Accompagnamento
Accompagnamento
Speciale

Indennità di accompagnamento: come funziona e a chi spetta

Tutti i dettagli per richiederla

L'indennità di accompagnamento è una prestazione regolarmente riconosciuta dall'INPS per soggetti che presentano diverse difficoltà nella deambulazione senza il supporto di un accompagnatore o che non riescono a svolgere in autonomia le normali attività quotidiane. Possono richiedere questa indennità anche gli invalidi civili totali, dopo un attento esame della situazione soggettiva da parte di una commissione.

In quali casi viene concesso l'assegno di accompagnamento

L' indennità di accompagnamento funziona in modo differente rispetto a trattamenti assistenziali quali la pensione di inabilità civile o l'invalidità civile parziale. Viene rilasciata infatti considerando le condizioni peculiari di salute del richiedente, senza tenere conto invece né dell'età del soggetto, né del reddito del richiedente o dei membri facente dello stesso nucleo familiare: non è questa una variabile determinante per ottenere l'assegno di accompagnamento e, infatti, non viene richiesto il classico modello ISEE relativo ai redditi percepiti.

Per poter richiedere questa prestazione è necessario rispettare però alcune specifiche caratteristiche. In primo luogo bisogna essere cittadini italiani (le persone straniere devono essere iscritte come cittadini della Comunità Europea residenti in Italia). Per un soggetto extracomunitario è importante poter dimostrare di avere una residenza stabile nel paese e aver ottenuto un regolare permesso di soggiorno da almeno 1 anno.
In secondo luogo, è fondamentale poter dimostrare la propria non autosufficienza, venendo quindi riconosciuti invalidi civili al 100% o invalidi totali.

Qual è l'ammontare dell'assegno di accompagnamento?

Per ottenere questo supporto assistenziale è necessario che lo stesso venga approvato da una commissione composta da medici specializzati. Nel caso in cui venga confermato per il soggetto interessato, l'importo erogato è di 525,17 euro.

Dopo che la domanda viene presentata e in seguito accettata, l'erogazione dell'assegno ha una durata di 12 mesi e viene generalmente disposto il primo giorno del mese successivo in relazione a quando viene inoltrata la domanda.

Situazioni da tenere in considerazione

È importante anche sottolineare che l'assegno di accompagnamento può essere revocato a seguito di particolari eventi: nel primo caso quando vi è un ricovero. Se il beneficiario viene infatti ricoverato gratuitamente in un istituto statale riconosciuto, viene sospesa l'indennità assistenziale.

Ci sono però alcuni casi di ricovero dove comunque la prestazione continua ad essere erogata, in questo caso si fa particolare riferimento alla durata del ricovero. Se quest'ultimo è inferiore ai 30 giorni non si perde il diritto all'assegno: per tutti i ricoveri o gli interventi di breve durata, come ad esempio un day hospital, non c'è quindi da preoccuparsi. Non si perde l'erogazione neanche nel caso in cui il ricovero non sia totalmente a carico della struttura pubblica ospitante.

Un secondo caso, sicuramente più spiacevole, nel quale vi è la revoca dell'assegno di accompagnamento è il decesso del soggetto interessato. In questa ipotesi, saranno gli eredi a dover effettuare la comunicazione di decesso all'INPS o comunque dell'ente che sta erogando il servizio assistenziale. La morte del soggetto dovrà quindi essere comunicata con un'autocertificazione.

Può capitare di effettuare questa comunicazione in ritardo, in questo caso gli eredi continuerebbero a percepire la prestazione assistenziale. Se dovesse verificarsi questa circostanza, gli stessi saranno tenuti a restituire le somme percepite in modo ingiustificato (in questo caso si fa riferimento ovviamente solo alle somme percepite dopo la morte del soggetto).

Il primo passo da compiere quindi per ottenere questo importante assegno assistenziale è avere la certezza di essere nelle condizioni di poterlo richiedere. Infatti, se si rispettano tutti i requisiti previsti dalla legge e si effettuano le dovute comunicazioni secondo le procedure in vigore, dopo l'esito positivo dell'apposita commissione l'assegno viene erogato in tempi piuttosto brevi.
  • anziani
Altri contenuti a tema
Buoni servizio per  anziani e persone con disabilità.  Barone: “Da oggi è possibile  presentare le domande” Buoni servizio per anziani e persone con disabilità. Barone: “Da oggi è possibile presentare le domande” La nota dell'assessore regionale al Walfare Rosa Barone
Truffe agli anziani: il Comune avvia un percorso di co-progettazione rivolto a soggetti del Terzo Settore Truffe agli anziani: il Comune avvia un percorso di co-progettazione rivolto a soggetti del Terzo Settore Ci sono in tutto circa 30 mila euro a disposizione per una campagna di prevenzione e contrasto
Contagi in Rssa ad Andria, Spi Cgil Bat: “Chiediamo un incontro alla Asl” Contagi in Rssa ad Andria, Spi Cgil Bat: “Chiediamo un incontro alla Asl” Il segretario generale dei pensionati, Felice Pelagio: “Di nuovo a rischio anziani e persone fragili, questa fase va gestita”
Riapertura delle visite dei parenti e dei nuovi ricoveri nelle strutture residenziali Riapertura delle visite dei parenti e dei nuovi ricoveri nelle strutture residenziali Approvate le linee guida regionali
Caos vaccini a domicilio, ad Andria anziani over 80 attendono ancora la prima dose Caos vaccini a domicilio, ad Andria anziani over 80 attendono ancora la prima dose Nonostante la circolare del 25 marzo emessa dalla Regione Puglia, i medici di base ritardano con la somministrazione del vaccino
La ricchezza degli over 65 La ricchezza degli over 65 A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
Strutture per non autosufficienti e centro anti violenza: riaprono gli ingressi Strutture per non autosufficienti e centro anti violenza: riaprono gli ingressi Definite le misure per riavviare in sicurezza servizi sospesi quali i Centri Famiglie, gli Spazi neutri e l’Educativa domiciliare
Coronavirus, drammatico appello dell'associazione delle Rsa della Puglia: «Riportate a casa i vostri cari» Coronavirus, drammatico appello dell'associazione delle Rsa della Puglia: «Riportate a casa i vostri cari» Per il presidente di Assoap Margiglio: «Il contagio entrerà comunque attraverso il personale asintomatico»
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.