WhatsApp Image at
WhatsApp Image at
Attualità

2 Novembre: tra ricordi e antiche tradizioni per la commemorazione di tutti i defunti

Un pensiero per chi non c’è più. Cimitero aperto con orario continuato dalle 7.00 alle 17.30

Una tradizione antica che nasce alle radici della cristianità, assumendo pertanto un significato spirituale e religioso. Un periodo dell'anno quello tra Ognissanti e la Festa dei Defunti dove si avvicinano il mondo dei vivi e quello dei morti, conservando in questo antico retaggio tutto il sapore della tradizione cattolica.

Infatti, oggi 2 Novembre, ricorrenza della Chiesa cattolica, preceduta da una Novena, nel calendario liturgico segue di un giorno la festività di Ognissanti del 1º novembre. Il colore liturgico di questa commemorazione è il viola, il colore della penitenza, dell'attesa e del dolore, utilizzato anche nei funerali.

Per l'occasione gli andriesi, da sempre attenti alle tradizioni, visiteranno il Cimitero comunale, per portare in dono fiori freschi e lumini sulle tombe dei propri cari.

Ogni città è legata a delle usanze tipiche di questo periodo. Ad Andria, come in altre città della Puglia si celebra il 2 novembre, apparecchiando sontuose tavole, per accompagnare il passaggio degli spiriti nell'aldilà.

Antiche credenze sostengono infatti che gli spiriti restino a dimorare le case fino a Natale e per alcuni anche fino all'Epifania. Tradizioni mediterranee e racconti narrano che nell'antica Grecia si festeggiavano le Antesterie, per tre giorni consecutivi alla fine dell'inverno. Si riteneva infatti che in quei giorni i defunti tornassero a trovare i propri cari portando frutta e dolci.

Un viaggio faticoso che compiono i morti, un viaggio dopo il quale è opportuno dar loro ristoro preparando tavole imbandite per ogni gusto. È proprio in quest'occasione che si prepara la Colva, il tipico dolce dei morti con grano, cioccolato, melograno, noci e vincotto.

Un dolce ricchissimo di dolcezza e gusto al quale è impossibile rinunciare in questo periodo dell'anno. Il grano ed il melograno simboleggiano infatti la fertilità femminile, mentre il vino indica il "sangue di Cristo" morto e risorto per la salvezza de suo popolo. Queste festività sono basilari per l'occidente cristiano. Nel cuore dell'autunno, dopo la semina del grano, che è sceso nel cuore della terra, negli inferi, inizia il cammino verso la futura germinazione e verso la rinascita alla vita.
  • Cimitero
Altri contenuti a tema
Festività pasquali: orario Cimitero Comunale Festività pasquali: orario Cimitero Comunale Chiuso lunedì 22 aprile
Cimitero comunale: variazione orari apertura dal 31 marzo Cimitero comunale: variazione orari apertura dal 31 marzo E degli uffici amministrativi che domenica resteranno chiusi al pubblico
Carnevale: variazioni orario apertura cimitero ad Andria Carnevale: variazioni orario apertura cimitero ad Andria Martedì Grasso pomeriggio chiuso
Carnevale: variazioni orario apertura cimitero il 5 marzo Carnevale: variazioni orario apertura cimitero il 5 marzo Lo comunica la società S. Riccardo srl
Cappelle cimiteriali: avviso riapertura termini, scadenza 1° marzo Cappelle cimiteriali: avviso riapertura termini, scadenza 1° marzo I soggetti interessati potranno far pervenire la domanda a mezzo posta certificata
Festività natalizie: ecco gli orari di apertura del cimitero comunale Festività natalizie: ecco gli orari di apertura del cimitero comunale Informazioni anche sugli uffici amministrativi
Al cimitero spazi per i familiari delle vittime della tragedia ferroviaria e dei defunti per malattie rare Al cimitero spazi per i familiari delle vittime della tragedia ferroviaria e dei defunti per malattie rare Fino al 20 dicembre l'avviso pubblico per la concessione in diritto di superficie per 99 anni
Confartigianato ricorda gli artigiani defunti con una S. Messa in suffragio Confartigianato ricorda gli artigiani defunti con una S. Messa in suffragio Presso il Cimitero comunale, domenica 18 novembre 2018, alle ore 8
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.