olio d'oliva
olio d'oliva
Vita di città

Olio, Coldiretti Puglia: criminalità e bolla speculativa prezzi crollati del 40% nel 2019

Domani incontro con ministro Bellanova. Il presidente Muraglia guiderà la delegazione di Coldiretti

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
La criminalità nelle campagne non va sottovalutata, perché aggrava la condizione nelle aree rurali con la bolla speculativa dei prezzi, crollati del 40% nel 2019. E' quanto emerso durante l'incontro di Coldiretti in Prefettura della Bat, dove le forze dell'ordine hanno chiesto di denunciare ogni episodio criminoso in modo da circoscrivere meglio i territori particolarmente colpiti e intensificare il presidio.

"Le denunce sono ancora poche e ciò non deve far sottovalutare un problema che è ormai cronico. Il presidio delle aree rurali e la scorta dei tir carichi di olio extravergine sono indispensabili per salvaguardare agricoltori e prodotto. Sarà replicato il metodo già collaudato gli anni scorsi, con i frantoi che avviseranno la Questura prima di far partire i camion di olio extravergine alla volta delle varie destinazioni per farli scortare fino all'imbocco dell'autostrada", commenta il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

"La crisi di liquidità delle azienda olivicole e dei frantoiani, derivata anche dalla mancata attivazione dei provvedimenti sulle gelate previsti dal Decreto Emergenze fa crescere la tensione in campagna", denuncia il presidente Muraglia che guiderà la delegazione di Coldiretti all'incontro con il Ministro Bellanova domani 4 dicembre al Ministero a Roma.
La bolla speculativa che sta interessando il settore oleario si è allargata anche alla sansa che, non trovando mercato che l'acquisti, per essere smaltita può solo diventare rifiuto speciale a spese di agricoltori e frantoiani. "I prezzi bassi dell'extravergine hanno fatto crollare anche quelli dell'olio di sansa, un sottoprodotto della lavorazione delle olive che al momento non vale niente. D'altro canto cooperative e frantoi – continua Muraglia - devono 'liberarsene' perché parte finale del ciclo di produzione dell'olio".

"La sansa diventa quindi per gran parte dei frantoiani da risorsa a rifiuto speciale che, se mandata ai biodigestori, può costare anche 25 euro al quintale, oltre ai costi di trasporto. Dall'anello più debole della catena fino alla trasformazione, tutta la filiera dell'olio è strozzata da pratiche commerciali che hanno fatto crollare del 40% il prezzo dell'olio e necessita di interventi a breve e lungo periodo, con l'ennesima occasione persa dalla Regione Puglia che non ha ancora consentito a cooperative e frantoi in tutta la Puglia di utilizzare oltre 40 milioni di euro per le strutture di stoccaggio che avrebbero potuto far fronte all'attuale stagnazione di mercato per eccesso di produzione", torna ad insistere il presidente Muraglia.
Resta l'urgenza di costruire finalmente il Piano Olivicolo Nazionale – aggiunge Coldiretti Puglia - quando in Spagna ne hanno già fatti 5 e di rivedere i rapporti all'interno della filiera, coinvolgendo in prima istanza proprio la grande distribuzione, perché i prezzi allo scaffale di olio extravergine di oliva a 3 euro a bottiglia è inaccettabile. E' auspicabile – conclude Coldiretti Puglia - che anche lo strumento della IGP Puglia possa sin dal prossimo anno aiutare il settore a crescere in termini di qualità e riconoscibilità del prodotto pugliese sui mercati.
  • coldiretti
Altri contenuti a tema
Criminalità, Coldiretti Puglia: «Necessaria cabina di regia tra Ministeri Agricoltura e Interno»​ Criminalità, Coldiretti Puglia: «Necessaria cabina di regia tra Ministeri Agricoltura e Interno»​ Coldiretti rinnova la richiesta dopo il danneggiamento di 5 ettari di vigneto di uva da tavola nelle campagne di Andria
Negli agriturismi di Puglia le vacanze sono pet friendly Negli agriturismi di Puglia le vacanze sono pet friendly Il 20% dei turisti italiani decide di trascorrere le ferie rigorosamente accompagnati dagli amici a 4 zampe
Torna in Puglia l' allarme insetti "alieni", Coldiretti: «Strage nei nostri campi» Torna in Puglia l' allarme insetti "alieni", Coldiretti: «Strage nei nostri campi» L'associazione degli agricoltori punta il dito contro l'Unione Europea: «Le loro barriere sono un colabrodo»
Buona la presenza di italiani negli agriturismi pugliesi, mentre arrivano anche tanti vip in questa estate 2020 Buona la presenza di italiani negli agriturismi pugliesi, mentre arrivano anche tanti vip in questa estate 2020 Purtroppo grandi assenti rimangono i turisti stranieri. Le ultime rilevazioni da parte di Coldiretti
Male l'export dell'ortofrutta: adesso si teme per l'uva da tavola Male l'export dell'ortofrutta: adesso si teme per l'uva da tavola Servono nuovi mercati per l'ortofrutta pugliese e maggiori tutele per i produttori
1 L'andriese Muraglia eletto presidente di PugliaOlive cui aderiscono 12 mila produttori L'andriese Muraglia eletto presidente di PugliaOlive cui aderiscono 12 mila produttori Nuovo riconoscimento per il 41enne imprenditore oleario, a capo di Coldiretti Puglia
Per carenze infrastrutturali e reti colabrodo la Puglia perde l'89% dell'acqua meteorica Per carenze infrastrutturali e reti colabrodo la Puglia perde l'89% dell'acqua meteorica Mentre aumenta la desertificazione manca la manutenzione delle reti di distribuzione idrica
Cane sbranato trovato ai piedi di Castel del Monte: attacco di cani inselvatichiti o di un lupo? Cane sbranato trovato ai piedi di Castel del Monte: attacco di cani inselvatichiti o di un lupo? E' accaduto nei giorni scorsi. Coldiretti aveva lanciato l'allarme sulla presenza di questi predatori
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.