Mausoleo in ricordo dell'Eccidio delle Fosse Ardeatine
Mausoleo in ricordo dell'Eccidio delle Fosse Ardeatine
Eventi e cultura

Eccidio delle Fosse Ardeatine: a 75 anni di distanza saranno ricordati i Martiri andriesi Saccotelli e Lotti

Cerimonia al Sacrario Militare di Bari a cura dell’Unione Nazionale Insigniti al Merito della Repubblica Italiana. Delegazione anche da Andria

L'UNIMRI – l'Unione Nazionale Insigniti al Merito della Repubblica Italiana in collaborazione con il Forum degli Autori - Associazione culturale di Corato, in occasione delle commemorazioni per il 75° Anniversario dell'Eccidio delle Fosse Ardeatine, a Roma, ha organizzato il 24 marzo c.a., una cerimonia presso il Sacrario Caduti d'Oltremare di Bari.
La manifestazione, inserita nel calendario degli eventi programmati per l' anno in corso dal Consiglio direttivo nazionale dell' Associazione UNIMRI, intende ricordare, in particolar modo, i diciannove Martiri pugliesi della strage compiuta dai nazifascisti del 24 marzo del 1944.

L'Eccidio delle Fosse Ardeatine, con l'uccisione di 335 civili e militari italiani inermi, tra prigionieri politici, ebrei o detenuti comuni, rappresenta una delle pagine più drammatiche della lotta per la Libertà del Popolo italiano, contro l'oppressione nazi-fascista. I Martiri delle Ardeatine furono trucidati a Roma il 24 marzo 1944 dalle truppe di occupazione tedesche –in vecchie cave di pozzolona-, come rappresaglia per l'attentato partigiano di via Rasella, compiuto il 23 marzo da membri dei GAP romani, in cui erano rimasti uccisi 33 soldati del reggimento "Bozen" appartenente alla Ordnungspolizei dell'esercito tedesco. L'eccidio non fu preceduto da nessun preavviso da parte tedesca.
Nel luogo di quella strage, nel dopoguerra è stato trasformato in un sacrario-monumento nazionale. Sono oggi visitabili e luogo di cerimonie pubbliche in memoria.

Nella macabra contabilità di questo Eccidio, alto fu il tributo di sangue della Puglia con ben 19 vittime:
Ayroldi Antonio di Ostuni
Albanese Teodato di Cerignola
Azzarita Manfredi di origine molfettese
Baglivi Ugo di Alessano
Bucci Bruno e suo figlio Umberto di Lucera
Caputo Ferruccio di Melissano
Caracciolo Emanuele originario di Gallipoli
Carola Federico di Lecce
Carola Mario di Lecce
De Carolis Ugo di origine tarantina
Cosimo di Micco di origine triggianese
Gesmundo Gioacchino di Terlizzi
La Vecchia Gaetano di Barletta
Lotti Giuseppe di Andria
Pappagallo Don Pietro di Terlizzi
Pisino Antonio di Maglie
Saccotelli Vincenzo di Andria
Stame Nicola di Foggia

Giuseppe Lotti di professione era stuccatore mentre Vincenzo Saccotelli era un falegname. A loro, nel dopoguerra fu intitolata una strada cittadina al quartiere di Santa Maria Vetere, mentre negli anni '80, la Direzione didattica del I° Circolo "G. Oberdan" volle intitolare loro due plessi scolastici di scuola primaria.

Lotti Giuseppe 41enne: amore per la libertà, insofferenza per le ingiustizie sociali lo fecero subito un antifascista accanito. Non volle mai prendere la tessera fascista, né piegarsi ad imposizioni. Diede invece subito la sua adesione al Partito d'Azione, sin dalle sue origini, e si prodigò nell'opera di propaganda antifascista, distribuendo giornali, opuscoli, dando la sua casa per riunioni di membri del Partito e per depositi di armi. Fu arrestato dalla squadra speciale dei fascisti al soldo di Caruso, e da Regina Coeli portato al sacrificio delle Cave Ardeatine.

Saccotelli Vincenzo 47enne: valoroso soldato nella guerra del 15-18, fu ferito e reso malato cronico per aspirazione di gas tossici. Tornato in famiglia cospirò sempre per l'idea repubblicana. Arrestato nel '26 per avere espresso liberamente le sue opinioni, fu in seguito rimesso in libertà, ma, incurante del pericolo, dopo l'8 settembre collaborò nel Partito d'Azione con tutto il suo fervore lavorando accanto ai tuoi amici. Ricercato dai fascisti della banda Caruso, riuscì a nascondersi in casa dell'avv. Lionelli insieme al quale veniva poi arrestato e condotto a Regina Coeli e da qui barbaramente trucidato nelle Cave Ardeatine.

