ulivo malato
ulivo malato
Territorio

Xylella, ricercatori di Bari progettano una macchina per distruggere le uova dell'insetto

Il progetto è stato condotto dall'equipe del professor Porcelli in collaborazione con un laboratorio di Conversano

Guardano con grande speranza gli olivicoltori pugliesi al macchinario che, grazie all'emissione di un getto di vapore, sarebbe capace di eliminare dal terreno le uova di sputacchina, l'insetto vettore del batterio Xylella che provoca la morte degli ulivi.

Il progetto di ricerca è stato ideato dall'Università di Bari e dall'istituto di ricerca privato Dyrecta Lab di Conversano, ed è stato presentato questa mattina in conferenza stampa dal gruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, dal prof. Alessandro Massaro dell'Università di Bari che fa parte dell'equipe di ricerca coordinata dal professor Francesco Porcelli, docente di Entomologia del dipartimento di Scienze del suolo, della pianta e degli alimenti (DiSSPA), e da Angelo Maurizio Galiano, amministratore di Dyrecta Lab.

Il costo del macchinario oscillerebbe fra 50 a 100mila euro. Lo studio dell'Università di Bari pubblicato sulla rivista Nature, riporta il risultato di sperimentazioni sul campo condotte in agro di Conversano negli ultimi due anni e giunge alla conclusione che per ogni ciclo dei tre anni di intervento presi a campione, si otterrebbe una diminuzione del vettore pari all'80 percento per anno. Se trasferita nella zona di contenimento oggi individuata tra nord brindisino e sud barese, l'avanzamento della Xylella verrebbe arginato e delimitato, con l'abbattimento del 99 percento dei vettori utilizzabili dal patogeno per raggiungere le 150 specie vegetali nei quali prolifera, distruggendole.Il prototipo del macchinario per l'abbattimento del vettore è costituito da due unità: una tecnologica di preriscaldamento ed immissione di vapore ad alta temperatura e, ove occorresse, di sostanze già autorizzate all'uso in campo aperto; ed un'altra composta da un carrello per l'erogazione del vapore. Lo studio, fino ad oggi compiuto, ha dato esiti estremamente incoraggianti.
  • regione puglia
  • forza italia
  • università degli studi di bari
  • xylella
  • agricoltura
Altri contenuti a tema
Scade il prossimo 10 marzo il bando per la progettazione del nuovo ospedale di Andria Scade il prossimo 10 marzo il bando per la progettazione del nuovo ospedale di Andria Dg Delle Donne: "Entriamo nel vivo delle fasi propedeutiche alla realizzazione dell'immobile"
Trattori in piazza anche dalla Puglia per l'arrivo della cimice killer dei campi Trattori in piazza anche dalla Puglia per l'arrivo della cimice killer dei campi Manifestazione nazionale a Verona, con l'arrivo di centinaia di agricoltori provenienti anche dalla Puglia
Record di vendite per i prodotti 100% Puglia Record di vendite per i prodotti 100% Puglia Ottimi i risultati emersi dall'analisi condotta da Coldiretti
La tropicalizzazione del clima crea disastri per l'agricoltura pugliese La tropicalizzazione del clima crea disastri per l'agricoltura pugliese Coldiretti: "in poche ore si alternano eccezionali ondate di maltempo a siccità perdurante"
La Giunta regionale approva modifiche al calendario venatorio La Giunta regionale approva modifiche al calendario venatorio Novità per alcune specie di volatili e per i giorni di appostamento
"Cultura, Natura, Gusto", finanziamenti regionali con il nuovo bando di Pugliapromozione "Cultura, Natura, Gusto", finanziamenti regionali con il nuovo bando di Pugliapromozione E' rivolto ad operatori economici del settore e Distretti Urbani del Commercio (DUC)
Emiliano smentisce la notizia della chiusura di ben 11 ospedali in Puglia Emiliano smentisce la notizia della chiusura di ben 11 ospedali in Puglia "Abbiamo semplicemente trasformato e riconvertito alcuni ospedali", rispondendo alle contestazioni, tra cui quella di Nino Marmo (FI)
Migliora l'export della pasta pugliese anche grazie all'indicazione in etichetta Migliora l'export della pasta pugliese anche grazie all'indicazione in etichetta Nei primi 9 mesi del 2019 è aumentato l'export di pasta dalla Puglia di ben il 9,7%
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.