Giuseppe De Benedictis
Giuseppe De Benedictis
Cronaca

Arresto bis De Benedictis. Sparò con il mitra dal balcone a Capodanno

Il 30 dicembre 2020 il magistrato di Molfetta, dal balcone di casa di Serafino, esplose in aria raffiche di mitra

È il 30 dicembre 2020, la vigilia di Capodanno, quando sul balcone di casa del caporal maggiore dell'Esercito Italiano, Antonio Serafino, in quel di Ruvo di Puglia, nel barese, partono raffiche di mitraglietta: a sparare - secondo la pubblica accusa - sono Serafino e l'allora gip del Tribunale di Bari, Giuseppe De Benedictis.

Il rumore della sventagliata di mitra è registrato dalla microspia posizionata nell'autovettura di Serafino (parcheggiata proprio sotto casa del militare) che, poco prima, ha registrato anche i colloqui in macchina tra il giudice e il militare.

È quanto riportato nell'ordinanza di custodia cautelare notificata in carcere all'ex giudice De Benedictis e al militare, in servizio all'ufficio Passaporti della Brigata Pinerolo di Bari, accusati di traffico e detenzione di armi ed esplosivi, anche da guerra, del relativo munizionamento e di ricettazione.

Il 31 dicembre Serafino, parlando con un vicino di casa, conferma - secondo gli investigatori - di aver sparato con la mitraglietta dicendo: «Hai visto ieri che mazzata si sentiva?». Nelle circa 40 pagine dell'ordinanza di custodia cautelare vi sono altre intercettazioni dalle quali si evince che i due andavano a provare le armi in una campagna, sempre a Ruvo di Puglia.

Serafino, un giorno, va a provare una pistola che poi nasconde sotto un masso e ne parla con De Benedictis. I poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Bari ascoltano la conversazione e vanno a sequestrare la pistola.

In alcune altre intercettazioni, del gennaio 2021, De Benedictis, sempre in auto con Serafino, dice di voler spostare l'arsenale, forse perché forse stavano nascendo dissapori tra Serafino e Antonio Tannoia, l'imprenditore che nascondeva le armi in una dependance della sua villa, ad Andria: «Quello ci può vendere» dice il caporale al giudice. Ad un certo punto De Benedictis dice: «Così vai a portare in giro 70mila cartucce, bombe a mano, 5 mitragliatori e 4 fucili d'assalto?».

In un'altra intercettazione sempre l'allora gip fa riferimento sia al deposito delle armi, che chiama "pozzo", sia alla disponibilità di 53 mitragliatrici e 82 pistole. Dagli atti emerge che ad un certo punto De Benedictis compra un mitragliatore croato 'Agram 200B' e dice al caporale: «Quando ricevo qualcosa di pesante da lui la devo portare per forza», facendo riferimento al deposito di Tannoia.

Dagli atti emerge che i due avevano acquistato e stavano aspettando la consegna di un mitragliatore M12. Nel provvedimento restrittivo il gip di Lecce definisce Serafino e De Benedictis «autentici trafficanti in armi da guerra».
  • polizia
Altri contenuti a tema
Incendi di sterpaglie in via Ceruti e viale Ausonia mentre in via Castel del Monte, va in tilt una cabina Enel Incendi di sterpaglie in via Ceruti e viale Ausonia mentre in via Castel del Monte, va in tilt una cabina Enel Pomeriggio impegnativo per le quadre dei Vigili del Fuoco di Barletta e Corato, intervenuti con Polizia di Stato e Locale
Due feriti gravi per incidente stradale tra auto e scooter Due feriti gravi per incidente stradale tra auto e scooter E' accaduto questo pomeriggio sulla strada comunale via Vecchia Canosa di Puglia
Tamponamento sulla sp 231 tratto Corato Andria: due feriti in codice rosso al "Bonomo" Tamponamento sulla sp 231 tratto Corato Andria: due feriti in codice rosso al "Bonomo" E' accaduto intorno alle 16.45. Sul posto 118 e Polizia Locale di Andria
I poliziotti del Commissariato di Andria consegnano le agende agli alunni I poliziotti del Commissariato di Andria consegnano le agende agli alunni L'obiettivo è avvicinare i ragazzi ai valori dell'amicizia e della solidarietà ed alla conoscenza ed al rispetto delle regole
Sulla Questura di Andria interrogazioni dei parlamentari della Lega al Ministro dell'Interno Lamorgese Sulla Questura di Andria interrogazioni dei parlamentari della Lega al Ministro dell'Interno Lamorgese Complessivamente saranno assegnati meno di 200 poliziotti, molti provenienti dai Commissariati limitrofi
Giordano (SAP): "Parte male l'apertura della Questura di Andria" Giordano (SAP): "Parte male l'apertura della Questura di Andria" L'inaugurazione prevista per la prima decade di luglio, ma si preannuncia la grave carenza di personale
Ex giudice De Benedictis, ecco le foto delle altre armi ritrovate ad Andria Ex giudice De Benedictis, ecco le foto delle altre armi ritrovate ad Andria La Polizia di Stato ieri ha eseguito un'altra perquisizione alla villa di dell'imprenditore 55enne detenuto in carcere
Ex giudice De Benedictis: altre armi trovate nella villa di via Corato Ex giudice De Benedictis: altre armi trovate nella villa di via Corato La scoperta sarebbe avvenuta martedì scorso da parte del personale della Squadra mobile di Bari
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.