Il sindaco Giovanna Bruno. <span>Foto Antonio D'Oria</span>
Il sindaco Giovanna Bruno. Foto Antonio D'Oria
Vita di città

Coronavirus, il sindaco Bruno: «Ad Andria 287 casi, dati preoccupanti»

La sindaca informa i suoi concittadini nel solito video social a fine giornata e rinnova l'appello alla prudenza

I nuovi numeri del coronavirus ad Andria parlano di 287 casi. Lo ha detto il sindaco Giovanna Bruno nel consueto video social a fine giornata, rinnovando l'appello alla prudenza e al rispetto delle restrizioni: il Primo Cittadino ha infatti chiarito che «siamo ancora nella fase per fare qualche tentativo di condurre tutti a una sana ragionevolezza: ad oggi non sussistono le condizioni per immaginare una chiusura integrale di scuole, strade, piazze, attività commerciali. Non posso chiudere i negozi: esercenti e avventori stanno facendo di tutto per rispettare le norme nei locali». La Sindaca consiglia fortemente, inoltre, «di non uscire se non per necessità e lavoro: non ha senso in questo periodo storico uscire per fare una passeggiata fine a se stessa, non ha senso evitare di portare la mascherina o fare finta che il virus non esista. Invece di fare i professori, dobbiamo tutti sentirci coinvolti e cercare di limitare i danni. Se nelle prossime ore sarò costretta a prendere decisioni drastiche, me ne assumerò la responsabilità».

Considerando i tanti focolai attivi, Giovanna Bruno ha annunciato che nelle prossime ore saranno assunte altre decisioni, di concerto con i sindaci della Bat, il Prefetto e la Asl. Le Forze dell'Ordine sono state già convocate per coordinare un piano di intervento: «I presidi ci sono - ha precisato la Sindaca - ma Polizia e Guardia di Finanza non possono andare a caccia di chi non rispetta le regole: dipende tutto da noi seguire le restrizioni. Soprattutto nei luoghi soliti di assembramento accade spesso che i ragazzi, dopo aver visto la presenza delle Forze dell'Ordine, si spostino in massa in altre zone dove in genere è difficile vedere assembramenti». In merito alla situazione delle scuole, Giovanna Bruno spiega: «Le scuole stanno facendo un lavoro incredibile, ciononostante alcune classi sono in quarantena. Tra poche ore (oggi, ndr) ci sarà un incontro con tutti i dirigenti scolastici, la Polizia Municipale, la Asl e i dirigenti degli uffici preposti per dirimere la questione dei trasporti. Come deciso dalla Regione, le ultime tre classi di scuola superiore resteranno a casa proprio per alleggerire gli ingorghi: la scelta è motivata dal fatto che i ragazzi di questa fase scolastica hanno conquistato già una loro socialità, quindi non andare a scuola in presenza è un danno minore per loro rispetto ai bambini di scuola elementare».

Nel suo consueto video social, la sindaca Bruno lancia anche una buona notizia: nella giornata di ieri, il Primo Cittadino ha inoltrato al Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture la richiesta per l'assegnazione di risorse economiche pari a 353.624 euro per la realizzazione di ciclovie urbane. «Qualcuno mi ha scritto "che senso ha parlare di ciclopolitana quando abbiamo le strade rotte e tante altre emergenze?". E' vero, - spiega la sindaca - ma queste somme non le vado a togliere dal bilancio comunale (che, tra l'altro, soldi non ne ha) ma le vado a recuperare per fare interventi miglioramenti al tessuto viabile della città. Non vado assolutamente a togliere questi soldi alla manutenzione ordinaria, al settore sociale o allo sport, ma sono somme che vado a rintracciare per migliorare la nostra comunità».
  • giovanna bruno
Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutte le notizie sulla pandemia che ha cambiato il mondo

1386 contenuti
Altri contenuti a tema
Lutto al Santissimo Salvatore di Andria, se ne va padre Vincenzo Pinto Lutto al Santissimo Salvatore di Andria, se ne va padre Vincenzo Pinto Il Padre Dehoniano è deceduto nel pomeriggio al Covid Hospital di Bisceglie
Operatrici sanitarie per tamponi a domicilio, vengono derubate di oggetti personali Operatrici sanitarie per tamponi a domicilio, vengono derubate di oggetti personali E' accaduto ieri ad Andria ad una infermiera ed una operatrice socio sanitaria: denuncia alla Polizia di Stato
Emergenza covid: altri numeri da brivido, registrati nella regione 1.511 casi positivi Emergenza covid: altri numeri da brivido, registrati nella regione 1.511 casi positivi Sono 195 i contagiati nella provincia BAT e due decessi
1 Urge sangue da pazienti covid già negativizzati per andriese 50enne Urge sangue da pazienti covid già negativizzati per andriese 50enne Necessario rivolgersi al più presto presso il servizio trasfusionale della Asl Bt di Barletta allo 0883.577293
Coronavirus, bollettino nero in Puglia: 1.567 nuovi casi e 52 decessi Coronavirus, bollettino nero in Puglia: 1.567 nuovi casi e 52 decessi Nella provincia Bat 199 nuovi casi di positività e 2 decessi
Covid, stretta sui controlli: ispezionati dai carabinieri di Andria 64 esercizi commerciali Covid, stretta sui controlli: ispezionati dai carabinieri di Andria 64 esercizi commerciali Elevate 50 sanzioni su più di 500 persone controllate, servizi analoghi ancora nei prossimi giorni su tutto il territorio provinciale
Covid, necessaria convocazione di un Consiglio Comunale monotematico in tempi brevi sull'emergenza sanitaria Covid, necessaria convocazione di un Consiglio Comunale monotematico in tempi brevi sull'emergenza sanitaria La richiesta arriva da Riccardo Nicolamarino (Forza Italia Andria): «Si è perso già troppo tempo prezioso»
4 Il ministro Boccia visita l'ospedale da campo militare di Barletta Il ministro Boccia visita l'ospedale da campo militare di Barletta Con lui il Capo della Protezione Civile Borrelli, nel pomeriggio odierno riunione con Prefetto e sindaci della Bat
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.