Murgia
Murgia
Attualità

Il Parco dell'Alta Murgia presenta MurGeopark: il logo dell'Aspirante Geoparco Unesco

L'obiettivo della candidatura è entrar a far parte dell’UNESCO Global Geoparks, la rete mondiale dei geoparchi

Con il logo "MurgeoPark - Aspiring Unesco Geopark" entra nel vivo l'iter di candidatura a Geoparco Unesco, avviato dal Parco dell'Alta Murgia per valorizzare a livello mondiale il suo inestimabile patrimonio geologico, che racconta di dinosauri estinti e uomini primitivi vissuti nelle grotte. "MurGeopark" vuole accompagnare nel suo percorso di candidatura l'Aspirante Geoparco Unesco, un territorio millenario con numerose forme carsiche ipogee ed epigee come lame, doline e inghiottitoi tra i più profondi in Italia, intervallati a masserie, jazzi e a sconfinati pascoli rocciosi. Una ricchezza geologica e geomorfologica significativa per rarità, interesse scientifico, richiamo estetico e valore educativo.

«Con la candidatura Unesco il Parco dell'Alta Murgia si gioca la sua carta più importante – dichiara il presidente Francesco Tarantini – Ottenere il riconoscimento di Geoparco avrebbe ricadute positive su tutto il territorio, di cui beneficerebbero anche le aree contigue grazie all'avvenuta approvazione in Regione. Nell'Alta Murgia sarebbe scongiurata in via definitiva l'ipotesi di un sito per lo stoccaggio di scorie nucleari, del tutto incompatibile con un Geoparco. Stiamo lavorando per dare alla nostra terra visibilità e lustro. Attendiamo a breve la visita dei valutatori Unesco e incrociamo le dita.»

Il concept del logo vuole rappresentare un eccezionale patrimonio che racconta la storia delle nostre origini. Il valore dell'Aspirante Geoparco Unesco è nella geodiversità unica nel suo genere, essendo l'Alta Murgia l'ultimo lembo emerso del vecchio continente Grande Adria. Gli elementi scelti per raffigurare questi temi sono le stratificazioni geologiche dei calcari, le forme sinuose del costone murgiano e il colore rosso delle Miniere di Bauxite. Un logo che racconta la storia di Adria, madre della Murgia, in un delicato equilibrio tra visibile e invisibile.

La scommessa è entrare a far parte dell'UNESCO Global Geoparks, la rete mondiale dei geoparchi che ne comprende 177 distribuiti in 46 nazioni (11 in Italia), dove la gestione di un'area segue un concetto olistico di protezione, educazione e sviluppo sostenibile, sensibilizzando le comunità al valore del patrimonio geologico. Il Parco dell'Alta Murgia vi è ufficialmente candidato da novembre 2021 e imminente è l'arrivo in Puglia dei valutatori Unesco, in missione di valutazione per analizzare la geodiversità e l'effettiva sussistenza dei requisiti necessari per ottenere il riconoscimento.

L'iter di candidatura ha segnato l'avvio nel Parco di importanti azioni per migliorarne la fruibilità e che coinvolgono da vicino i tredici comuni che ne fanno parte. Le attività in corso vedono l'inserimento presso i geositi di nuova cartellonistica, l'allestimento con totem dei centri visita del Parco e degli infopoint dei comuni, la realizzazione di nuovo materiale informativo tra mappe e guide e di uno spot video per promuovere il patrimonio geologico, con protagonista un testimonial d'eccezione.
A breve, infine, il bando "GeoEventi" coinvolgerà amministrazioni e associazioni nello sviluppo di attività educative, divulgative e ricreative, da organizzare con l'ente Parco aderendo a un avviso pubblico. Le proposte da presentare dovranno essere incentrate sulla valorizzazione dell'Alta Murgia, promuovendo passeggiate e itinerari naturalistici, laboratori e incontri per la scoperta del patrimonio geologico e storico culturale, attività innovative come installazioni artistiche, reading e performance.
Miniere di bauxite Ph Mario BrambillaCostone murgiano Ph Mario Brambilla JPG
  • Parco nazionale alta murgia
Altri contenuti a tema
Incendi boschivi: oltre 100 ettari in fumo sulla Murgia, tra Minervino ed Andria Incendi boschivi: oltre 100 ettari in fumo sulla Murgia, tra Minervino ed Andria In azione anche due canadair decollati dall'aeroporto di Foggia. Indagano i Carabinieri forestali
"Gatti Randagi" il mediometraggio di Florinda Frisardi presentato all'Officina San Domenico ad Andria "Gatti Randagi" il mediometraggio di Florinda Frisardi presentato all'Officina San Domenico ad Andria L'evento è in programma martedì 14 giugno alle ore 18. Sarà girato ad Andria e campagne limitrofe, interne al Parco Nazionale dell’Alta Murgia
Poligono di Torre di Nebbia: esercitazioni a fuoco nei giorni 7, 8, 9 e 10 giugno Poligono di Torre di Nebbia: esercitazioni a fuoco nei giorni 7, 8, 9 e 10 giugno In azione i mezzi corazzati di stanza nel Centro Addestramento Tattico di Torre Veneri (Le)
E dopo i cinghiali adesso è allarme lupi sulla Murgia: centinaia le pecore e capre sgozzate E dopo i cinghiali adesso è allarme lupi sulla Murgia: centinaia le pecore e capre sgozzate E' quanto denuncia Coldiretti Puglia, a seguito del ritrovamento di pecore ferite e morte in pascoli e allevamenti
Anche le aree verdi murgiane di Andria ripulite dalle Associazioni dei cacciatori Anche le aree verdi murgiane di Andria ripulite dalle Associazioni dei cacciatori Operazione "Paladini del Territorio", un’iniziativa organizzata e sostenuta da Fondazione UNA – Uomo, Natura e Ambiente
Il Principe Alberto II di Monaco ricevuto a Castel del Monte dalla Sindaca Giovanna Bruno Il Principe Alberto II di Monaco ricevuto a Castel del Monte dalla Sindaca Giovanna Bruno Precedentemente Alberto II era stato a Canosa di Puglia e successivamente è stato in visita alla Rocca del Garagnone
Controlli ad Andria sulle aree percorse dal fuoco da parte dei Carabinieri Forestali Controlli ad Andria sulle aree percorse dal fuoco da parte dei Carabinieri Forestali Oltre al divieto di edificazione e di cambiamento di destinazione è vietato il pascolo e la raccolta di funghi e tartufi
14 Scocche di autovetture ed un rimorchio rubato ritrovati sull'altopiano murgiano dai Carabinieri Forestali di Andria Scocche di autovetture ed un rimorchio rubato ritrovati sull'altopiano murgiano dai Carabinieri Forestali di Andria Le imprese agricole pagano un grosso scotto, in termini di mancanza di sicurezza
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.