E fu sera e fu mattina
E fu sera e fu mattina
Religioni

"E fu sera e fu mattina": buon anno Andria, città amata

Messaggio di auguri di don Ettore Lestingi, parroco della chiesa Madonna della Grazia, a tutta la comunità cittadina

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
"E fu sera e fu mattina" (Gen. 1,3) è il ritornello che fa da cerniera nella narrazione dei giorni della creazione del mondo. Per ogni tempo giunge la sera che s'apre ad un nuovo giorno. E così è per ogni anno che finisce. Al termine di quest'anno oltre a curare la preparazione del grande cenone è bene riservarsi un tempo di grande riflessione per fare memoria di quanto bene abbiamo seminato e di quanto male abbiamo fatto, e insieme risvegliarsi dal torpore della rassegnazione che genera indifferenza nei confronti della storia da cui ci lasciamo vivere, quando invece siamo chiamati a viverla in pienezza.

Finalmente scende la sera su quest'anno che ha visto la nostra Città piegata, ma non spezzata, da atti di violenza, funestata da criminalità micro e macro, e dall'assenza di una Amministrazione stabile. Andria si è addormentata, è scesa di livello a tutti i livelli: culturale, sociale e politico. Viviamo in una "liquidità" che rende precari e incerti tempi, luoghi e vite umane. Sulla nostra Città si può intonare il lamento del Profeta Geremia: "Anche il profeta e il sacerdote si aggirano per il paese e non sanno che cosa fare", dove per profeta e sacerdote si intende il potere politico.

Scende la sera sulla nostra Città, ma all'orizzonte spunta l'alba di un giorno nuovo, di un Anno nuovo. Il nuovo Anno sia per tutti una occasione per riprendere in mano le sorti della nostra Città e svegliarla dal sonno. Perché ciò avvenga servono uomini e donne veramente innamorati della nostra Città, pronti a trasformare il potere politico in servizio al bene comune e di ciascuno; capaci di uscire dalla logica degli interessi personali e di partito e prendersi cura di ogni vita umana; pronti a rinunciare alla politica delle promesse e investire sulla politica dei progetti rinunciando al clientelismo che imprigiona.

Perché la nostra Città si risvegli è urgente che la Scuola, di ogni ordine e grado, recuperi il suo compito educativo con docenti consapevoli del loro ruolo direi quasi unico nella formazione delle giovani generazioni: unico perché, a quanto pare, le famiglie non riescono o non vogliono impegnarsi in questa bella e drammatica avventura.

Perché la nostra Città si risvegli è urgente che la Chiesa sia meno timida e più profetica non solo nel denunciare le tante tenebre che avvolgono la nostra terra, ma soprattutto nell'annunciare che è possibile costruire la civiltà dell'amore, con gesti e scelte che diventino pietre di inciampo per fare cadere logiche e sistemi che schiacciano e schiavizzano intere vite umane.

Perché la nostra Città si risvegli è urgente che i giovani abbiano il coraggio di riempire le piazze non solo per divertirsi in modo smodato, ma per dare inizio ad una sana rivoluzione e dare una sterzata al cammino che abbiamo intrapreso che è tutto in discesa. La nostra Città oggi più che mai ha bisogno di giovani preparati che abbiano passione per il bene comune, come Greta che ha messo su un movimento mondiale per la tutela del Pianeta, semplicemente perché ha passione. Abbiamo bisogno di giovani passionari!

E perché ciò avvenga, se crediamo nella forza rivoluzionaria dei nostri giovani, è bene che noi adulti facciamo un passo indietro per dare spazio all'aurora che annuncia un nuovo mattino.

Buon Anno, Andria, Città amata.
  • don Ettore Lestingi
Altri contenuti a tema
Don Ettore Lestingi compie 30 anni di sacerdozio: la lettera della comunità parrocchiale Madonna della Grazia Don Ettore Lestingi compie 30 anni di sacerdozio: la lettera della comunità parrocchiale Madonna della Grazia Al parroco l'augurio di una pronta guarigione
1 Sulla croce l’Abbandonato, si abbandona Sulla croce l’Abbandonato, si abbandona Riflessione di don Ettore Lestingi in occasione del Venerdì Santo
“Tutta la creazione geme e soffre": il messaggio di don Ettore Lestingi per la Pasqua “Tutta la creazione geme e soffre": il messaggio di don Ettore Lestingi per la Pasqua Parole di fede e fiducia in questo tempo di prova a causa del Coronavirus
1 III Domenica di Quaresima: “Il Signore è in mezzo a noi, sì o no?” III Domenica di Quaresima: “Il Signore è in mezzo a noi, sì o no?” Riflessioni di don Ettore Lestingi, Direttore dell'Ufficio Liturgico Diocesano e parroco della chiesa Madonna della Grazia
1 Nel tempo del Coronavirus la Chiesa si fa “piccola” e l’Eucaristia diventa “domestica” Nel tempo del Coronavirus la Chiesa si fa “piccola” e l’Eucaristia diventa “domestica” Riflessione di don Ettore Lestingi, Direttore dell'Ufficio Liturgico Diocesano
Preghiera nell'ora della prova Preghiera nell'ora della prova Don Ettore Lestingi condivide una preghiera con la comunità diocesana
Quaresima 2020: "C'è un Samaritano anche per me?" Quaresima 2020: "C'è un Samaritano anche per me?" Messaggio di don Ettore Lestingi alla comunità parrocchiale della Madonna della Grazia
“Attendere, prego…”: domenica 1° dicembre inizia il Tempo di Avvento 2019 “Attendere, prego…”: domenica 1° dicembre inizia il Tempo di Avvento 2019 Messaggio di don Ettore Lestingi, parroco della chiesa Madonna della Grazia, alla comunità parrocchiale
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.