Sacra Spina Andria
Sacra Spina Andria
Vita di città

Il ricordo del prodigio della Sacra Spina | 2

Nel 1308 la reliquia arrivò in città. Dal 1633 ci sono atti ufficiali del miracolo

La Sacra Spina, conservata nella Cattedrale di Andria, ha una lunghezza di circa «quattro dita – ci dice Mons. Merra, nel suo libro sulla sacra reliquia – ed ha una grossezza di un grosso filo di spago nel suo basso finimento». La descrizione del Vescovo, che ha studiato a fondo la reliquia, mette in evidenza che le "macchioline" presenti sulla superficie della stessa siano cinque, di cui quattro sono posizionate sulla curvatura della Spina ed una, più grande e visibile, è sulla punta.

Purtroppo dal 1308, quando la sacra reliquia fu donata al Capitolo di Andria, al 1633, data del primo miracolo di cui sono stati recuperati atti ufficiali, non è stato possibile risalire a quante altre volte il fenomeno si sia manifestato. I numerosi incendi e soprattutto la peste che ha colpito Andria in quei tre secoli di "buio storico", sono la principale causa dello smarrimento di preziosissimi archivi che avrebbero fornito notizie interessanti e molto utili per una ricerca più approfondita delle vicende più lontane nel tempo della Sacra Spina. Dal 1633, invece, notai e testimoni oculari hanno descritto l'avvenimento con scritture formali. I primi due prodigi avvennero a distanza di soli undici anni (1633 – 1644) e dalle abili parole degli storici, si evince con quale partecipazione di fede e preghiera la popolazione abbia accolto l'inspiegabile fenomeno. In particolare nel 1644, Mons. Cassiani Vescovo di Andria in quell'epoca, volle far dipingere un affresco in Cattedrale per ricordare lo straordinario evento e per rendere memoria alle future generazioni.

Nel 1701, dopo 57 anni il prodigio si ripetee. Ma un episodio particolare anima il racconto di Mons. Merra. In quell'occasione, infatti, una donna «ossessa, con urli e strida, furibonda e smaniante» corse verso la reliquia sacra esposta sull'altare maggiore tentando di colpirla; ma al comando di Mons. Ariani, Vescovo di Andria, «l'infelice cadde a terra, come corpo morto».
  • Sacra Spina
Altri contenuti a tema
La Sacra Spina accolta a Canosa di Puglia La Sacra Spina accolta a Canosa di Puglia Accolta dalla comunità parrocchiale di Santa Teresa del Bambin Gesù
Don Gianni Agresti racconta la Sacra Spina di Andria su TV2000 Don Gianni Agresti racconta la Sacra Spina di Andria su TV2000 Nella puntata del 9 marzo il custode della reliquia andriese è stato ospite in collegamento con la trasmissione "Bel tempo si spera"
La Sacra Spina di Andria sarà sabato 13 e domenica 14 marzo 2021 a Canosa di Puglia La Sacra Spina di Andria sarà sabato 13 e domenica 14 marzo 2021 a Canosa di Puglia Sarà esposta alla venerazione dei fedeli nelle parrocchie del centro storico
Mons. Luigi Mansi racconta il prodigio della Sacra Spina a TV2000 Mons. Luigi Mansi racconta il prodigio della Sacra Spina a TV2000 Il vescovo diocesano in collegamento questa mattina col programma "Bel tempo si spera"
1 Variazione cromatica della Sacra Spina, mons. Mansi: «Il Signore ci è vicino in quest'ora di prova» Variazione cromatica della Sacra Spina, mons. Mansi: «Il Signore ci è vicino in quest'ora di prova» Riflessione del Vescovo di Andria sul segno prodigioso avvenuto lo scorso 10 aprile, Venerdì Santo
Segno prodigioso! Non c’è spina senza rosa Segno prodigioso! Non c’è spina senza rosa Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Sacra Spina di Andria, una storia di fede e prodigi: nel 2016 l'ultimo evento miracoloso Sacra Spina di Andria, una storia di fede e prodigi: nel 2016 l'ultimo evento miracoloso Ieri sera l'annuncio del vescovo Mansi: la preziosa reliquia cambia colore. Dal 1633 il prodigio si è verificato ben quindici volte
Diocesi di Andria: osservata una variazione cromatica della Sacra Spina Diocesi di Andria: osservata una variazione cromatica della Sacra Spina E' accaduto al termine della Via Crucis del Venerdì santo, presieduta da Mons. Mansi
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.