Associazione Anna Aloysi
Associazione Anna Aloysi
Associazioni

Giustizia, anche l’associazione “Anna Aloysi” a Roma per manifestare contro la Riforma Cartabia

“Con questo disegno di legge non verrà assicurata nessuna giustizia”, sottolinea la Presidente del sodalizio andriese

Si è tenuto ieri mattina, venerdì 30 luglio, il presidio di protesta contro la Riforma Cartabia. A scendere in piazza sono stati, tra gli altri, la Presidente Gloria Puccetti e i membri del "Coordinamento Nazionale Familiari Vittime –Noi non dimentichiamo", l'associazione "Il mondo che vorrei" di Marco Piagentini, i familiari delle vittime di Viareggio e l'associazione andriese "Anna Aloysi incidente ferroviario Andria-Corato 12 luglio 2016".

Le preoccupazioni delle associazioni e dei familiari delle vittime riguardano l'impatto che questa riforma possa avere sulla sicurezza del Paese e sui reati commessi anche prima del 2020, dal momento che la ministra della Giustizia Marta Cartabia ha introdotto alcune novità nel meccanismo di prescrizione e improcedibilità nel processo penale: "Si prevede che per i primi tre anni di applicazione della riforma, la durata del processo d'Appello si estende per un ulteriore anno e quella del processo per Cassazione di ulteriori sei mesi", inoltre "si prevede che per taluni reati, in particolare per i reati di associazione mafiosa, scambio politico mafioso, associazione finalizzata allo spaccio, violenza sessuale e reati con finalità di terrorismo e di eversione dell'ordine democratico, i giudici di Appello e di Cassazione possano con ordinanza, motivata e ricorribile in Cassazione, disporre l'ulteriore proroga del periodo processuale in presenza di alcune condizioni riguardanti la complessità del processo, il numero delle parti e delle imputazioni o per la complessità delle questioni di fatto e di diritto. Per i reati aggravati di cui all'articolo 416 bis, primo comma, la proroga può essere disposta per non oltre due anni", si legge nel comunicato di Palazzo Chigi.

Dunque emendamenti dirette a incidere alla radice sui tempi dei processi. "Con questa riforma si gettano nei rifiuti migliaia di processi, il sistema andrà in tilt e non verrà assicurata nessuna giustizia", commenta Anna Aloysi, presidente dell'associazione andriese "Incidente ferroviario Andria-Corato 12 luglio 2016 " Dire che la prescrizione si interrompe dopo la sentenza di primo grado ma, al contempo, imporre limiti stringenti per l'Appello e la Cassazione significa solo preoccuparsi di smaltire carte e non di assicurare una Giustizia GIUSTA ai Cittadini, come noi, che ne hanno un sacrosanto diritto".
IMG WAIMG WA
  • associazione Anna Aloysi
Altri contenuti a tema
Covid 19, la testimonianza di Anna Aloysi: “E’ stato un incubo. Pensavo di non farcela” Covid 19, la testimonianza di Anna Aloysi: “E’ stato un incubo. Pensavo di non farcela” “Ringrazio tutti i medici, operatori socio sanitari e infermieri che mi hanno salvato la vita”
Strage di Viareggio, associazione “Anna Aloysi”: «E’ vergognoso che siano stati prescritti gli omicidi colposi» Strage di Viareggio, associazione “Anna Aloysi”: «E’ vergognoso che siano stati prescritti gli omicidi colposi» La sentenza emessa venerdì scorso dalla Corte di Cassazione sconvolge il sodalizio andriese
Disastro ferroviario Andria-Corato: i parenti delle vittime hanno disertato la cerimonia commemorativa Disastro ferroviario Andria-Corato: i parenti delle vittime hanno disertato la cerimonia commemorativa Si è presentata solo l'Associazione “Anna Aloysi”: “Siamo tutti rimasti un po’ male per la scarsa partecipazione”
Disastro ferroviario Andria-Corato, associazione Anna Aloysi: “Una ferita che sanguina da 4 anni” Disastro ferroviario Andria-Corato, associazione Anna Aloysi: “Una ferita che sanguina da 4 anni” La Presidente del sodalizio ricorda con una lettera aperta il dolore per la perdita della sorella Maria
Disastro ferroviario Andria-Corato, associazione Anna Aloysi: “no proposte politiche” Disastro ferroviario Andria-Corato, associazione Anna Aloysi: “no proposte politiche” Appello e petizione lanciate dal sodalizio andriese a tutela delle 23 vittime dell’incidente
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.