Nino Marmo ed Antonio Scamarcio
Nino Marmo ed Antonio Scamarcio
Politica

Centro destra spaccato alle comunali: Marmo rompe gli indugi e si candida con delle civiche

L'incontro di questa mattina a Bari con i rappresentanti di Forza Italia non è riuscito a ricompattare la coalizione

L'incontro di questa mattina a Bari tra Nino Marmo ed i vertici di Forza Italia, con la presenza del candidato presidente per la regione Puglia del centro destra Raffaele Fitto, non ha portato i frutti sperati ed alla fine, al di là dei sorrisi di circostanza ed i cordiali saluti, Nino Marmo ha rotto gli indugi ed ha dichiarato al sua volontà -in una riunione di questa sera con alcuni fedelissimi- di correre con delle civiche, non potendo utilizzare il simbolo di Forza Italia, per lo scranno più alto di Palazzo San Francesco ad Andria.

Durante la conferenza stampa di stamane, anche il vice Presidente di Forza Italia, Antonio Tajani aveva chiaramente affermato che quell'accordo stilato a livello nazionale andava rispettato e che quindi con Raffaele Fitto candidato presidente del centro destra, il partito azzurro intendeva onorare la candidatura di un esponente della Lega per il Comune di Andria.

Una decisione sofferta, ponderata ma ineluttabile, come ha più volte fatto intendere ai suoi amici ed interlocutori, che gli chiedevano di non rompere il fronte unitario del centro destra ad Andria e quindi di avallare le decisioni del tavolo romano, che volevano, con il nome di Fitto candidato presidente, alla Lega l'onere-onore di scegliere il candidato sindaco per alcuni Comuni chiave, qual'è Andria.

Quindi adesso Nino Marmo, storico leader del territorio del centro destra, capogruppo uscente regionale di Forza Italia si contrapporrà al candidato sindaco del centro destra andriese, l'avvocato Antonio Scamarcio, designato pubblicamente giovedì scorso 25 giugno in viale Crispi, dallo stesso leader della Lega Matteo Salvini, giunto appositamente ad Andria e ricevuto dai plenipotenziari pugliesi del partito di Alberto da Giussano.

Un altro duro colpo quindi per il centro destra andriese, desideroso di riconquistare Palazzo di Città, dopo le clamorose dimissioni annunciate ieri sera, in un post del segretario cittadino della Lega Benedetto Miscioscia, per troppo tempo in procinto di essere lui candidato sindaco della coalizione, prima ancora dell'ipotesi dell'avvocato Pierpaolo Matera, tra l'altro mai iscritto alla Lega, come da lui stesso dichiarato.

Una ennesima vicenda che si aggiunge quindi al conflitto in atto tra le due fazioni del centro destra andriese, tra Nicola Giorgino da una parte e Nino Marmo dall'altra. Inutile aggiungere che con questo clima, non mancheranno altri colpi di scena.
  • Comune di Andria
  • Nicola Giorgino
  • regione puglia
  • nino marmo
  • forza italia
  • benedetto miscioscia
  • antonio scamarcio
  • elezioni 2020
Altri contenuti a tema
Covid, Andria piange un altro suo figlio: se ne va il Questore Losito Covid, Andria piange un altro suo figlio: se ne va il Questore Losito Alcuni dei ricordi di gioventù. Il saluto del nipote Francesco Giorgino
Alluvione in Calabria: anche la Misericordia in pre allarme Alluvione in Calabria: anche la Misericordia in pre allarme Sono intanto partite le prime squadre di volontari dalla Puglia
Maggiori investimenti per la ricostituzione, la cura e la tutela dei boschi in Puglia Maggiori investimenti per la ricostituzione, la cura e la tutela dei boschi in Puglia Lo chiede l'associazione Fareambiente Puglia
Altro arrivo di materiale sanitario dalla Cina acquistato dalla Regione Puglia Altro arrivo di materiale sanitario dalla Cina acquistato dalla Regione Puglia Materiale melt blown, tessuti di cotone e valvole per mascherine, ventilatori per terapie intensive e pompe per infusione, tute e plasticherie per ventilatori TI
3 Muore a 41 anni al Dimiccoli di Barletta, l'Asl Bt: «Trattata come da protocollo» Muore a 41 anni al Dimiccoli di Barletta, l'Asl Bt: «Trattata come da protocollo» «Quanto accaduto a questa giovane donna merita il massimo della chiarezza e faremo di tutto perché ciò avvenga»
Festa dell'Albero, on. D'Ambrosio: "Sindaco Giorgino e sue amministrazioni, distrutto ulteriormente il patrimonio verde cittadino" Festa dell'Albero, on. D'Ambrosio: "Sindaco Giorgino e sue amministrazioni, distrutto ulteriormente il patrimonio verde cittadino" La proposta del parlamentare pentastellato: "piantiamo in città un nuovo albero per ogni neonato andriese!"
Anche l'Istituto "Ettore Carafa" aderisce alla Giornata nazionale dell'albero Anche l'Istituto "Ettore Carafa" aderisce alla Giornata nazionale dell'albero L'iniziativa voluta dal preside Amatulli si collega al progetto più ampio #alberiperilfuturo
Scarso il verde urbano ad Andria, appena lo 0,3%: "Con recovery fund creare foreste urbane" Scarso il verde urbano ad Andria, appena lo 0,3%: "Con recovery fund creare foreste urbane" La proposta di Coldiretti per ridurre la presenza di smog nelle città senza aree green
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.