olive rubate in contrada Zaganellaro, in territorio di Andria
olive rubate in contrada Zaganellaro, in territorio di Andria
Cronaca

Poco più di tre quintali di olive rubate in contrada Zaganellaro, in territorio di Andria

Danneggiati numerosi alberi a seguito della raccolta frettolosa compiuta dai ladri

Ancora un furto di olive si registra nelle campagne di Andria. Questa volta ad essere stato preso di mira giovedì 28 dicembre, è un fondo agricolo situato in contrada Zaganellaro.

Il proprietario del fondo si é recato di buon mattino con alcuni operai per iniziare le operazioni di raccolta, quando ha trovato oltre una dozzina di alberi del proprio fondo spogliati, in parte, delle preziose drupe, mentre molti rami erano stati letteralmente recisi, con violenza, per compiere la raccolta con meno dispendio di tempo. Anche mazze e ramaglie erano rimaste sul terreno a rappresentare così la triste scena predatoria compiuta.

Una scena che ha lasciato l'amaro in bocca al nostro olivicoltore, un conosciuto coltivatore che con grande passione e dedizione segue personalmente non solo le anticipazioni colturali che avvengono sui propri fondi, ma prende parte personalmente alle operazioni di raccolta.

Anche in questo caso -come un precedente avvenuto giorni addietro- il nostro olivicoltore andriese, nell'inviarci le foto di quanto accaduto sul suo fondo, ci ha comunicato di aver notiziato di quanto accaduto le locali Guardie campestri, in quanto socio da decenni e che avrebbe formulato regolare denuncia di furto alla Polizia di Stato.
olive rubate in contrada Zaganellaro, in territorio di Andriaolive rubate in contrada Zaganellaro, in territorio di Andriaolive rubate in contrada Zaganellaro, in territorio di Andriaolive rubate in contrada Zaganellaro, in territorio di Andria
  • guardie campestri andria
  • furti di olive
  • olivicoltura
  • olio d'oliva
Altri contenuti a tema
Le Guardie Campestri sventano furto ai danni di un oleificio Le Guardie Campestri sventano furto ai danni di un oleificio Dell'accaduto sono state informate le sale operative della Questura e dei Carabinieri
Predoni in moto tentano di svaligiare una villetta nelle campagne di Andria Predoni in moto tentano di svaligiare una villetta nelle campagne di Andria Intervento delle Guardie campestri in contrada Zaganellaro
Giunge a conclusione il Premio Biol 2024: in gara 483 oli d'oliva biologici provenienti da tutto il mondo Giunge a conclusione il Premio Biol 2024: in gara 483 oli d'oliva biologici provenienti da tutto il mondo Il premio venne istituito nel 1996 ad Andria per iniziativa del Ci.Bi. (Consorzio Italiano per il Biologico)
Qoco 24, una giovanissima chef vietnamita sul gradino più alto del podio Qoco 24, una giovanissima chef vietnamita sul gradino più alto del podio Giunto il verdetto della giuria tecnica presieduta da Ernesto Jaccarino. Si conclude la gara internazionale dei giovani cuochi
QOCO ’24: su il sipario. Esordio giovedì con un “Atto Primo” a Trani (Ristorante Gallo) e a Barletta (Ristorante Bacco) QOCO ’24: su il sipario. Esordio giovedì con un “Atto Primo” a Trani (Ristorante Gallo) e a Barletta (Ristorante Bacco) Domani, venerdì 22 marzo, dieci gemellaggi culinari in 10 ristoranti di Andria
Si discute di olivicoltura all'evento organizzato dal GAL "Le Città di Castel del Monte" Si discute di olivicoltura all'evento organizzato dal GAL "Le Città di Castel del Monte" Venerdì 22 marzo alle ore 16.30 presso l'Oleificio cooperativo I Tre Campanili ad Andria
Olio extravergine di oliva di Andria, con Qoco al via la sfida Olio extravergine di oliva di Andria, con Qoco al via la sfida Parte il progetto per un marchio identitario del nostro oro verde da cultivar coratina
Il tour nazionale dell’Ercole Olivario 2024 premia anche le aziende olivicole di Andria Il tour nazionale dell’Ercole Olivario 2024 premia anche le aziende olivicole di Andria È la prima volta che il concorso viene presentato nei territori regionali
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.