La cerimonia del 24 marzo 2019, avrà inizio alle ore 8:30 con l'afflusso dei partecipanti e delle Autorità invitate, tra queste il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, Antonio De Caro sindaco di Bari, Marilisa Magno Prefetto di Bari, oltre ad Autorità militari e civili, che saranno accolte dal Presidente nazionale dell'UNIMRI cav. Giovanni Porcaro, dal cav. Antonio Montrone responsabile delle attività sociali e dall'intero consiglio direttivo nazionale.

Alle ore 09:25 ci sarà la deposizione di una corona di alloro ai Caduti di tutte le Guerre e allocuzione della massima Autorità.
Al termine seguirà una conferenza dell'on. Gero Grassi sul ricordo dell'Eccidio delle Fosse Ardeatine
La manifestazione proseguirà con i readers Alberto Tarantini e Luciana De Palma che leggeranno due brani a due voci. Il soprano Teresa De Benedittis, accompagnata dal pianista Emanuele Petruzzella canterà un brano tratto dal Requiem di Mozart e un brano tratto dallo Stabat Mater di Pergolesi.
Giuseppe LottiVincenzo SaccotelliMausoleo in ricordo dell'Eccidio delle Fosse ArdeatineMausoleo in ricordo dell'Eccidio delle Fosse ArdeatineMausoleo in ricordo dell'Eccidio delle Fosse ArdeatineEccidio delle Fosse Ardeatine: a 75 anni di distanza saranno ricordati i Martiri andriesi Saccotelli e Lotti
  • fosse ardeatine
  • unimri
  • ordine al merito della repubblica italiana
  • Unione Insigniti Merito Repubblica Italiana
Altri contenuti a tema
Rinsaldato il legame dell'82° Reggimento Fanteria "Torino" con la città di Barletta e la Bat Rinsaldato il legame dell'82° Reggimento Fanteria "Torino" con la città di Barletta e la Bat Numerosi i militari di Andria che prestano servizio nella prestigiosa unità della Brigata Pinerolo
2 Giugno: a Barletta consegnate le onorificenze ai cittadini della provincia Bat 2 Giugno: a Barletta consegnate le onorificenze ai cittadini della provincia Bat Cerimonia per la Festa della Repubblica alla presenza del Prefetto Sensi e delle massime autorità civili e militari del territorio
Andria festeggia il 73° compleanno della Repubblica Italiana Andria festeggia il 73° compleanno della Repubblica Italiana 2 Giugno: festa di pace, di democrazia e di libertà degli italiani
Festa del 2 Giugno: a quattro andriesi medaglie d'onore e onorificenze al "Merito della Repubblica" Festa del 2 Giugno: a quattro andriesi medaglie d'onore e onorificenze al "Merito della Repubblica" Cerimonia nella Bat, con il Prefetto Emilio Dario Sensi a Barletta
Precetto pasquale dell’Unione Cavalieri al Merito della Repubblica Italiana Precetto pasquale dell’Unione Cavalieri al Merito della Repubblica Italiana Collaborazione con l’Archivio di Stato di Bari per la mostra storica sulle Foibe e l’esodo Giuliano-Dalmata
Visita del Presidente UNIMRI, Gianni Porcaro alla sezione Bersaglieri di Andria Visita del Presidente UNIMRI, Gianni Porcaro alla sezione Bersaglieri di Andria Suggellata la fraterna amicizia tra i due sodalizi
Fosse Ardeatine: l’Unione Nazionale Insigniti al Merito della Repubblica Italiana ricorda il sacrificio dei 335 Martiri della Libertà Fosse Ardeatine: l’Unione Nazionale Insigniti al Merito della Repubblica Italiana ricorda il sacrificio dei 335 Martiri della Libertà Cerimonia al Sacrario Militare di Bari con le Autorità civili e Militari e delegazioni provenienti da tutta la Regione
Il prof. Vincenzo Matera al vertice dell'Unione Insigniti Merito Repubblica Italiana Il prof. Vincenzo Matera al vertice dell'Unione Insigniti Merito Repubblica Italiana E' Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal 1999  
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.