Commesse in Confetteria
Commesse in Confetteria
Speciale

Quando con la Petresciata di Carnevale si rischiava di rompere fidanzamenti destinati al matrimonio

La storia di Vincenzo, cittadino andriese, legata ai confetti di Carnevale e ad un'antica tradizione

"A causa della Petresciata stava per rompersi il fidanzamento con la ragazza che sarebbe diventata mia moglie": a ricordare quest'aneddoto è Vincenzo, cittadino di Andria, terra dei confetti. Oggi sorride quando racconta questa storia ma confessa di essere stato a dir poco imbarazzato quel giorno. "Era Carnevale e con la mia famiglia, come tradizione voleva, avevo raggiunto la casa della mia futura sposa - dice - a cui tutti insieme avremmo 'lanciato' i confetti in segno di prosperità e abbondanza per quella che dopo pochi mesi sarebbe stata la nostra vita matrimoniale". Il rito, che ricordava il gesto che erano soliti fare gli agricoltori, cioè quello di lanciare il seme nella terra, si consumava nel salotto dove, evidentemente, c'era anche il rischio che vetrate, specchi o arredi si rompessero.

Quando cominciammo la Petresciata, io colpì inavvertitamente il naso del mio futuro suocero - ricorda divertito - e si scatenò la sua rabbia perché odiava queste consuetudini". Vincenzo racconta che fu una situazione delicata e di tensione tanto che la promessa sposa scoppiò in lacrime. "Io e i miei familiari riuscimmo a rimediare e risolvere l'accaduto ma ho temuto il peggio". In momenti come questi si osservavano regole precise: la famiglia dello sposo doveva portare una bomboniera piena di confetti da mangiare per le future occasioni di festa. Durante quel banchetto, invece, i confetti erano consumati nei cosiddetti 'cup', coni di carta che contenevano, appunto, le tonde prelibatezze. Attenzione, però. Una parte dei confetti nei coni andava conservata e consumata, poi, il Giovedì Santo: se ne doveva mangiare uno all'uscita da ogni chiesa visitata per i cosiddetti 'Sepolcri'.

"Sentiamo la responsabilità di essere portatori della storia e della cultura locali - sostiene Cristian Mucci, marketing manager della Mucci 1894 ® - siamo grati a tutti gli andriesi, e non solo, che hanno accolto le nostre prelibatezze, e quindi la nostra azienda, nelle loro case. Allo stesso tempo, siamo orgogliosi di essere custodi delle storie delle persone da 130 anni". Oggi la Mucci 1894 ® è impegnata su due fronti: destagionalizzare e deterritorializzare.

"Vogliamo che la cultura del confetto non si limiti solo al Carnevale e, soprattutto, abbiamo l'ambizione di portare questo prodotto oltre i confini della nostra terra". La loro missione, dunque, è addolcire, anche solo per un momento, la vita frenetica delle persone. E allora, lunga vita ai confetti. Potete scoprire tutte le nostre specialità sul nostro sito internet (muccigiovanni.it) e su Facebook (Mucci Giovanni dal 1894 – Confetteria e Museo Mucci Giovanni) e Instagram (#confettimucci).
  • confetteria mucci
Altri contenuti a tema
Premio Margherita d’oro 2022 - Petali di Legalità: tra i premiati anche l’imprenditore andriese Mario Mucci Premio Margherita d’oro 2022 - Petali di Legalità: tra i premiati anche l’imprenditore andriese Mario Mucci Organizzato dall'amministrazione comunale in collaborazione con Regione Puglia, Fondazione Seca di Trani e Pro Loco salinara
Andria tra i protagonisti di #unmuseoalminuto con "Museo del Confetto Giovanni Mucci" Andria tra i protagonisti di #unmuseoalminuto con "Museo del Confetto Giovanni Mucci" Un grande orologio digitale nell’ADI Design Museum di Milano per celebrare la creatività e il saper fare delle imprese italiane
Chiara Maci ad Andria per “l’Italia a Morsi” Chiara Maci ad Andria per “l’Italia a Morsi” La food blogger a caccia di antiche custodi delle tradizioni gastronomiche del territorio
Presentato a Palazzo di Città il libro “Il Confetto dolce della fede” di Giuseppe Nocca Presentato a Palazzo di Città il libro “Il Confetto dolce della fede” di Giuseppe Nocca L’iniziativa culturale è stata presieduta dalla Sindaca Giovanna Bruno e dall’assessore alla Bellezza Daniela Di Bari
"Il confetto dolce della fede": sabato 16 ottobre la presentazione del libro a Palazzo di Città "Il confetto dolce della fede": sabato 16 ottobre la presentazione del libro a Palazzo di Città Il connubio mandorla e zucchero raccontato dall'autore, il prof. Giuseppe Nocca
Riconoscimento di marchio storico di interesse nazionale per la ditta Giovanni Mucci Riconoscimento di marchio storico di interesse nazionale per la ditta Giovanni Mucci La storica azienda di confetti e dragées, fondata nel 1894, è iscritta nel Registro dei Marchi Storici di Interesse Nazionale del Ministero dello Sviluppo Economico
Festa della Repubblica: Onorificenze al Merito per gli andriesi Riccardo Matera, Mario Mucci ed Emanuele Sterlicchio Festa della Repubblica: Onorificenze al Merito per gli andriesi Riccardo Matera, Mario Mucci ed Emanuele Sterlicchio Questa mattina la cerimonia in Prefettura, ospite d'onore Albano Carrisi
MUCCI 1894 ® : il racconto di Andria e del suo Carnevale MUCCI 1894 ® : il racconto di Andria e del suo Carnevale Il futuro dei Confetti e dei Dragées
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.