grandine olive a terra
grandine olive a terra
Territorio

Grandine sulla Puglia, Sicolo (CIA Puglia): “Un disastro, c’è chi ha perso tutto”

Tre le province interessate: Capitanata, Barletta-Andria-Trani e Area Metropolitana di Bari

"É un disastro, c'è chi ha perso tutto". Gennaro Sicolo, presidente CIA Puglia e vicepresidente nazionale di CIA Agricoltori Italiani, commenta così quanto è successo nel pomeriggio di sabato 23 settembre. Pomodori distrutti, olive a migliaia per terra strappate dalla furia di vento e grandine, stessa cosa per l'uva, con i vigneti sferzati e i grappoli sbattuti al suolo. Sono disastrosi gli effetti di grandinate e tempeste di vento e pioggia che si sono abbattute su tutto il Nord della Puglia, interessando tre province: Capitanata, Barletta-Andria-Trani e Area Metropolitana di Bari. In provincia di Foggia, i danni maggiori si riscontrano in special modo nelle aree rurali di San Severo, Lucera, Sannicandro, Torremaggiore. Nel Barese, gli effetti peggiori dell'improvvisa ondata di maltempo si sono avuti a Molfetta, Terlizzi, Ruvo, Corato, Giovinazzo e Bitonto.
Addio rose rosse. A Terlizzi, intere produzioni di rose rosse sono andate completamente perdute. Completamente distrutto anche un ettaro di girasoli. Dopo una prima ricognizione, è stata convocata per stamattina la Commissione consiliare Agricoltura del Comune di Terlizzi. In videoconferenza parteciperanno anche l'assessore regionale Donato Pentassuglia e Francesco Paolicelli, presidente della IV Commissione consiliare della Regione Puglia. La situazione è drammatica non solo per il settore agricolo tradizionale, ma anche per tutto il settore florovivaistico.
Vendemmia compromessa. Interi campi di ortaggi, in tutto il Nord della Puglia, sono andati distrutti. Colpite dalla grandine, sferzate dal vento e appesantite dalla pioggia molte coperture delle serre hanno ceduto. Il peso dei chicchi di ghiaccio caduti dal cielo ha lacerato i teli delle serre. Tutta la parte settentrionale della regione è terra di vigneti: i grappoli, in attesa di essere raccolti per la vendemmia ormai imminente, sono stati 'mitragliati' dalle grandinate, strappati e buttati al suolo dal vento.
Oliveti Danneggiati. L'autunno è iniziato come peggio non poteva, nel segno di eventi atmosferici estremi che distruggono il lavoro di un anno intero. Particolarmente pesanti appaiono i danni ai prodotti orticoli, ma anche a vigneti e uliveti, proprio nel momento in cui ancora tante aziende agricole dovevano vendemmiare. Danni enormi anche al settore olivicolo, con la stagione della raccolta sempre più vicina. "Le segnalazioni e le immagini che ci sono arrivate sono uno strazio, migliaia e migliaia di olive sono a terra, spazzate via dalla furia di vento e grandine", spiega Sicolo.
Cambiamenti climatici. La Protezione Civile ha diramato una nuova allerta meteo, valida su tutto il territorio regionale. Sulla Puglia settentrionale, in particolare, sono in arrivo precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale.
"I cambiamenti climatici ci stanno mettendo di fronte a una situazione che, ormai, non è più da considerarsi eccezionale: gli eventi climatici estremi, infatti, si stanno verificando con sempre maggiore costanza e intensità", dichiara Gennaro Sicolo. "L'agricoltura, ovviamente, è il comparto più esposto, quello che subisce i danni più ingenti. Per questo occorre trovare nuove e più efficaci soluzioni di difesa e maggiori garanzie assicurative e di ristoro, perché risollevarsi da mazzate come queste, che tra l'altro ora si verificano una dopo l'altra a intervalli sempre più corti, è davvero molto dura, a volte può essere impossibile".
  • agricoltura
  • Agricoltura biologica
  • Cia Puglia
Altri contenuti a tema
Oltre 170 ettari di terreno agricolo in vendita nella Bat Oltre 170 ettari di terreno agricolo in vendita nella Bat Sono di proprietà dell' ISMEA e possono essere acquistati dai giovani agricoltori
A rischio desertificazione il 57% del territorio pugliese A rischio desertificazione il 57% del territorio pugliese L'allarme di Coldiretti Puglia, in occasione della giornata dell' ambiente
I pugliesi (e non solo) amano sempre più l'agriturismo: i dati della Bat I pugliesi (e non solo) amano sempre più l'agriturismo: i dati della Bat Sono state 600mila le presenze registrate negli agriturismi pugliesi nel 2022
Michele Fuscello: una vita tra frutta ed ortaggi Michele Fuscello: una vita tra frutta ed ortaggi Il coronamento di un sogno che si avvera, che premia gli sforzi compiuti, specie quando sono sostenuti dalla propria famiglia
Isolamento di borgo Montegrosso, CIA Levante: “Attuare le soluzioni decise in Regione” Isolamento di borgo Montegrosso, CIA Levante: “Attuare le soluzioni decise in Regione” Il presidente De Noia: “Cittadini e operatori economici hanno il diritto di avere risposte rapide e concrete per la risoluzione del problema”
Striscia la Notizia ad Andria: Centro Ricerche Bonomo abbandonato da 25 anni Striscia la Notizia ad Andria: Centro Ricerche Bonomo abbandonato da 25 anni Vittorio Brumotti denuncia l'abbandono di un importante centro di sperimentazione
Commercio: oltre sei consumatori su dieci (64%) acquistano direttamente dal contadino Commercio: oltre sei consumatori su dieci (64%) acquistano direttamente dal contadino Per il 73% l’acquisto diretto dal produttore è il più sicuro, in termini di salute e trasparenza, tra le forme di distribuzione alimentare
Siccità, l’appello di CIA Puglia: “Si dia l’avvio alla stagione irrigua” Siccità, l’appello di CIA Puglia: “Si dia l’avvio alla stagione irrigua” Potenziare il riuso delle acque reflue, sperimentare la soluzione dissalatori, nuove infrastrutture
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.