festa del papà
festa del papà
Commento

"Non temere di diventar padre"… A proposito della Festa del papà

Riflessione di Don Ettore Lestingi, Presidente Commissione Liturgica diocesana

«Il 19 marzo la Chiesa celebra la Solennità di San Giuseppe, sposo di Maria, padre "aggiunto" di Gesù.
Sì, "padre aggiunto" , perché il nome Giuseppe significa appunto aggiunto. Che non vuol dire superfluo, di cui si può fare a meno, o semplicemente un di più. Che se c'è o non c'è è la stessa cosa. Il significato lo scopriremo "solo leggendo".
Questa è una delle Solennità che scavalca i confini del sacro, non è prerogativa della Chiesa, ma investe la cultura di ogni popolo e nazione tanto da diventare "la festa del papà". Già, il papà. Figura controversa: di lui si può dire tutto e il contrario di tutto. E' necessario e superfluo al tempo stesso. Lo si vuole presente, ma a volte è meglio che sia assente. E' contestato per il fatto che vive sempre di lavoro, ma se non porta i soldi a casa non vale niente. E' cercato nelle difficoltà, ma quando tutto và bene, non deve intromettersi nelle scelte di vita. Lo si vuole autorevole, ma quando si impone è autoritario… Quanto è difficile il mestiere di padre, tanto che nessuno si sente all'altezza di tale compito.
Niente di strano o di preoccupante: perché padre non si nasce, ma si diventa alla scuola della vita. Ritornando a San Giuseppe, ciò che stupisce di quest'uomo (perché prima di essere un santo è un uomo) è che esercita la sua paternità appunto da "aggiunto". Non parla, ma è sempre presente ed è proprio la sua presenza che parla… E' presente alla nascita del figlio diventando così il primo papà della storia presente al parto… E' presente nei momenti di pericolo del Figlio, minacciato dal potente Erode… E oggi diverse sono le forme di minaccia dei nostri ragazzi, vedi il bullismo che dilaga sempre più e purtroppo non se ne parla più… E' presente nell'età critica dell'adolescenza che è tempo di smarrimento… Ma poi quando il figlio è cresciuto, sa fare un passo indietro, perché "un padre diventa vero quando il figlio cresce e lui diminuisce".
E il frutto della sua paternità silenziosa ma presente è la gioia di aver generato un uomo. Se un figlio nasce dal grembo di una donna, egli cresce modellato dalle mani del padre: dalla carezza della mano sinistra e qualche scappellotto della mano destra. Volendo usare una immagine biblica ogni figlio "è argilla" e ogni padre "il vasaio", cioè colui che gli dà forma.
Auguri, allora, a tutti i papà perché nel cuore di ciascuno nei momenti di grande crisi di identità, risuonino consolanti queste parole: "Non temere di diventare padre, perché padre non si nasce, ma si diventa". Auguri».
  • don Ettore Lestingi
  • festa del papà
Altri contenuti a tema
Don Ettore Lestingi: “Per fare l’albero ci vuole il seme...” Don Ettore Lestingi: “Per fare l’albero ci vuole il seme...” Riflessione sul ritrovamento del cadavere in decomposizione di un anziano in una via della nostra Città
Don Ettore Lestingi: "Il mondo ha bisogno di un cuore… " Don Ettore Lestingi: "Il mondo ha bisogno di un cuore… " La riflessione del presidente Commissione Liturgica diocesana
Buon anno: "Solo tornando a stringerci le MANI riusciremo a darci un doMANI" Buon anno: "Solo tornando a stringerci le MANI riusciremo a darci un doMANI" Don Ettore Lestingi, ci popone una riflessione di fine anno 
"Morte di Dio, morte dell’uomo: perché la morte di Enza non sia vana" "Morte di Dio, morte dell’uomo: perché la morte di Enza non sia vana" Riflessione di don Ettore Lestingi, Presidente CLD
Don Ettore Lestingi: "Avvento, umanità da compiere" Don Ettore Lestingi: "Avvento, umanità da compiere" "Può significare imparare a vivere da uomini umani con la consapevolezza che più si è umani e più si è divini"
6 Don Ettore Lestingi: "La Chiesa è donna!" Don Ettore Lestingi: "La Chiesa è donna!" Evento organizzato dal Presidente Commissione Liturgica diocesana, mercoledì 6 dicembre 2023 alle ore 19,00 presso la Chiesa Sacro Cuore di Andria
Don Ettore Lestingi: "Sai che c’è? Il mondo è in guerra!" Don Ettore Lestingi: "Sai che c’è? Il mondo è in guerra!" "Non me ne frega niente!" Riflessione sulla indifferenza nei confronti della guerra
Scuola di formazione liturgica di base: Anno pastorale 2023/2024 Scuola di formazione liturgica di base: Anno pastorale 2023/2024 "Necessità di tornare alla freschezza delle origini, per liberare la Liturgia da incrostazioni storiche e ripulirla da polvere di indietrismo nostalgico"
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.