Presidente Aipo Puglia, Luigi Amorese
Presidente Aipo Puglia, Luigi Amorese
Territorio

Crisi olivicola, AIPO Puglia: "Senza interventi duraturi si rischia la distruzione del patrimonio olivicolo regionale"

Presidente Luigi Amorese: "Se continueremo di questo passo aspettiamoci l’abbandono dei nostri meravigliosi uliveti"

"Corsi e ricorsi della storia. Purtroppo ciclicamente assistiamo a questioni negative legate alla nostra olivicoltura -sottolinea in una nota il Presidente dell'AIPO (Associazione Italiana Produttori Olivicoli) Puglia, Rag. Luigi Amorese-. Quest'anno, malgrado i favorevoli presupposti, ecco ritrovarci a parlare di crisi olivicola, pur a fronte di una produzione che in termini di qualità, è a dir poco eccellente.
Sovvertendo le più elementari regole economiche, con una produzione ridotta a causa delle avversità meteoriche, ci troviamo con prezzi di acquisto delle olive di poco superiori ai 40 euro, con buona pace delle notevoli spese sostenute dagli olivicoltori, tra lavorazioni, costi del carburante agricolo, fitofarmaci e irrigazione.
Ormai scomparsa a causa delle xylella l'olivicoltura di qualità nel Salento, assistiamo in questi giorni soprattutto nel nord barese, con Andria e Bitonto quali centri dell'olivicoltura d'eccellenza, a vicende legate a fenomeni speculativi. Non bastavano gli allarmi sui furti e le razzie compiute nelle nostre campagne, adesso ci si (ri)mette la speculazione. I prezzi molto al di sotto della media, sia per le olive che per il nostro olio, la mancanza di manodopera qualificata per le operazioni di raccolta, sono le variabili che stanno influenzando il mercato, portando alla disperazione gli operatori della filiera olivicola, senza dimenticare che nel frattempo le cambiali agrarie arrivano regolarmente. Oggi il grido di allarme sulla drammatica situazione accomuna i produttori, insieme ai frantoiani ed ai commercianti, anche loro stretti nella morsa delle azioni speculative da parte delle grandi holding, che ormai di italiano hanno solo il nome. Le Associazioni del primario comparto agricolo, per importanza, della Puglia tornano nuovamente a denunciare questo stato di cose, a fronte delle istituzioni che continuano a fare orecchie da mercanti.
Sembra quasi che questioni legate a questo comparto siano avulse dal contesto in cui viviamo. Nessuno si rende conto che l'olivicoltura è una questione sociale ed ambientale, prima ancora che economica. Il nostro patrimonio arboreo è caratteristico di questo territorio e non bastano le leggi che vietano pratiche di svellimento a tutelare questa "fabbrica della natura": servono interventi strutturali, duraturi. Perché i nostri prodotti di eccellenza, cultivar Coratina o Cima di Bitonto con tanto di marchi DOP e IGP sono svenduti a fronte di identiche produzioni, molto spesso tagliate con il nostro prodotto che riescono a spuntare prezzi intorno ai 20 euro a litro, quando noi a malapena riusciamo a spuntarne 4 euro al litro. Controlli e verifiche sono strategiche per contrastare pratiche disoneste, sia di chi si accaparra le nostre produzioni per venderle sotto etichettature di altri territori sia di chi dolosamente compie sofisticazioni per adulterare olio di provenienza estera, che non rappresenta affatto quelle caratteristiche organolettiche e salutistiche del nostro olio d'oliva, famoso nel mondo e alimento principe della dieta mediterranea. Ecco, crediamo che le istituzioni unitamente alla filiera olivicola (aziende agricole in primis, frantoi e confezionatori) a fronte di questa drammatica crisi in atto, devono riconsiderare la politica agricola riferita all'olivicoltura al fine di addivenire ad una maggiore gratificazione commerciale del lavoro svolto dagli operatori della filiera. Se continueremo di questo passo aspettiamoci l'abbandono dei nostri meravigliosi uliveti e del patrimonio storico e agricolo ad esso collegato", conclude il Presidente dell'AIPO Puglia, Rag. Luigi Amorese.
  • oliva coratina
  • furti di olive
  • olio extravergine di oliva cultivar Coratina
  • Strada dell'olio extravergine d'oliva
  • olive
  • olivi
  • AIPO
  • Luigi Amorese Aipo Puglia
Altri contenuti a tema
Schiaffo all'olivicoltura pugliese: in arrivo dalla Tunisia 57mila tonnellate di olio d'oliva senza dazi Schiaffo all'olivicoltura pugliese: in arrivo dalla Tunisia 57mila tonnellate di olio d'oliva senza dazi Coldiretti chiede che siano applicati gli stessi criteri di trasparenza e tracciabilità richiesti per l'olio italiano
A Trieste, con Olio Capitale, tornano gli olii evo della Puglia e di Andria A Trieste, con Olio Capitale, tornano gli olii evo della Puglia e di Andria Dopo due anni di stop a causa della pandemia, torna l'evento organizzato dell'Associazione Città dell'Olio
Controlli anche in Puglia per la tutela della produzione di olio d'oliva Evo Controlli anche in Puglia per la tutela della produzione di olio d'oliva Evo Il plauso alla Guardia di Finanza di Cia e Coldiretti
L’utilizzo dell’olio d'oliva EVOO nelle patologie del cavo orale L’utilizzo dell’olio d'oliva EVOO nelle patologie del cavo orale La parola alla dottoressa Antonia Sinesi, igienista dentale, intervenuta presso l'Azienda Agricola "Conte Spagnoletti - Zeuli"
Ammodernamento frantoi in Puglia grazie ai fondi del PNRR Ammodernamento frantoi in Puglia grazie ai fondi del PNRR Una opportunità per 839 frantoi attivi che lavorano 53 varietà di olive per offrire al mercato 5 oli DOP e l’IGP Puglia
Finanziamenti per il sostegno e lo sviluppo della filiera olivicola Finanziamenti per il sostegno e lo sviluppo della filiera olivicola Le misure disponibili spiegate dal presidente AIPO Amorese
Amorese (AIPO): Finanziamenti per il sostegno e lo sviluppo della filiera olivicola Amorese (AIPO): Finanziamenti per il sostegno e lo sviluppo della filiera olivicola Importanti misure economiche attraverso il PON, Piano Olivicolo Nazionale
Anche i frantoiani preoccupati per il caro energia: Guglielmi: "Ma le quotazioni dell’olio 100% italiano rimangono al palo" Anche i frantoiani preoccupati per il caro energia: Guglielmi: "Ma le quotazioni dell’olio 100% italiano rimangono al palo" Casi di operatori del settore che hanno ricevuto bollette da 55mila euro
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.