vino
vino
Territorio

Coldiretti: "Taglio dell'Iva su beni alimentari essenziali ha un effetto valanga sul carrello degli italiani"

Con riapertura di ristoranti, trattorie, osterie, agriturismi, cantine e bar ripresa delle esportazioni pugliesi

Il taglio dell'Iva sul vino e sui principali prodotti alimentari rilancia la ristorazione che rischia un crack da 34 miliardi nel 2020 a causa della crisi economica, del crollo del turismo e del drastico ridimensionamento dei consumi fuori casa. E' quanto afferma la Coldiretti, in riferimento all'ipotesi di riduzione dell'Iva annunciata dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

"La riapertura di ristoranti, trattorie, osterie, agriturismi, cantine e bar e la ripresa delle esportazioni hanno riattivato gli sbocchi di vendita del vino pugliese che nel canale Ho.Re.Ca., nell'enoturismo e nell'export vale oltre 1 miliardo di euro l'anno, a regime. Con la fine del lungo periodo di chiusura vanno promosse le 27 DOC, 4 DOCG e 6 IGP denominazioni di vino Made in Italy che offre la Puglia che da gennaio a marzo 2020 segnava un aumento dell'esportazioni del 20% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. La Puglia è una delle 5 regioni dove si registra un incremento sensibile delle performance delle Indicazioni Geografiche del vino, pari a 142milioni di euro, con la provincia di Taranto che aveva tirato la volata - fino al periodo pre-covid - con 42 milioni di euro in più rispetto all'anno precedente", commenta Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

La drammatica riduzione dell'attività – sottolinea la Coldiretti – pesa sulla vendita di molti prodotti agroalimentari, dal vino alla birra artigianale, dalla carne al pesce, che trovano nella ristorazione un importante mercato di sbocco. La spesa alimentare fuori casa prima dell'emergenza coronavirus – precisa la Coldiretti – era pari al 35% del totale dei consumi a tavola degli italiani ed in alcuni settori come quello ittico e vitivinicolo la ristorazione è addirittura il principale canale di commercializzazione per fatturato. Ma il taglio dell'Iva su beni alimentari essenziali ha – sostiene la Coldiretti - un effetto valanga sul carrello degli italiani a vantaggio soprattutto delle famiglie più bisognose dove il cibo ha una maggiore incidenza sul reddito ma anche sulle imprese agricole ed alimentari. Coldiretti ha proposto al Governo anche un piano straordinario per aumentare ad un miliardo di euro la dotazione dei fondi per l'acquisto del cibo destinato agli indigenti, scegliendo solo prodotti agroalimentari 100% Made in Italy, a cominciare dalle eccellenze come Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Prosciutto di Parma o Prosciutto di San Daniele ma anche olio extravergine ottenuto da olive italiane, vino Made in Italy e frutta e verdura. Un obiettivo da estendere anche alla ristorazione pubblica con un grande piano di acquisti di prodotti Made in Italy per le mense di scuole, ospedali e caserme. Un piano generale di rilancio che va accompagnato nelle campagne dalla cancellazione per quest'anno dei versamenti contributivi dell'imprenditore agricolo e dei propri dipendenti nei settori maggiormente colpiti per sostenere – prosegue Coldiretti - competitività ed occupazione. Ma serve anche una radicale semplificazione del voucher "agricolo" – aggiunge Coldiretti - che possa ridurre la burocrazia e consentire anche a percettori di ammortizzatori sociali, studenti e pensionati italiani lo svolgimento dei lavori nelle campagne in un momento in cui tanti lavoratori sono in cassa integrazione e le fasce più deboli della popolazione sono in difficoltà. In questa ottica per promuovere l'innovazione è importante – conclude la Coldiretti - il prolungamento per almeno tre anni di Agricoltura 4.0, quindi ben oltre il 2021.
  • regione puglia
  • coldiretti
  • agroalimentare
  • Vino
Altri contenuti a tema
Scuola e covid 19: la Regione emana gli indirizzi per gestire i casi e focolai per una ripresa sicura Scuola e covid 19: la Regione emana gli indirizzi per gestire i casi e focolai per una ripresa sicura Tali misure devono essere osservate con particolare rigore nell'ambito delle attività scolastiche, universitarie e formative
Sospese le domeniche gratuite nei musei statali, tra questi Castel del Monte Sospese le domeniche gratuite nei musei statali, tra questi Castel del Monte La decisione della Direzione regionale Musei Puglia: "In attuazione delle misure di riduzione e contenimento dell’emergenza sanitaria da Covid-19"
Grandinate e nubifragi mettono a rischio gli ulivi pugliesi: allarme di Coldiretti Grandinate e nubifragi mettono a rischio gli ulivi pugliesi: allarme di Coldiretti Inviata richiesta di declaratoria di stato di calamità all’Assessorato regionale all’Agricoltura
Nuova allerta meteo sulla Puglia da parte della Protezione civile Nuova allerta meteo sulla Puglia da parte della Protezione civile Previsto forte vento e precipitazioni anche sulla provincia Bat
Salgono a 12 i casi covid-19 nella Bat: 76 in tutta la Puglia Salgono a 12 i casi covid-19 nella Bat: 76 in tutta la Puglia Per fortuna non sono stati registrati  decessi
Meteo allerta gialla: ancora maltempo sul nostro territorio Meteo allerta gialla: ancora maltempo sul nostro territorio Un nuovo avviso è stato diramato dalla Protezione Civile
Coronavirus, altri 89 nuovi positivi in Puglia. Nella Bat 11 casi Coronavirus, altri 89 nuovi positivi in Puglia. Nella Bat 11 casi Nella nostra Regione attualmente si registrano 2.222 casi positivi e due decessi
Giornate Europee del patrimonio 2020: iniziative sabato 26 e domenica 27 settembre a Castel del Monte Giornate Europee del patrimonio 2020: iniziative sabato 26 e domenica 27 settembre a Castel del Monte Ecco nel dettaglio le iniziative in programma presso il monumento più celebrato della Puglia
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.