Aliquote comunali
Aliquote comunali
Enti locali

Settore finanze, dirigente rimossa da incarico presenta ricorso

Si chiede la reintegra della dott.ssa Fornelli. Il 27 novembre udienza per il cautelare

"Ordinare in via urgente l'immediata reintegra nelle funzioni di dirigente del settore finanziario della dott.ssa Vincenza Fornelli, in virtù della illegittima e inefficace risoluzione del contratto di lavoro, avvenuta il 13 settembre scorso". Questo si chiede nel ricorso presentato dall'avv. Antonio Guantario, alla sezione lavoro del Tribunale di Trani contro il Comune di Andria nella persona del suo rappresentante legale pro-tempore ovvero il Sindaco Nicola Giorgino. L'udienza è stata fissata per il cautelare il 27/11/2018, ironia della sorte proprio il giorno in cui scadono i termini per l'approvare del Piano di Riequilibrio Finanziario Pluriennale, ovvero i 90 giorni dal momento in cui è stata approvata dal Consiglio comunale la delibera del pre-dissesto, lo ricordiamo, il 28 agosto; passaggio alla base della decisione di rimuovere la Fornelli dal suo incarico, stessa sorte è toccata al dirigente dell'ufficio tecnico Felice Piscitelli, entrambi a tempo determinato. Stando a quanto si legge nel Testo Unico degli enti locali il "Il contratto a tempo determinato è risolto di diritto nel caso in cui l'ente locale dichiari il dissesto o venga a trovarsi nelle situazioni strutturalmente deficitarie". Per l'amministrazione, dunque, si trattava di una presa d'atto rispondendo alle polemiche che tale decisione scatenò. Una su tutte la posizione molto critica nei confronti del sindaco dell'azzurro Nino Marmo che riteneva eccessiva l'interpretazione della legge partendo per prima cosa da un fatto oggettivo ed incontestabile: "il Comune non ha mai dichiarato il dissesto!", spiegava prendendo le difese della Fornelli.
  • tribunale di trani
Altri contenuti a tema
Nuovo sostituto procuratore al Tribunale di Trani: arriva la dott.ssa Scamarcio Nuovo sostituto procuratore al Tribunale di Trani: arriva la dott.ssa Scamarcio Maria Isabella Scamarcio, originaria di Andria si insedierà il prossimo 17 dicembre in sostituzione della collega Valentina Botti
Disastro ferroviario Andria-Corato: il Ministero accusa la Regione Disastro ferroviario Andria-Corato: il Ministero accusa la Regione Udienza a Trani per il processo relativo all'incidente del luglio 2016, l'Avvocatura di Stato chiede il proscioglimento
Processo per il disastro ferroviario del 12 luglio 2016, prof. Losappio: "Perchè la Regione è stata estromessa come responsabile civile" Processo per il disastro ferroviario del 12 luglio 2016, prof. Losappio: "Perchè la Regione è stata estromessa come responsabile civile" Il docente di diritto penale e legale di una delle parti in causa, ci spiega alcuni punti della decisione del Gup Schiralli
Crack Faville: condanna per uno solo dei sei imputati Crack Faville: condanna per uno solo dei sei imputati Assolti in cinque, tre per non aver commesso il reato
Assolta la maestra della "Borsellino" accusata di maltrattamenti aggravati nei confronti di alcuni suoi alunni Assolta la maestra della "Borsellino" accusata di maltrattamenti aggravati nei confronti di alcuni suoi alunni Nel maggio del 2015 la docente era finita agli arresti domiciliari per alcuni giorni
Disastro Andria-Corato:  Regione, Ferrotramviaria e Ministero potranno essere citati come responsabili civili Disastro Andria-Corato: Regione, Ferrotramviaria e Ministero potranno essere citati come responsabili civili La decisione del Gup Schiralli in previsione dell'udienza dell'11 ottobre
Processo strage dei treni, in aula l'ammissibilità delle parti civili Processo strage dei treni, in aula l'ammissibilità delle parti civili Udienza aggiornata al prossimo 11 settembre
Giustizia a passo di lumaca: i genitori della scuola "Borsellino" chiedono una sentenza Giustizia a passo di lumaca: i genitori della scuola "Borsellino" chiedono una sentenza Sono trascorsi oltre tre anni da quando furono scoperti dalla Polizia di Stato le violenze contro gli scolari
© 2001-2018 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.