olivicoltura
olivicoltura
Territorio

Siccità: gli olivicoltori chiedono che la Regione si attivi per chiedere al governo lo stato di calamità

E intanto i frantoiani prendono posizione comune per la gestione della campagna olearia, a cominciare dalla quotazione delle olive

"La produzione olivicola pugliese è seriamente ridimensionata a causa del clima torrido e dell'assenza di piogge di questi mesi La Regione Puglia non perda un minuto di tempo, come accaduto in qualche occasione in passato, nel fare sopralluoghi e avviare l'iter per la richiesta di calamità naturale a seguito della siccità che ha seriamente danneggiato la produzione olivicola di quest'anno".

È quanto chiedono i 20 Presidenti delle Cooperative aderenti alla Organizzazioni di Produttori Assoproli Bari, riunitisi ad Andria per fare il punto della situazione a pochi giorni dall'avvio della campagna olivicola.

In tutta la Puglia, infatti, a causa del grande caldo e della siccità di questi mesi, la produzione di olive sarà ben inferiore alle attese. Per questo motivo, Assoproli Bari ha chiesto con una lettera all'assessore Pentassuglia un incontro urgente per individuare misure immediate per sostenere le aziende colpite da costi di gestione elevatissimi e riduzione della produzione e l'istituzione di tavolo tecnico di consultazione sugli interventi non più procrastinabili per dotare le nostre campagne di infrastrutture irrigue all'altezza della nostra agricoltura evitando che si continui a sperperare risorse preziosa come acqua.

"Ci aspettiamo la massima attenzione delle istituzioni regionali considerando quello che l'olivicoltura pugliese rappresenta per territorio, economia e ambiente - spiega il Presidente di Assoproli Bari, Pasquale Mastrandrea -. Assistiamo ogni giorno alla fuga dai campi perché qui in Puglia non ci sono condizioni per fare impresa, occorre quindi un deciso e immediato cambio di passo, per questo contiamo sull'attenzione e sensibilità dell'assessore Pentassuglia".

E intanto, per la prima volta 3 associazioni di frantoiani prendono una posizione comune su aspetti importantissimi nella gestione della campagna olearia, a cominciare dalla quotazione delle olive.

Il 28 settembre scorso presso oleificio "San Nicola" di Corato si è svolta l'Assemblea FIOQ incentrata sui temi salienti della prossima campagna olearia. All'assemblea sono stati invitati anche il presidente della Associazione Italiana Frantoiani Oleari, Elia Pellegrino e il presidente della Associazione Frantoiani di Puglia, Stefano Caroli, i quali sono intervenuti in rappresentanza della propria base associativa.

Nel corso della riunione il dibattito si è focalizzato su due punti che appaiono sin da ora strategici per una sinergia dal carattere operativo e pragmatico tra le diverse associazioni che rappresentano le istanze dei frantoiani, per la prima volta sedute una di fronte all'altra in un'assise molto partecipata.

Dai molti interventi è emerso come la situazione del comparto è talmente delicata ed al contempo complessa che è ormai improcrastinabile una proficua collaborazione tra gli operatori ed i loro rappresentanti.

Gli esponenti dell'Associazione Frantoiani Italiani Olio di Qualità, Riccardo Guglielmi, della Associazione Italiana Frantoiani Oleari, Elia Pellegrino e il presidente della Associazione Frantoiani di Puglia, Stefano Caroli hanno quindi rappresentato una convergenza su 3 punti che qui andiamo a sintetizzare.

· Prezzo delle olive - Al fine di garantire il frantoiano da spiacevoli sorprese, è volontà dei frantoiani quella di definire il costo della materia prima "olive" solo dopo la frangitura, che sarà commisurato agli indici di resa e della qualità dell'olio ricavato;

· D.D.T. e/o FATTURA - alla luce delle nuove disposizioni deve contenere (oltre alla descrizione del prodotto di origine Italiana) la descrizione delle cultivar;

· Apertura posticipata - Dopo una riflessione sullo stato "ad horas" delle olive, si ritiene opportuno posticipare l'apertura. Si è giunti a questa conclusione perchè questa campagna olivicola arriva dopo una stagione siccitosa che ha rallentato il processo di maturazione delle olive

Su questi punti le tre associazioni riunitesi ieri stanno cercando una condivisione piena anche da parte di tutti gli operatori frantoiani: il comparto richiede una posizione univoca e salda da parte di tutte le organizzazioni che rappresentano le aziende.

