Michele Di Lorenzo
Michele Di Lorenzo
Commento

Il fallimento annunciato della Cop 26 e il sonno della politica

Il commento del Presidente Forum Ambientalista Puglia, avv. Michele Di Lorenzo

«La Cop 26 si chiude con un accordo, non cogente per i firmatari - sottolinea il Presidente Forum Ambientalista Puglia, avv. Michele Di Lorenzo- , che ha il valore di una mera raccomandazione con termini temporali dilatati (2030/2040). Nonostante nelle ultime ore l'Agenzia Onu per i Rifugiati (Unhcr) avesse implorato i leader mondiali di passare dalle parole ai fatti, visto che la correlazione tra emergenze climatiche e migrazioni forzate dai territori soggetti ai danni ambientali sia ormai indiscutibile. Tuttavia nemmeno questa richiesta è servita a salvarci dal solito "bla bla bla". La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici è restata inerte rispetto al concreto e ormai imminente pericolo di distruzione di un intero ecosistema. D'altronde che potessero essere questi leader, sostenuti (in tutti i sensi) dagli interessi delle multinazionali, a realizzare un vero cambiamento era una pia illusione a cui credevano in pochi. È arcinoto, sin dal 2010, che le compagnie petrolifere fossero consapevoli che la combustione fossile avrebbe incrementato il riscaldamento terrestre, eppure la produzione di petrolio è continuamente aumentata senza che nessuno muovesse un dito. Anzi l'unica azione adottata è stata quella di finanziare campagne di disinformazione per screditare gli studi di climatologia, a cui si sono abbeverati giornali di destra e allocchi politici di ogni colore. L'idea politica che sottende questa strategia è semplice: il benessere collettivo e la tutela dell'ambiente deve restare subordinato ai dettami del profitto. L'interesse privatistico deve rimanere garantito e inaccessibile alle esigenze pubbliche. La domanda che dobbiamo porci, a questo punto, è una sola: possiamo affidare alle multinazionali e agli interessi che rappresentano la gestione di una problematica così gravosa? È credibile che a trovare la soluzione di un problema sia proprio chi lo ha scientemente prodotto, incurante degli allarmi che nei decenni passati si sollevavano da più parti? Domanda a cui è necessario dare una risposta in tempi brevissimi. Proprio mentre giungeranno nel nostro Paese i finanziamenti del PNRR che rappresentano l'ultima occasione di procedere a quella che i burocrati chiamano la transizione ecologica e che invece dovrebbe divenire una vera "conversione ecologica". Mai, come in questo caso, le differenze non sono solo lessicali ma strutturali e strategiche. Nel dibattito nazionale e locale questi argomenti restano marginali. Ciò fa intuire quanta consapevolezza abbia la classe politica dinanzi ad una sfida ambientale che richiede una azione tempestiva e coraggiosa. Dinanzi a tale sfacelo, ognuno di noi dovrebbe sentirsi responsabile».
  • ambiente
  • michele di lorenzo
  • Reati ambientali
Altri contenuti a tema
6 Cittadini vittime di rumori molesti notturni causa attività di pulizia stradale Cittadini vittime di rumori molesti notturni causa attività di pulizia stradale A nulla sono valse le numerose segnalazioni (formali e non) inviate agli uffici comunali ed alle ditte Gial Plast-SiEco-Impregico S.r.l
Criteri di trasparenza, rotazione ed economicità nell'affidamento degli incarichi tecnici per il Comune Criteri di trasparenza, rotazione ed economicità nell'affidamento degli incarichi tecnici per il Comune Mozione di indirizzo politico presentata dai consiglieri Di Lorenzo (Pd), Michele Coratella (M5S), Vincenzo Coratella (M5S) e Gianluca Grumo (Azione)
Prolungati disservizi nella raccolta differenziata nella zona PIP di Andria Prolungati disservizi nella raccolta differenziata nella zona PIP di Andria E per via Annunziata permane l'abbandono selvaggio. In via della Costituzione, invece, i sacchi dei rifiuti lasciati anche per oltre una settimana
Benedetto Miscioscia, Presidente nazionale del movimento ambientalista di FareAmbiente Benedetto Miscioscia, Presidente nazionale del movimento ambientalista di FareAmbiente "Affinchè in Puglia e in Italia si possa sviluppare ed affermare una cultura alternativa all'ambientalismo ideologico e fondamentalista"
Progetto "Pollicino Verde": un nuovo corso di educazione ambientale ad Andria Progetto "Pollicino Verde": un nuovo corso di educazione ambientale ad Andria Proseguono le iniziative dell' AndriaMultiservice a sostegno dell'educazione ambientale nelle Scuole Primarie della Città
1° Maggio: 16 operatori ecologici assunti ad Andria a tempo indeterminato 1° Maggio: 16 operatori ecologici assunti ad Andria a tempo indeterminato Sottoscritto il nuovo contatto di lavoro. L'annuncio della Sindaca Bruno
"Paladini del territorio", ripuliscono l'area della Basilica della Madonna dei Miracoli ed il bosco di Santa Barbara "Paladini del territorio", ripuliscono l'area della Basilica della Madonna dei Miracoli ed il bosco di Santa Barbara Armati di ramazze e raccoglitori, hanno provveduto a sistemare il verde e ripulire dai rifiuti le due aree cittadine
Contrada Coppe: rifiuti di ogni genere deturpano l'ambiente e creano pericolo per l'igiene pubblica Contrada Coppe: rifiuti di ogni genere deturpano l'ambiente e creano pericolo per l'igiene pubblica Il servizio raccolta rifiuti non provvede molto spesso alla normale raccolta. Cittadini infuriati
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.