Food Reporter

50 anni di Vinitaly: mezzo secolo di innovazione

Presentato il Testo Unico del Vino

Era il 1967 quando, da un'illuminazione di Angelo Betti e con un altro nome (Le giornate del vino italiano) nasceva il Salone internazionale più grande del mondo dedicato ai vini e ai distillati. In Italia allora si produceva tanto vino e se ne consumava tantissimo - 110 litri a testa ogni anno - mentre le esportazioni si aggiravano attorno al solo 4%. Cinquant'anni dopo, la foto del vino italiano è totalmente diversa e migliore per tanti aspetti: si produce molto meno ma si vende ad un prezzo più remunerativo e adeguato alla qualità crescente, si esporta il 50% anche perché l'italiano medio beve solo 36 litri l'anno, all'insegna del "poco ma buono".

Una viticoltura che ha saputo ripartire dal disastro di trentanni fa, dopo lo scandalo del metanolo, puntando tutto sulla qualità e che nel suo complesso vale oltre 14 miliardi di euro. Il 2015 è stato l'anno nel quale l'Italia ha raggiunto la soglia record di 5,4 miliardi di euro sul fronte export e ha riconquistato il primato nella classifica mondiale dei produttori di vino strappandolo alla Francia, eterna rivale. Secondo la stima della Commissione Ue, effettuata sulla base delle cifre comunicate dagli Stati membri a settembre, l'Italia nella campagna 2015/2016 produrrà 48,8 milioni di ettolitri di vino, segnando un aumento del 13% rispetto all'annata 2014/2015. Una vendemmia ottima.

E cinquanta Vinitaly dopo la Fiera del Vino più importante d'Italia ha potuto fregiarsi di una prima assoluta: l'inaugurazione affidata al Capo dello Stato, Sergio Mattarella, che ha voluto ricordare quel 1967, per poi volgere lo sguardo al futuro: «La ricetta è agire come squadra coesa dove pubblico e privato si danno una mano e sentire l'Europa come casa propria».

Il tema di quest'anno è il digitale: «Per vincere sul mercato dobbiamo fare rete. Una delle vie più dirette e senza confini è proprio il web. La sfida digitale riguarda tutti, anche lo Stato», ha dichiarato il Ministro Martina. A tal fine nello spazio Mipaaf "World Wine Web" è stato previsto un ciclo di 10 incontri con gli esperti dei giganti del web (da Facebook a Twitter, da eBay ad Amazon fino a Google) per dare alle aziende del settore interessate gli strumenti per affrontare le nuove sfide del mercato online.

Ma l'innovazione digitale non passa solo dalle vendite e dalla comunicazione del prodotto, ma anche dalla sburocratizzazione, altro tema chiave di questo Vinitaly. Obiettivo perseguito dal Governo con la smaterializzazione dei registri vitivinicoli. La misura prevista dal decreto noto come "Campo libero", che sta vivendo proprio in questi giorni la propria fase sperimentale visto che è partita lo scorso 1 aprile e durerà fino al 29 giugno per lasciare poi il posto alla fase applicativa vera e propria. Se tutto andrà come previsto, l'Italia sarà il primo Paese al mondo in grado di avere online tutta la giacenza e movimentazione del vino prodotto. «In questo modo - ha spiegato il ministro Martina - saremo l'unico Paese ad avere i dati sulla produzione vinicola in tempo reale».

E' stato presentato, inoltre, il Testo Unico del Vino approvato in Commissione Agricoltura alla Camera lo scorso 6 Aprile, frutto dell'intesa raggiunta tra le organizzazioni rappresentative della filiera e molto atteso dagli operatori di settore. Un testo che in 89 articoli raccoglie e mette a sistema la complessa normativa del vino del Belpaese, con innovazioni importanti sul fronte della semplificazione burocratica e degli adempimenti dei produttori, del sistema dei controlli e delle sanzioni (privilegiando, per le inadempienze, la possibilità di risoluzioni preventive delle irregolarità con diverse modalità fra cui il ravvedimento operoso), del riconoscimento giuridico del "vitigno autoctono", e su pratiche vinicole che allineano ancora di più l'Italia all'Europa.

Ancora una volta la normativa del settore enologico si dimostra all'avanguardia rispetto agli altri comparti dell'agroalimentare. La speranza è che si arrivi all'approvazione definitiva, nei tempi più rapidi possibile.
  • vinitaly
Altri contenuti a tema
Vinitaly, positivo il bilancio della Puglia alla 52esima edizione Vinitaly, positivo il bilancio della Puglia alla 52esima edizione Grande successo per i vini come il Primitivo, il Nero di Troia o il Negramaro
Vinitaly, Coldiretti Puglia: "Record per l'export di vino + 21,5%" Vinitaly, Coldiretti Puglia: "Record per l'export di vino + 21,5%" Ed aumenta la superficie di ettari a biologico
La prima giornata della Puglia al Vinitaly 2018 La prima giornata della Puglia al Vinitaly 2018 Sono circa 150 le aziende pugliesi presenti a Verona
Vinitaly: il Consorzio Castel del Monte al debutto congiunto dei Rosati d'Italia Vinitaly: il Consorzio Castel del Monte al debutto congiunto dei Rosati d'Italia Degustazioni e masterclass per il debutto del protocollo d’intesa tra i cinque Consorzi del rosato italiano
La Puglia al Vinitaly, a Verona dal 15 al 18 aprile La Puglia al Vinitaly, a Verona dal 15 al 18 aprile Tra giusto, arte, design e cultura. Tre le cantine di Andria presenti
La Regione al Vinitaly: numeri da record e “made in Puglia” di qualità La Regione al Vinitaly: numeri da record e “made in Puglia” di qualità Nello stand istituzionale 1200 degustazioni di primi e formaggi e 10mila di vino
La Puglia del vino: 10 milioni di ettolitri, export da 90 milioni di euro La Puglia del vino: 10 milioni di ettolitri, export da 90 milioni di euro L’assessore di Gioia al Vinitaly: “Il successo di un sistema vitale”
Il Movimento Turismo del Vino con 3 aziende di Andria al Vinitaly 2017 Il Movimento Turismo del Vino con 3 aziende di Andria al Vinitaly 2017 Per la 51esima edizione, le iniziative messe a punto dal Consorzio dentro e fuori Fiera
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.