riunione presso il parco dell'alta Murgia
riunione presso il parco dell'alta Murgia
Territorio

Parco dell'alta Murgia: Rifiuti e fauna selvatica al centro della nuova governance

Incontro con Coldiretti Bari e Bat. oltre 6mila aziende lungo la filiera agroalimentare

Al centro della nuova governance del Parco dell'Alta Murgia rifiuti ed emergenza lupi e cinghiali, in un'area dove le attività agroalimentari rappresentano la ricchezza economica e produttiva dell'area distrettuale murgiana che abbraccia la Puglia e la Basilicata. E' quanto riferisce Coldiretti Bari BAT, a margine di un incontro della delegazione dei presidenti di Coldiretti di Altamura, Spinazzola, Minervino, Poggiorsini, Gravina, Santeramo e Corato, con il nuovo presidente del Parco Nazionale dell'Alta Murgia, Francesco Tarantini

"Il confronto molto proficuo si è concentrato sulla necessità che il Parco diventi un laboratorio di sviluppo della multifunzionalità agricola, riconoscendo un grande protagonismo alle collettività residenti, un patrimonio produttivo da tutelare contro gli attacchi di lupi e cinghiali che distruggono le produzioni agricole nei campi e feriscono a morte gli animali nei pascoli e dai rifiuti, divenuti una emergenza ambientale e di immagine per le aziende agricole", spiega il presidente di Coldiretti Bari BAT, Savino Muraglia.
Lungo la filiera agroalimentare nell'area Parco operano 6.298 imprese agricole, 127 di trasformazione – sostiene Coldiretti Bari BAT- mentre gli addetti sono valutabili in circa 5000 unità, di cui 3000 operano nelle fasi agricole, 1000 in quella industriale e 1000 nella terziaria della filiera lattiero-casearia. Si tratta evidentemente di una realtà economica di grande rilevanza, che ha bisogno di essere adeguatamente rappresentata e promossa dal Parco.

"E' emersa l'inefficacia del sistema di cattura della fauna selvatica con le gabbie – precisa il presidente Muraglia – che il presidente Tarantini ha intenzione di sostituire con il selecontrollo. Così come per contrastare la questione dei rifiuti abbandonati nelle campagne, la nuova governance del Parco sta predisponendo un sistema di controllo con telecamere e guardiania. Da affrontare congiuntamente e tecnicamente la possibilità di bruciare le stoppie ", aggiunge Muraglia.
E' concentrato nell'area distrettuale pugliese il 31,6% degli addetti alle imprese lattiero-casearie della Puglia e in quella materana il 21,7% di quelli lucani, dice Coldiretti Bari.

"Con il presidente Tarantini c'è convergenza sulla necessità di riconoscere la partecipazione degli agricoltori nei consigli di gestione delle aree protette in vista di superare la marginalità e integrare i parchi nel complessivo sistema istituzionale, garantendo il necessario consenso sociale. Sono passati 25 anni da quando si iniziò a parlare dell'istituzione del Parco dell'Alta Murgia e sin da subito Coldiretti chiese con forza che fosse creato uno strumento in equilibrio costruttivo con il mondo economico e sociale dell'area, in grado di migliorare realmente la salubrità della vita e dell'ambiente e promuovere, al contempo, le pratiche agrarie caratteristiche della zona", conclude il presidente Muraglia.
  • coldiretti
  • Parco nazionale alta murgia
Altri contenuti a tema
Puglia: preoccupa l'andamento dei prezzi di frutta e verdura Puglia: preoccupa l'andamento dei prezzi di frutta e verdura Per uva, meloni gialletti, cicorie cimate e melanzane il crollo è del 30%
Coldiretti: "Turchia invade l'Europa con cibi pericolosi. No all'adesione all'UE" Coldiretti: "Turchia invade l'Europa con cibi pericolosi. No all'adesione all'UE" Molti i cibi che contengono residui di pesticidi oltre i limiti consentiti dalla legge italiana
Successo della raccolta firme per bloccare i cibi senza l'origine in etichetta Successo della raccolta firme per bloccare i cibi senza l'origine in etichetta Coldiretti ha raccolto l'adesione e l'impegno del presidente del consiglio Giuseppe Conte. Dalla Puglia oltre 50mila firme
Bene l'export per i prodotti dell'agroalimentare pugliese. In calo solo l'olio d'oliva Bene l'export per i prodotti dell'agroalimentare pugliese. In calo solo l'olio d'oliva Sono i dati riferiti al primo semestre del 2019, ma già si guarda ad una ripartenza degli scambi con l'estero per il nostro olio
La Regione replica a Coldiretti sui rimborsi agli agricoltori per la xylella: "domande corrette ammesse a finanziamento" La Regione replica a Coldiretti sui rimborsi agli agricoltori per la xylella: "domande corrette ammesse a finanziamento" Personale dedicato esaminerà altre domande pervenute per le quali vi sono altri finanziamenti
Dalla black list dei dazi decisi da Trump salvi olio d'oliva, vino, pasta e passate di pomodoro Dalla black list dei dazi decisi da Trump salvi olio d'oliva, vino, pasta e passate di pomodoro Colpiti invece prodotti pugliesi come formaggi di latte vaccino e di pecora, agrumi come mandarini, limoni e clementine
Per il problema dell'invasione dei cinghiali, Coldiretti chiede il loro abbattimento Per il problema dell'invasione dei cinghiali, Coldiretti chiede il loro abbattimento Ormai i branchi di questi animali sono presenti in maniera sempre più massiccia, sia nelle campagne come nelle città
Dalla Foresta Umbra a Matera passando per Castel del Monte: 350 km in bicicletta nei Parchi e Siti UNESCO Dalla Foresta Umbra a Matera passando per Castel del Monte: 350 km in bicicletta nei Parchi e Siti UNESCO Dal 3 al 7 ottobre un percorso alla scoperta dei luoghi più affascinanti di Puglia e Basilicata
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.