Contenitore pile scariche
Contenitore pile scariche
Vita di città

Svuota il contenitore delle pile dagli altri rifiuti per un corretto conferimento

La "storia" è raccontata sulla pagina Facebook dell'associazione ambientalista 3Place

Il contenitore per il conferimento delle pile esauste è pieno. Ma non di pile e allora lei che fa? Lo svuota di tutto il resto e conferisce correttamente il suo rifiuto speciale. Sembrerebbe una storia da libro di educazione civica e invece no. È realtà. Accade ad Andria. Protagonista del fatto una giovane donna che trova a casa dell'anziano padre delle pile da smaltire ma lei si raccomanda con il papà di non gettarle nel secco e le prende in consegna per gettarle nell'apposito contenitore. Peccato che lì c'è tutto meno che pile scariche: bottiglie di vetro, indifferenziato, lattine, e anche escrementi di cani.

Chiunque si sarebbe perso d'animo, lei no. Così sacchetto alla mano e guanti svuota il raccoglitore di pile di tutto ciò che non ha a che fare con la le pile e conferisce correttamente il suo rifiuto.

La "storia" è raccontata sulla pagina Facebook dell'associazione ambientalista 3Place che con questo non vuole certamente dire che da domani dobbiamo andare a svuotare i bidoni perché c'è una ditta che se ne occupa ma è un esempio per dire quanto sia importante essere cittadini responsabili.

"Se tutti noi conferiamo correttamente il rifiuto per cui quel contenitore è destinato, il contenitore si riempirebbe con una frequenza molto minore (anzichè 3-4 giorni come quello in foto, magari ci mette 10-15 giorni per riempirsi). Questo consentirebbe alla Ditta che si occupa dello svuotamento di riuscire a star dietro a tutti i contenitori in maniera strutturale, di non perdere tempo ogni volta a differenziare i rifiuti che non devono stare lì con quelli invece corretti e non si rischierebbe, qualora la differenziate fosse troppo contaminata, che l'intero contenuto del bidone finisse in discarica", dicono dall'associazione. Le pile sono classificate come rifiuti speciali pericolosi, contengono metalli pesanti come PIOMBO, CADMIO, CROMO e MERCURIO, che se finissero in discarica nel tempo finirebbero per inquinare e contaminare l'ambiente.
  • 3place
Altri contenuti a tema
3Place, volontari in azione nel bosco urbano di Andria 3Place, volontari in azione nel bosco urbano di Andria Piantumato Oleandro e intervento di clean up in un’area abbandonata di via Ceruti
3Place, il racconto di un cittadino resiliente al degrado urbano 3Place, il racconto di un cittadino resiliente al degrado urbano L’associazione ha voluto segnalare sui social gli interventi di tutela ambientale messi in campo da un nostro concittadino
3Place partecipa alla Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti dal 21 al 29 novembre 3Place partecipa alla Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti dal 21 al 29 novembre L'associazione andriese incontrerà alcuni ospiti in modalità telematica
Cave di bauxite di Spinazzola, aumentano i rifiuti: la segnalazione di 3Place Cave di bauxite di Spinazzola, aumentano i rifiuti: la segnalazione di 3Place L'associazione ambientalista scrive al Comune di Andria e al Comune di Spinazzola
Raccolta differenziata, l'associazione 3Place presenta il progetto Trash Bin Mapping Raccolta differenziata, l'associazione 3Place presenta il progetto Trash Bin Mapping Il sodalizio ambientalista: «Crediamo che uno strumento del genere possa generare comportamenti virtuosi volti alla salvaguardia dell’ambiente»
Trash bin mapping: un giro online per le strade di Andria insieme a 3Place Trash bin mapping: un giro online per le strade di Andria insieme a 3Place In programma giovedì 22 ottobre a partire dalle ore 19.00
1 Le ringhiere del canalone sono arcobaleno, accade ad Andria dopo una "domenica meravigliosa" Le ringhiere del canalone sono arcobaleno, accade ad Andria dopo una "domenica meravigliosa" Clean up e poi l'estro multicolor di un gruppo di attivisti che non fanno mai mancare il loro sostegno
Educazione urbana e ambientale: l’appello lanciato sui social dalla neo sindaca Giovanna Bruno Educazione urbana e ambientale: l’appello lanciato sui social dalla neo sindaca Giovanna Bruno La prima cittadina denuncia l’uso scorretto delle ebike e l’abbandono abusivo dei rifiuti per le vie della città
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.