incendio dalena
incendio dalena
Territorio

Incendio Dalena: avviati a Barletta i primi campionamenti di terreno

Il sindaco Cannito ha scritto all’Autorità giudiziaria chiedendo che si possa dar seguito alla bonifica del sito andato in fiamme

Hanno avuto inizio questa mattina a Barletta, così come annunciato, i controlli e le verifiche sulla matrice suolo da parte di Arpa Puglia, congiuntamente agli operatori del Sian, il Servizio igiene degli alimenti e della nutrizione della Asl Bt, e degli agenti di Polizia locale del Nucleo Ambientale di Barletta.

E' stata presa in considerazione sia la zona individuata dall' Arpa quale area potenziale di massima ricaduta degli inquinanti sia la zona al suo esterno (sopravento al momento dell'incendio), per escludere la presenza di coltivazioni orticole o di alberi e piantagioni con frutti e per campionare il terreno che sarà analizzato, allo scopo di circoscrivere la zona e i terreni eventualmente contaminati da diossine e altri inquinanti sprigionati dall'incendio che il 29 dicembre scorso ha distrutto l'azienda Dalena Ecologica, nella zona industriale di Barletta, che si occupava di trattamento di rifiuti. Stamani sono stati effettuati quattro campionamenti di terreno, tre all'interno del cuneo individuato da Arpa quale area di massima ricaduta e uno al fuori di essa, nei pressi dell'ex cartiera. Non sono stati trovati terreni coltivati a orto ma solo vigneti e uliveti senza frutti.

Da palazzo di città, inoltre, il sindaco della Città della Disfida, Cosimo Cannito, recependo l'indirizzo della conferenza di servizi riunitasi ieri, con Arpa Puglia e Asl, ha scritto all'Autorità giudiziaria chiedendo che si possa dar seguito alla messa in sicurezza e bonifica del sito andato in fiamme, nel rispetto e compatibilmente con la misura del sequestro a cui l'area è sottoposta per le indagini, onde evitare una ulteriore e dannosa dispersione di ceneri e inquinanti.
  • inquinamento andria
Altri contenuti a tema
Interventi anti inquinamento: la Regione destina alle province € 3 mln Interventi anti inquinamento: la Regione destina alle province € 3 mln Il finanziamento consentirà di svolgere attività di indagine per individuare i responsabili dei danni causati all'ambiente
Centro storico sempre più sporco: "Sta tornando ai tempi della movida selvaggia" Centro storico sempre più sporco: "Sta tornando ai tempi della movida selvaggia" La preoccupazione del Comitato Residenti Centro Storico di Andria
Il volto sporco di Andria: incuria e degrado in zona Sgarantiello Il volto sporco di Andria: incuria e degrado in zona Sgarantiello Ancora rifiuti nell’immediata periferia della città. Questa volta si tratta di cumuli di cavi elettrici
Montepulciano: "Come l'agricoltura può rappresentare una considerevole fonte di inquinamento" Montepulciano: "Come l'agricoltura può rappresentare una considerevole fonte di inquinamento" Lo storico ambientalista andriese ci fornisce un altro interessante spunto di riflessione sulla condizione in cui versa il nostro habitat
Potabilità pozzo n.4 delle Regione, Onda d'Urto vuole vederci chiaro Potabilità pozzo n.4 delle Regione, Onda d'Urto vuole vederci chiaro Le analisi effettuate hanno dato esito positivo per la presenza di sostanze nocive, addirittura cancerogene
Timori per possibile inquinamento acque del pozzo n.4 della Regione Timori per possibile inquinamento acque del pozzo n.4 della Regione Per il vicino pozzo artesiano della famiglia Ferri, il Sindaco ha dichiarato il divieto di emungimento
Fotocellula a Quarto di Palo: a chi serve? Fotocellula a Quarto di Palo: a chi serve? La perplessità di un lettore: "Incrocio poco trafficato. Il semaforo aumenta lo smog"
"Voi inquinate, noi ci ammaliano!" ancora proteste di CasaPound ad Andria "Voi inquinate, noi ci ammaliano!" ancora proteste di CasaPound ad Andria Preoccupa il costante aumento di malati di cancro e di leucemia
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.