Roberto Speranza
Roberto Speranza
Vita di città

Verso nuovo Dpcm, possibile stop all'asporto dopo le 18 e riapertura dei musei in zona gialla

Il ministro Speranza ha riferito oggi alla Camera e al Senato: c'è un peggioramento generale della situazione epidemiologica in Italia

C'è grande attesa per il Consiglio dei Ministri sul decreto Covid e la proroga dello stato d'emergenza. E il ministro Roberto Speranza, alla Camera, ha accennato alle misure del nuovo Dpcm, affermando che "è intenzione del governo confermare il divieto di spostamento anche tra Regioni in zona gialla e vietare l'asporto dopo le 18 dai bar e stabilire l'ingresso in area arancione di tutte le regioni a rischio alto". C'è poi intenzione di riaprire i musei in area gialla. L'intenzione è inoltre di confermare l'indicazione "a poter ricevere a casa massimo 2 persone non conviventi come già avvenuto durante le vacanze di Natale".

"Questa settimana - ha sottolineato Speranza alla Camera - c'è un peggioramento generale della situazione epidemiologica in Italia, aumentano le terapie intensive, l'indice Rt e focolai sconosciuti. Non facciamoci fuorviare. L'epidemia è nuovamente in una fase espansiva". Pertanto "il governo ritiene inevitabile prorogare al 30 aprile stato di emergenza".

Arriveranno venerdì - secondo quanto si apprende - le ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza con le nuove classificazioni delle regioni per fasce di rischio. Secondo l'ultimo monitoraggio della cabina di regia - riportato da Speranza nelle comunicazioni alla Camera - 12 regioni e province autonome sono ad alto rischio, 8 sono a rischio moderato di cui 2 in progressione a rischio alto e una sola regione è a rischio basso".
Oltre alle aree rosse, arancioni e gialle "il Gioverno ha intenzione di prevedere anche una quarta area, bianca, solo con incidenza sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti e Rt sotto a 1" fermo restando le misure delle mascherine e del distanziamento.
  • roberto speranza
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.