Riflessioni sulla Dad
Riflessioni sulla Dad
Scuola e Lavoro

Didattica a distanza, riflessioni di una studentessa: “Abbiamo perso tutto. Ma non diteci che abbiamo perso tempo!”

Una riflessione scritta da Roberta Sgaramella, studentessa del quarto anno del Liceo Linguistico “Carlo Troya” di Andria

"Abbiamo perso tanto, ormai da un anno. Sì, perché noi studenti siamo stati i primi a doverci adeguare, a lasciare i nostri compagni, i nostri docenti, a dimenticare quella che era la nostra quotidianità.

Da un giorno all'altro abbiamo perso il rapporto con i docenti,
abbiamo perso le chiacchierate con i nostri compagni, la bellezza di dialogare, di crescere confrontandosi,
abbiamo perso i momenti di svago in cortile,
abbiamo perso la bellezza del NOI, dello stare insieme,
abbiamo perso la fiducia e l'interesse,
abbiamo trascorso serate intere al PC, tra un lavoro di gruppo e un compito da consegnare,
abbiamo trascorso ore in attesa di nuove ordinanze, nella speranza di qualche miglioramento.
Abbiamo perso tanto, sì, ma non diteci che abbiamo perso tempo. Perché da marzo, nonostante le sirene delle ambulanze che rimbombavano nelle nostre stanzette, non abbiamo mai mollato.

E allora spieghiamoglielo noi, a chi non lo sa, che abbiamo bisogno di recuperare tanto, ma non di certo il tempo che abbiamo speso da marzo fino ad oggi, ogni benedetto giorno, perché non potevamo farci sconfiggere da un virus, perché consapevoli che senza cultura ci mancano le parole e senza le parole non staremmo qui a ribellarci.
Sono le relazioni che dobbiamo recuperare.
Solo così potremo salvarci, solo così finalmente approderemo a riva.

E i docenti, no, non hanno perso tempo perché fin dal primo momento sono scesi in campo cercando mille modi per restare, nonostante tutto quello che fuori stava accadendo, lavorando anche in orari extra scolastici per garantire la migliore organizzazione, ritrovandosi, in alcuni casi, a tenere la lezione ad un gruppetto in presenza e uno a distanza, problemi di connessione (sovraccarica) inclusi.
Questa è la verità, e solo chi vive in prima persona può comprendere veramente ciò che è e ciò che è stato.
Abbiamo perso tutto. Ma non diteci che abbiamo perso tempo!".
  • Liceo "Carlo Troya"
  • didattica a distanza
Altri contenuti a tema
A scuola di Europa: la cattedra Jean Monnet UNIBA e il liceo “Carlo Troya” di Andria in una sfida comune A scuola di Europa: la cattedra Jean Monnet UNIBA e il liceo “Carlo Troya” di Andria in una sfida comune Il percorso, rivolto ai docenti, ha messo in luce diversi aspetti della complessa realtà dell'Europa
Movimento "La scuola per la scuola": richiesta di rientro in presenza nelle zone rosse Movimento "La scuola per la scuola": richiesta di rientro in presenza nelle zone rosse "Paghiamo oggi l’inesistenza di politiche a sostegno della famiglia", sottolineano i docenti
Sciopero contro la Dad, venerdì anche in Puglia tablet spenti Sciopero contro la Dad, venerdì anche in Puglia tablet spenti A partecipare studenti e insegnanti: scuole in Puglia sono state chiuse troppo a lungo
Generazione Catuma: orientamento universitario al liceo "Troya" Generazione Catuma: orientamento universitario al liceo "Troya" "Abbiamo provato ad aiutare e a rendere la scelta più consapevole e meno difficoltosa"
Alunni in presenza? Il punto di vista del Comitato Genitori Andriesi Alunni in presenza? Il punto di vista del Comitato Genitori Andriesi La pandemia in atto ha limitato per tante famiglie andriesi quella socialità, necessaria per tutte le giovani generazioni
Scuola in Puglia, nuovo ricorso al Tar Scuola in Puglia, nuovo ricorso al Tar Ancora una volta a proporlo è il Codacons Lecce dopo l'emanazione dell'ultima ordinanza Emiliano
Scuole in Puglia, il Tar sospende l'ordinanza di Emiliano Scuole in Puglia, il Tar sospende l'ordinanza di Emiliano Solo le superiori rimarranno con la didattica a distanza per il 50%. Varranno le regole stabilite dal Dpcm
Il Liceo "Carlo Troya" di Andria incontra il giornalista Francesco Giorgino Il Liceo "Carlo Troya" di Andria incontra il giornalista Francesco Giorgino Per il noto volto del TG1, un ritorno nel luogo in cui ha studiato da ragazzo
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.