mezzi pesanti sulla provinciale Andria Bisceglie
mezzi pesanti sulla provinciale Andria Bisceglie
Attualità

Pericolo sulla provinciale Andria Bisceglie: limiti di velocità non rispettati e condotte di guida al limite del codice penale

Tra l'elevato traffico pesante e controlli inesistenti la strada è diventata una trappola per i viaggiatori

La provinciale Andria Bisceglie, torna a far parlare di se e purtroppo in maniera negativa. Sono poco più di sedici chilometri ormai ad alto rischio, quelli che separano l'entroterra andriese con la litoranea della città del Dolmen, passando da Trani. La provinciale n.13, malgrado gli allargamenti di alcuni tratti, continua a rimanere una strada pericolosa, non solo per il disastrato manto stradale ed a causa dell'elevato carico di traffico, ma in particolar modo del mancato rispetto dei limiti di velocità, il tutto nell'assoluta mancanza di controlli da parte delle Forze dell'ordine.

Una strada conosciuta ai più per l'alto grado di incidentalità che non sembra interessare, a quanto sembra l'ente proprietario, ovvero la provincia Bat. Se ci sono voluti ben sei anni per vedere rimettere in funzione l'impianto di illuminazione posto all'intersezione con la provinciale Corato – Trani, è anche vero che la segnaletica verticale ed orizzontale è ridotta ad un colabrodo, come del resto buona parte dell'arteria stradale, che ricordiamo mette in comunicazione due dei centri più importanti della sesta provincia pugliese.

Forse per certi aspetti il tratto più insidioso è quello ricadente nel territorio di Trani. Il tappetino d'asfalto è ridotto in malo modo, non si contano più le buche ed i limiti di velocità non vengono mai rispettati, anche quando la strada si restringe, dopo i tratti in cui è stata allargata. Ad esempio, chi la percorre da o per Bisceglie, all'altezza dello svincolo che da Corato porta ad immettersi sull'Andria Bisceglie, non esiste il cartello di deviazione per gli svincoli di immissione. Così capita di ritrovarsi autovetture, per chi percorre detta strada, che invece di prendere lo svincolo di destra prima di dover immettersi sulla provinciale n. 13, dando la dovuta precedenza, prendono erroneamente lo svincolo di sinistra (che è di immissione), non essendoci il segnale di divieto di accesso.

Ma non questa l'unica problematica legata alle condizioni di sicurezza della strada. Infatti, la provinciale è sempre più percorsa da mezzi pesanti che devono immettersi sulla SS. 16 bis. L'immissione dalla provinciale n. 13 è l'accesso più vicino per chi proviene da Andria o da Corato. Ecco che è facile imbattersi in mezzi pesanti letteralmente "sparati" ben oltre i limiti di velocità stabiliti, il più delle volte compiendo pericolosi sorpassi, quando i conducenti si astengono a suonare agli automobilisti che li precedono, magari ad una andatura regolare.

Una attenzione su questa arteria stradale da parte dell'ente proprietario, la Provincia, non guasterebbe affatto e da parte delle Forze dell'ordine, in primis Polstrada e Carabinieri, a voler sistemare dei posti di controllo, così da essere un forte deterrente alle condotte di guida disinvolte che hanno contrassegnato fino ad oggi questa importante strada di collegamento.
  • Provincia Bat
  • Comune di Andria
  • strada provinciale andria bisceglie
  • Bernardo Lodispoto
Altri contenuti a tema
Nuovo anno scolastico: il Sindaco Bruno in visita alcuni istituti d'istruzione Nuovo anno scolastico: il Sindaco Bruno in visita alcuni istituti d'istruzione Incontri presso la scuola dell'infanzia "Sorelle Agazzi", quella elementare " Verdi", la media "Vaccina" e l'industriale "Jannuzzi"
Andria e Bisceglie unite per la promozione del territorio e finalità sociali Andria e Bisceglie unite per la promozione del territorio e finalità sociali Ferrari e auto d’epoca per il premio "Golden Cliff" che saranno a disposizione di bambini e ragazzi con bisogni speciali per un’esperienza indimenticabile
15 «Cercate uno specchio, sputatevi in faccia, e poi restituite quella sella» «Cercate uno specchio, sputatevi in faccia, e poi restituite quella sella» A soli 2 mesi dall'installazione di una bici che ricordava Patrizia Paradiso, "la sacralità di quella bicicletta è stata violata"
Avvio anno scolastico: il saluto del Sindaco Giovanna Bruno Avvio anno scolastico: il saluto del Sindaco Giovanna Bruno "A Te, senza cui tutti saremmo più poveri, auguro non solo un buon anno scolastico, ma il migliore possibile”
Andria e Bisceglie insieme per la promozione turistica a finalità sociali, grazie al fascino dei bolidi Ferrari Andria e Bisceglie insieme per la promozione turistica a finalità sociali, grazie al fascino dei bolidi Ferrari Iniziativa dell’Associazione Onlus “Amici per la vita” a sostegno della Fondazione pugliese per le neurodiversità
Festa patronale, Sindaco Bruno: «Il tempo della ripartenza non è ancora compiuto in pieno» Festa patronale, Sindaco Bruno: «Il tempo della ripartenza non è ancora compiuto in pieno» «È il tempo della prudenza, della necessità di proteggere i nostri cari e di recuperare le nostre radici»
"Lavoro e società – Per una CGIL unita e plurale”: manifestazione ad Andria nel ricordo del Senatore Piccolo "Lavoro e società – Per una CGIL unita e plurale”: manifestazione ad Andria nel ricordo del Senatore Piccolo I vertici regionali e provinciali della CGIL, si riuniscono martedì 21 settembre a "Materia Prima"
Nuovi controlli e denunce da parte della Polizia di Stato nel territorio di Andria Nuovi controlli e denunce da parte della Polizia di Stato nel territorio di Andria Oltre 300 individui identificati e 150 veicoli sottoposti a verifica. Due persone alla guida di motocicli sono stati denunciati
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.