disastro ferroviario
disastro ferroviario
Attualità

Nuova udienza disastro ferroviario "Bari nord": ascoltati altri due testimoni

Emerse le carenze relative ai corsi di aggiornamento professionale per i ferrovieri in servizio

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Il processo sul disastro ferroviario delle vecchia "Bari Nord" è proseguito stamattina nell'aula bunker del carcere di Trani con l'escussione di altri testimoni indicati dalla Procura. Tra essi un operatore di manovra ed un capotreno, entrambi in servizio quella drammatica mattina del 12 luglio 2016 quando nella tratta Andria-Corato 23 persone persero la vita 23 persone ed altri 51 rimasero ferite.

Il capotreno, ora in pensione, era in servizio sul convoglio partito da Bari e giunto a Ruvo di Puglia alle 10,11. L'ex ferroviere ha parlato della caratteristiche della linea a doppio binario solo da Bari a Ruvo e soprattutto del cospicuo aumento del numero dei convogli avutosi negli anni: dai 40 al giorno degli anni '80 ai 180 del 2016. Il capotreno ha evidenziato anche la carenza di corsi di aggiornamento professionale ed ha riferito sul cosiddetto sistema del blocco telefonico adoperato nella tratta dell'incidente e rimasto sostanzialmente immutato durante gli anni del suo servizio. Nel corso della deposizione ha parlato anche dell'assenza di campo per i cellulari proprio nella tratta del tragico scontro frontale tra i due treni: fatto, che a suo dire, era noto a tutti e dunque anche ai vertici di Ferrotramviaria.

Si torna in aula, davanti al Tribunale collegiale di Trani, il 13 novembre con l'escussione di altri 5 testi indicati dalla Procura tra la corposa lista dei 110.
  • incidente ferroviario corato
  • Ferrovia Bari-Nord
  • tribunale di trani
  • Ferrotramviaria
  • processo strage ferroviaria
Altri contenuti a tema
Sottovia stazione Andria Sud, Nino Marmo scrive a Regione, Commissario Tufariello e Ferrotramviaria Sottovia stazione Andria Sud, Nino Marmo scrive a Regione, Commissario Tufariello e Ferrotramviaria "Chiesto di programmare la realizzazione sottovia per l'attraversamento veicolare e pedonale in sicurezza"
Allarme bomba alla stazione di Bari, sospesa la circolazione dei treni di Ferrotramviaria Allarme bomba alla stazione di Bari, sospesa la circolazione dei treni di Ferrotramviaria Sul posto gli artificieri. La stazione è stata fatta immediatamente evacuare
Processo disastro Ferrotramviaria: nuova udienza riservata al controesame dei consulenti della Procura Processo disastro Ferrotramviaria: nuova udienza riservata al controesame dei consulenti della Procura Ad interrogarli i difensori di alcuni dei 18 imputati. Il processo è stato aggiornato al 9 settembre
Pedofilo 23enne andriese condannato per violenza sessuale su due bambini Pedofilo 23enne andriese condannato per violenza sessuale su due bambini Li aveva attirati nella villa comunale. Oggi la sentenza del Gup del Tribunale di Trani
Disastro ferroviario Andria-Corato: i parenti delle vittime hanno disertato la cerimonia commemorativa Disastro ferroviario Andria-Corato: i parenti delle vittime hanno disertato la cerimonia commemorativa Si è presentata solo l'Associazione “Anna Aloysi”: “Siamo tutti rimasti un po’ male per la scarsa partecipazione”
Commemorazione a Bari delle vittime della strage dei treni Andria - Corato Commemorazione a Bari delle vittime della strage dei treni Andria - Corato Una corona di fiori è stata deposta dal presidente Emiliano e dal sindaco Decaro vicino alla lapide commemorativa in piazza Moro
Strage dei Treni, il Corpo dei Vigili del Fuoco ricorda l'immane tragedia Strage dei Treni, il Corpo dei Vigili del Fuoco ricorda l'immane tragedia Sui social ufficiali il racconto delle drammatiche ore dei soccorsi
Ripensando a quel 12 luglio 2016 -12 luglio 2020: "Fermiamoci un attimo" Ripensando a quel 12 luglio 2016 -12 luglio 2020: "Fermiamoci un attimo" Una breve riflessione del referente del Centro Igino Giordani di Andria, Gino Piccolo
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.