Confcommercio Andria
Confcommercio Andria
null

Sinisi (Confcommercio) su ordinanze igiene e sicurezza: "Serve un tavolo di confronto"

"Chiediamo sospensione delle ordinanze e avvio di provvedimenti condivisi che non vadano a mortificare gli investimenti"

"Nelle ultime settimane abbiamo registrato l'entrata in vigore di alcune ordinanze che mirano a salvaguardare l'igiene pubblica e la sicurezza, specie nelle zone a maggiore concentrazione di giovani e avventori in genere", scrive il delegato andriese di Confcommercio, dott. Claudio Sinisi.

"Come Confcommercio Andria non possiamo che essere lieti dell'attenzione riverberata nei confronti di problematiche a cui la cittadinanza è sicuramente sensibile, miranti peraltro ad instillare nella popolazione quel senso civico che troppo speso viene a mancare. Ci rammarica, tuttavia, non essere stati coinvolti nella fase che ha preceduto l'adozione dei citati provvedimenti. Sia per lo spirito di collaborazione sempre fornito alle Amministrazioni di ogni colore politico, sia per la scarsa attenzione prestata alle problematiche degli operatori commerciali, che dalle ordinanze sembrerebbero essere i colpevoli dell'inciviltà dei cittadini-avventori.

Nell'ottica di collaborare fattivamente al miglioramento della sicurezza e dell'igiene, in un momento peraltro di sfavorevole congiuntura economica, invitiamo gli organi politici preposti a sospendere solo temporaneamente l'efficacia delle ordinanze ed alla rapida e tempestiva costituzione di un tavolo di concertazione/consultivo che tenga in considerazione le istanze di tutte le componenti sociali (incluse le attività commerciali ed i pubblici esercizi), al fine di addivenire a provvedimenti condivisi che sarebbero sostenuti da tutti e, allo stesso tempo, non vadano a mortificare gli investimenti e l'abnegazione di tutti quegli operatori che quotidianamente offrono servizi ai cittadini. Il continuare a perorare istanze di alcune componenti della società, trascurando quelle di altre, specie degli operatori commerciali, rischia di avvilire definitivamente lo spirito di impresa e di accelerare la fase di declino dell' economia del centro storico andriese, già avviatasi da due anni a questa parte, vedi chiusure estive di tanti pubblici esercizi per la migrazione della clientela verso Trani e Barletta".
  • confcommercio
Altri contenuti a tema
Aumenti al mercato ortofrutticolo e Duc, Confcommercio e Confesercenti dal commissario prefettizio Aumenti al mercato ortofrutticolo e Duc, Confcommercio e Confesercenti dal commissario prefettizio Appello delle due associazioni di categoria: “Ampia disponibilità al dialogo, attendiamo i fatti”
Percorso del gusto e corteo storico, la Fiera d'aprile della Confcommercio Percorso del gusto e corteo storico, la Fiera d'aprile della Confcommercio Prima uscita pubblica di Confcaseari. Sinisi: "Crediamo nella rete"
Regole per la vendita dell’ortofrutta, Sinisi: “Un grande risultato” Regole per la vendita dell’ortofrutta, Sinisi: “Un grande risultato” La soddisfazione della Fida e Confcommercio di Andria per il percorso condiviso intrapreso
Inciviltà al mercato, Scarcelli (Fiva): “Non si faccia di tutta l’erba un fascio” Inciviltà al mercato, Scarcelli (Fiva): “Non si faccia di tutta l’erba un fascio” Il rappresentante degli ambulanti della Confcommercio Andria contro i pochi che deturpano l’ambiente
Ad Andria nasce la Confcaseari: l’associazione per dare valore ai prodotti caseari Ad Andria nasce la Confcaseari: l’associazione per dare valore ai prodotti caseari Claudio Sinisi (Confcommercio): “Il nostro obiettivo è fare rete in ogni settore produttivo"
"Blitz" al mercato generale, Sinisi: "Ma di cosa parliamo?" "Blitz" al mercato generale, Sinisi: "Ma di cosa parliamo?" La Confcommercio Andria chiarisce: “Un semplice sopralluogo, siamo imprenditori non facciamo azioni a sorpresa”
Matera: "Nessuno ha mai pensato che i fruttivendoli fossero gli avvelenatori della città" Matera: "Nessuno ha mai pensato che i fruttivendoli fossero gli avvelenatori della città" L'assessore alla Polizia Locale replica alla Confcommercio
“Non ci stiamo ad essere considerati gli avvelenatori dei cittadini” “Non ci stiamo ad essere considerati gli avvelenatori dei cittadini” I fruttivendoli della Fida Confcommercio Andria alzano la voce contro i controlli effettuati dall’amministrazione
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.