ripetitori 5G
ripetitori 5G
Attualità

Spuntano ad Andria i primi ripetitori del 5G: "Possono o meno provocare danni alla salute?"

Lo chiede il presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Nino Marmo al governatore della Puglia, Michele Emiliano  

I primi ripetitori del 5G stanno spuntando ormai in molte città pugliesi, tra cui Andria. Ma sono antenne che possono o meno fare male alla salute? Questo è l'interrogativo che il presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Nino Marmo ha rivolto in una nota al governatore della Puglia, Michele Emiliano.

"Se possano o meno provocare danni alla salute pubblica non si sa, resta un tema controverso in assenza di evidenze scientifiche, come certificato dal Comitato Scientifico Europeo, eppure in Puglia sono spuntate come i funghi le prime antenne per i nuovi ripetitori del 5G a Bari e ad Andria.

Ora, posto che non vorremmo che i nostri cittadini fossero utilizzati come cavie in assenza di studi sugli effetti dell'esposizioni ai campi elettromagnetici così prodotti, chiedo al presidente Emiliano se sia a conoscenza della sperimentazione avviata nei due Comuni pugliesi e cosa stia facendo la Regione per monitorare la situazione e l'evoluzione del 5G. Facciamo un passo indietro. A ottobre 2018 si è chiusa l'asta per il 5G, con la quale lo Stato ha incassato oltre 6,5 miliardi vendendo a privati le bande di frequenza che serviranno per questo scopo. Tra i 'lotti' è compreso quello della 'banda millimetrica' (frequenze superiori a 24GHz), la 'banda pioniera per il 5G' che permette di abilitare nuovi modelli di business entro il 2020, con l'obiettivo di coprire entro il 2025 il target delle aree urbane.

Stando a quanto comunicato dall'Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e Ambientale (AMICA), il Governo Italiano non avrebbe chiesto alcun parere sanitario sulla sicurezza dei campi elettromagnetici prima di procedere all'asta per il 5G. Ora, siamo tutti convinti che l'innovazione tecnologica e infrastrutturale debba essere promossa e sostenuta, ma siamo altrettanto convinti che questo passaggio possa avvenire solo con un adeguato controllo precauzionale. Chiedo alla Giunta regionale, quindi, se si stia attivando in qualche modo per avere lumi sulla questione e per richiedere al governo di avviare uno studio preventivo sui possibili effettivi del 5G, rasserenando i cittadini che hanno visto montare i ripetitori anche nei pressi di alcune scuole".
  • antenne per la telefonia mobile
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.