istituto scolastico in questione addirittura in un'altra città. Con la scusa della momentaneità ma con il presupposto di un contratto con un privato, la cui durata, si sa, è di almeno sei anni prolungabili per altrettanti anni. Altro che momentaneità. Praticamente si tratterebbe di un vero e proprio scippo della scuola alla città di Andria. Bene ha fatto il Sindaco a prestare collaborazione istituzionale alla provincia, pur di trovare altre soluzioni, sempre orientate alla salvaguardia degli studenti e di quanto ruota attorno a loro. In ultimo si stanno infatti prendendo in considerazione ipotesi fra cui quella di uno sdoppiamento, richieste proprio dalla stessa dirigenza scolastica dell'IPSIA, non dimenticando che eventuali soluzioni comunque devono salvaguardare la qualità didattica anche delle scuole ospitanti, degli alunni e delle famiglie, oltre che un significativo risparmio per le casse della Pubblica Amministrazione. Solo una battuta per la destra nostrana , che certo non merita più attenzione quando si arrampica sugli specchi: il Sindaco è una istituzione che rappresenta e tutela la città e la sua comunità, non qualcuno politicamente "attiguo" ad altri.

Continuano a pensare in termini di clan, non hanno cultura istituzionale e non riescono a rappresentare le comunità. La politica vera sceglie, difende gli studenti, le scuole, gli studi. Noi, e in primis il sindaco, siamo attigui a tutto questo. I soliti mestatori pensano invece che sia tutto un gioco di appartenenze, merce di scambio. Ecco come e perché hanno disastrato Andria. Per fortuna non sono attigui al governo adesso. Ma su una cosa siamo d'accordo con loro: l'IPSIA deve restare ad Andria».
  • Ipsia Archimede Andria
  • centrosinistra
Altri contenuti a tema
Il dottor D'Amelio rinuncia all'incarico di Amministratore Unico dell'AndriaMultiservice Il dottor D'Amelio rinuncia all'incarico di Amministratore Unico dell'AndriaMultiservice La decisione assunta per questioni legate al compenso ed alla complessità del lavoro da svolgere per la società in house del Comune di Andria
Andria Bene in Comune: "La strumentalizzazione su qualsiasi cosa succeda in città da parte del centro destra andriese" Andria Bene in Comune: "La strumentalizzazione su qualsiasi cosa succeda in città da parte del centro destra andriese" "Più volte abbiamo suggerito all'opposizione di stare in silenzio su alcuni temi per evitare figuracce" sottolineano dal movimento civico che sostiene l'Amministrazione Bruno
L’IPSIA Archimede di Andria avrà finalmente la sua sede: Comune concede un proprio suolo in zona Ipercoop L’IPSIA Archimede di Andria avrà finalmente la sua sede: Comune concede un proprio suolo in zona Ipercoop La decisione ieri sera, giovedì 26 maggio nel corso del consiglio comunale. La provincia risparmierà 88mila euro di fitto mensili
Torna il sereno nel Pd di Andria: "Confronto tra le forze politiche della maggioranza, prima di definire decisioni su questioni rilevanti" Torna il sereno nel Pd di Andria: "Confronto tra le forze politiche della maggioranza, prima di definire decisioni su questioni rilevanti" In un documento congiunto, il Capogruppo consiliare Michele Di Lorenzo ed il Commissario cittadino Lorenzo Marchio rilanciano l'azione politica
Ad Andria che aria si respira? Ad Andria che aria si respira? Mercoledì 16 marzo presentazione dei dati sull'inquinamento all'Ipsia
Randagismo ad Andria: «Accesi i riflettori su un problema storico» Randagismo ad Andria: «Accesi i riflettori su un problema storico» Le forze politiche che sostengono l'amministrazione Bruno, intervengono dopo quanto accaduto al quartiere Europa
Andria, concluso il primo ciclo delle rilevazioni sulla qualità dell'ambiente Andria, concluso il primo ciclo delle rilevazioni sulla qualità dell'ambiente Promosso dal Forum Ambiente e Salute "Ricorda Rispetta" ha visto impegnati gli studenti dell'IPSIA Archimede di Andria
Andria, che aria respiriamo? Partite le rilevazioni del Forum "Ricorda Rispetta" degli inquinanti aerodispersi Andria, che aria respiriamo? Partite le rilevazioni del Forum "Ricorda Rispetta" degli inquinanti aerodispersi Un monitoraggio sarà effettuato dagli studenti dell'IPSIA per tutto il periodo delle festività natalizie
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.