incendio dalena
incendio dalena
Territorio

Incendio Dalena: avviati a Barletta i primi campionamenti di terreno

Il sindaco Cannito ha scritto all’Autorità giudiziaria chiedendo che si possa dar seguito alla bonifica del sito andato in fiamme

Hanno avuto inizio questa mattina a Barletta, così come annunciato, i controlli e le verifiche sulla matrice suolo da parte di Arpa Puglia, congiuntamente agli operatori del Sian, il Servizio igiene degli alimenti e della nutrizione della Asl Bt, e degli agenti di Polizia locale del Nucleo Ambientale di Barletta.

E' stata presa in considerazione sia la zona individuata dall' Arpa quale area potenziale di massima ricaduta degli inquinanti sia la zona al suo esterno (sopravento al momento dell'incendio), per escludere la presenza di coltivazioni orticole o di alberi e piantagioni con frutti e per campionare il terreno che sarà analizzato, allo scopo di circoscrivere la zona e i terreni eventualmente contaminati da diossine e altri inquinanti sprigionati dall'incendio che il 29 dicembre scorso ha distrutto l'azienda Dalena Ecologica, nella zona industriale di Barletta, che si occupava di trattamento di rifiuti. Stamani sono stati effettuati quattro campionamenti di terreno, tre all'interno del cuneo individuato da Arpa quale area di massima ricaduta e uno al fuori di essa, nei pressi dell'ex cartiera. Non sono stati trovati terreni coltivati a orto ma solo vigneti e uliveti senza frutti.

Da palazzo di città, inoltre, il sindaco della Città della Disfida, Cosimo Cannito, recependo l'indirizzo della conferenza di servizi riunitasi ieri, con Arpa Puglia e Asl, ha scritto all'Autorità giudiziaria chiedendo che si possa dar seguito alla messa in sicurezza e bonifica del sito andato in fiamme, nel rispetto e compatibilmente con la misura del sequestro a cui l'area è sottoposta per le indagini, onde evitare una ulteriore e dannosa dispersione di ceneri e inquinanti.
  • inquinamento andria
Altri contenuti a tema
Parco dell’Alta Murgia e Sogesid: insieme contro la crisi climatica Parco dell’Alta Murgia e Sogesid: insieme contro la crisi climatica Impegno congiunto su Comunità energetiche, efficientamento edifici, muretti a secco e sentieristica
Compagni di Viaggio: "Le problematiche sull'ambiente continuano a non ricevere attenzioni" Compagni di Viaggio: "Le problematiche sull'ambiente continuano a non ricevere attenzioni" Le sollecitazioni ad intervenire su questioni che attengono la comunità cittadina, in primis la scuola e la vivibilità urbana
Rilevazione sostanze inquinanti aerodisperse ad Andria: indagine degli studenti del liceo "Nuzzi" Rilevazione sostanze inquinanti aerodisperse ad Andria: indagine degli studenti del liceo "Nuzzi" Progetto avviato grazie al contributo del medico oncologo Dino Leonetti
Smog problema cronico: Andria, Barletta e Bari tra le città pugliesi dove si respira peggio Smog problema cronico: Andria, Barletta e Bari tra le città pugliesi dove si respira peggio Elevata la percentuale di materiale particolato aerodisperso, proveniente dalla combustione delle autovetture
Andria, concluso il primo ciclo delle rilevazioni sulla qualità dell'ambiente Andria, concluso il primo ciclo delle rilevazioni sulla qualità dell'ambiente Promosso dal Forum Ambiente e Salute "Ricorda Rispetta" ha visto impegnati gli studenti dell'IPSIA Archimede di Andria
Andria, che aria respiriamo? Partite le rilevazioni del Forum "Ricorda Rispetta" degli inquinanti aerodispersi Andria, che aria respiriamo? Partite le rilevazioni del Forum "Ricorda Rispetta" degli inquinanti aerodispersi Un monitoraggio sarà effettuato dagli studenti dell'IPSIA per tutto il periodo delle festività natalizie
Lavori stradali su via Bari, serpentone di auto nelle vie adiacenti: "Qui nella zona l'aria è irrespirabile" Lavori stradali su via Bari, serpentone di auto nelle vie adiacenti: "Qui nella zona l'aria è irrespirabile" Manca il buon senso da parte di tanti cittadini, che potrebbero fare a meno di adoperare le autovetture
Svolta green della Regione, finanziamenti solo per l’acquisto di scuolabus a zero emissioni Svolta green della Regione, finanziamenti solo per l’acquisto di scuolabus a zero emissioni Gli acquisti dal 2022 solo con alimentazione elettrica, per un trasporto scolastico sostenibile
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.