"E' importantissimo chiarire un aspetto, onde evitare fraintendimenti - spiega il presidente FIOQ, Riccardo Guglielmi - non c'è la volontà di deprezzare il prodotto olivicolo italiano, nè tanto meno c'è l'intenzione di fare cartello. Anzi, l'esigenza di quotare le olive dopo la frangitura, commisurandolo in maniera proporzionale agli indici di resa e alla qualità dell'olio, serve ad evitare che il mercato sia oggetto di speculazioni e, diciamolo pure, per scoraggiare i produttori che furbescamente, in taluni casi, in passato hanno fatto ricorso a sostanze chimiche al fine di alterare il colore naturale dell'oliva, con lo scopo di deviare la percezione del frantoiano sullo stato di maturazione del prodotto. L'indice di resa può essere un parametro oggettivo cui ancorare la quotazione. E può essere un meccanismo per premiare davvero la qualità. La posizione delle 3 organizzazioni deve essere vista come un passaggio fondamentale per proteggere la filiera dalla longa manus di lobbies che non fanno altro che danneggiarla. La FIOQ (voglio ribadirlo ancora una volta) vuole difendere il vero Made in Italy e l'aggettivo 'vero' non deve essere dato per scontato. E' giunto il momento che anche i produttori escano dalla logica che il frantoiano sia un commerciante che lucra sul loro lavoro. Facciamo parte tutti della stessa filiera e se non facciamo squadra, altri la faranno al posto nostro facendoci la pelle e giocando sporco sul futuro delle nostre aziende, siano esse agricole o di trasformazione."

  • regione puglia
  • oliva coratina
  • olio extravergine di oliva cultivar Coratina
  • olive
  • olivi
Altri contenuti a tema
Il virus continua a circolare in Puglia ma il sistema sanitario tiene Il virus continua a circolare in Puglia ma il sistema sanitario tiene La curva del numero degli attualmente positivi è in rialzo
Attività negli oratori: Regione Puglia e Regione Ecclesiastica Puglia rinnovano protocollo d'intesa Attività negli oratori: Regione Puglia e Regione Ecclesiastica Puglia rinnovano protocollo d'intesa Proseguiranno le azioni socio educative e di animazione sociale per il contrasto del bullismo, della devianza minorile e dei fenomeni di discriminazione
Il Ministro Bianchi inaugura l'anno scolastico a Trani. Bruno: "Che sia in presenza per tutti" Il Ministro Bianchi inaugura l'anno scolastico a Trani. Bruno: "Che sia in presenza per tutti" La Sindaca di Andria all'inaugurazione regionale dell'anno scolastico 2021 - 2022
Si potenzia la cardiologia al "Bonomo" di Andria con la nuova sala di elettrofisiologia Si potenzia la cardiologia al "Bonomo" di Andria con la nuova sala di elettrofisiologia Un nuovo traguardo clinico scientifico per il reparto di Cardiologia ed Emodinamica diretto dal dottor Francesco Bartolomucci
Mancano i medici nei pronto soccorso di Andria, Barletta e Bisceglie: "La Regione intervenga subito" Mancano i medici nei pronto soccorso di Andria, Barletta e Bisceglie: "La Regione intervenga subito" Interrogazioni dei consiglieri della Bat, Francesco Ventola (FdI) e Grazia Di Bari (M5S)
La Regione Puglia cerca operatori telefonici, ecco l'avviso pubblico La Regione Puglia cerca operatori telefonici, ecco l'avviso pubblico Le domande entro il 10 novembre. Le indicazioni estratte dal bando di concorso
Altri 100 ulivi infettati dalla xylella: avanza ancora la pandemia degli oliveti Altri 100 ulivi infettati dalla xylella: avanza ancora la pandemia degli oliveti Lo denuncia Coldiretti: "Il contagio della xyella ha già provocato con 21 milioni di piante infette una strage di ulivi"
278 nuovi casi Covid nelle ultime ore in Puglia 278 nuovi casi Covid nelle ultime ore in Puglia Sostanzialmente invariati i dati su posti letto occupati e accessi in terapia intensiva
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.