Inaugurazione dello Sportello di contrasto al Gioco d'Azzardo Patologico
Inaugurazione dello Sportello di contrasto al Gioco d'Azzardo Patologico
Vita di città

Si apre ad Andria lo Sportello di contrasto al Gioco d'Azzardo Patologico

Ieri sera l'inaugurazione presso Casa Accoglienza "S. Maria Goretti"

Aumentano le povertà materiali e nuove forme di schiavitù investono un numero consistente di uomini e donne. Parliamo, in particolare, del gioco d'azzardo patologico, un disturbo catalogato nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali e perciò considerato una vera e propria patologia psichiatrica.

Per combattere questa forma di povertà "moderna", la diocesi di Andria ha inaugurato ieri sera lo Sportello di contrasto al Gioco d'Azzardo Patologico (GAP) presso la Casa di Accoglienza "S. Maria Goretti" nel cuore del centro storico di Andria. Uno strumento finalizzato alla prevenzione, cura e riabilitazione delle persone con problemi di dipendenza, analizzandone tutte le aree di sofferenza a livello individuale, familiare e sociale. A presentare il nuovo servizio della diocesi alla comunità locale, il responsabile di Casa Accoglienza don Geremia Acri e il vescovo della diocesi di Andria mons. Luigi Mansi: forte l'invito, da parte di Sua Eccellenza, a metterci in gioco per essere accanto a questa nuova forma di povertà, stimolati dalla parabola del buon Samaritano.

Analizzando i dati relativi al gioco d'azzardo nella città di Andria, il quadro che emerge è preoccupante: nella città federiciana si sono giocato oltre 120 milioni di euro, di cui 41 alle slot machine; aggiungendoci i dati relativi alle altre due città della diocesi, Canosa di Puglia e Minervino Murge, il dato sale a circa 150 milioni giocati. Una patologia molto diffusa e in grado di investire differenti fasce d'età: per questa ragione, lo Sportello si rivolge a giovani, minori e anziani che presentano elementi di vulnerabilità, ma anche a famiglie, comunità e parrocchie.

Diversi i servizi offerti:
  • supporto alle famiglie che convivono con la problematica del gioco d'azzardo;
  • tutoraggio domiciliare, accompagnamento educativo, tutoraggio economico e/o di supporto nella gestione del denaro;
  • prima assistenza legale;
  • attività di prevenzione primaria, secondaria, universale e ambientale, nonché la ricerca di attività sociali alternative al gioco d'azzardo.
Da oggi, la diocesi di Andria potrà dunque contare su un valido sostegno contro una patologia che miete numerose "vittime": come scrive don Geremia Acri, "La vita è un bene prezioso…. riprendere in mano la propria esistenza è possibile".
  • Diocesi di Andria
  • gioco d'azzardo
Altri contenuti a tema
Disponibile il numero di dicembre del periodico diocesano “Insieme” Disponibile il numero di dicembre del periodico diocesano “Insieme” In primo luogo la riflessione di mons. Luigi Mansi sul Santo Natale
Caritas diocesana: al via la raccolta straordinaria di vestiario Caritas diocesana: al via la raccolta straordinaria di vestiario Sarà possibile conferire gli indumenti da sabato 7 sino a domenica 15 dicembre
Cesti natalizi per sostenere il progetto "Senza Sbarre" Cesti natalizi per sostenere il progetto "Senza Sbarre" Con tale acquisto si fornirà un concreto aiuto all' iniziativa voluta da don Riccardo Agresti e don Vincenzo Giannelli
Ad Andria un convegno interdiocesano sul tema del “Fine vita” Ad Andria un convegno interdiocesano sul tema del “Fine vita” Appuntamento per sabato 30 novembre, alle ore 18, presso il Museo diocesano
La Comunità Arca dell'Alleanza organizza un convegno su "I giovani e l'esoterismo" La Comunità Arca dell'Alleanza organizza un convegno su "I giovani e l'esoterismo" Appuntamento sabato 23 novembre presso il Centro di Riabilitazione "Quarto di Palo"
"Ho cercato l'amore dell'anima mia": veglia di preghiera con i giovani della diocesi di Andria "Ho cercato l'amore dell'anima mia": veglia di preghiera con i giovani della diocesi di Andria Ieri sera grande partecipazione presso la parrocchia S. Paolo Apostolo. In preghiera con i giovani anche mons. Luigi Mansi
"Give me Five!": le 5 R per vivere e non vivacchiare "Give me Five!": le 5 R per vivere e non vivacchiare Al via il percorso vocazionale "Terra Promessa" rivolto alle ragazze della città di Andria
"Per andare incontro ai poveri": mons. Mansi consegna alla comunità diocesana le Prospettive Pastorali "Per andare incontro ai poveri": mons. Mansi consegna alla comunità diocesana le Prospettive Pastorali Domani si celebra la III Giornata Mondiale dei poveri indetta da Papa Francesco
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.