No Bolkestein
No Bolkestein
Scuola e Lavoro

No Bolkestein, a Roma l'orgoglio dell'Italia Ambulante

Sul palco con Di Maio e Salvini anche l'andriese Savino Montaruli

Dopo ventiquattro anni dall'ultima manifestazione nazionale, l'Italia Ambulante torna a far sentire la propria voce: tantissime le migliaia di commercianti ambulanti che hanno gremito piazza della Repubblica mercoledì 28 settembre a Roma. Rappresentanze e gruppi di ambulanti provenienti da tutte le Regioni italiane si sono dati appuntamento nella centralissima piazza romana dove hanno manifestato pacificamente ed ordinatamente con i colleghi balneari, anch'essi messi a dura prova dal recepimento della direttiva comunitaria cosiddetta Bolkestein che intende espropriare aree pubbliche e spiagge mediante l'utilizzo improprio e subdolo dei bandi e delle aste, per consegnarle nelle mani delle multinazionali. Un altro passo del Governo italiano per svendere completamente il nostro Paese e le nostre risorse all'Europa dei burocrati, dei capitali, delle banche e degli affari.

Uomini e donne ambulanti hanno ancora una volta manifestato il loro dissenso avverso questa sciagurata iniziativa che ha visto l'Italia soccombere ed assecondare le richieste dell'Europa senza battere ciglio e senza avviare tutte quelle procedure possibili per estrapolare il commercio su aree pubbliche dalla Direttiva, come hanno fatto gli atri, tutti gli altri Stati Europei.

«Il commercio su aree pubbliche in Italia conta un numero di esercenti che supera i duecentomila con oltre un milione di addetti ed un indotto di oltre duemilioni di soggetti. Questa dunque è una questione di interesse nazionale ed è per questo che stiamo combattendo da anni contro questo provvedimento ingiusto e criminale». Queste le parole pronunciate dal leader sindacale andriese, Savino Montaruli, sul palco di piazza della Repubblica a Roma. Con Montaruli, sullo stesso palco, si sono alternati i parlamentari Luigi Di Maio, Matteo Salvini, Renato Brunetta, Fassina oltre a tutti i più rappresentativi ed impegnati sindacalisti in rappresentanza dell'Italia del commercio su Aree Pubbliche, provenienti dal Lazio, dalla Campania, dalla Toscana, dal Piemonte, dal Veneto, dalla Puglia, dalla Lombardia e dalle altre regioni tutte degnamente ed ottimamente rappresentate.

Tra i rappresentanti più significativi del commercio ambulante delle Province Bari e Bat, coorganizzatori dell'evento, anche Donato Gala di Casambulanti Bitonto, Vincenzo Berardino di Batcommercio2010, Giuseppe Rinaldi di Unimpresa Area Metropolitana Terra di Bari, Vito Giuliano, Gonnella ed altri rappresentanti delle Associazioni di Categoria Indipendenti ed Autonome del territorio pugliese. Al termine della manifestazione è stato firmato un documento per il Governo italiano ed una Delegazione di rappresentanti è stata ricevuta al Ministero dello Sviluppo Economico dove ha avuto modo di esplicitare le ragioni della manifestazione e soprattutto indicare la strada da seguire perché è ancora possibile, oggi, estrapolare il commercio su aree pubbliche dalla Direttiva Bolkestein.

Alla manifestazione romana sono intervenuti anche molti Sindaci in rappresentanza dei comuni che si sono schierati con gli ambulanti mentre altrettanto numerose sono state le assenze da parte di chi pur di non "compromettere" rapporti privilegiati con chi sta caldeggiando questa Direttiva e addirittura ne sta facendo opera di scellerata propaganda, ha preferito restarsene a casa quindi annientare la propria voce ed il proprio sostegno ad una categoria che però nelle campagne elettorali è sempre la più ricercata e disponibile anche con chi non merita.

Questo, almeno, accadeva ed è accaduto sinora ma la musica è cambiata ed anche i musicisti si stanno già cambiando d'abito. Prossimi appuntamenti in tutte le città italiane con manifestazioni No Bolkestein a difesa del lavoro e della dignità dei lavoratori.
No BolkesteinNo BolkesteinNo BolkesteinNo BolkesteinNo BolkesteinNo BolkesteinNo BolkesteinNo Bolkestein
  • Savino Montaruli
Altri contenuti a tema
Andria senza Carnevale, cittadini e commercianti citano in giudizio “re ‘cardo” Andria senza Carnevale, cittadini e commercianti citano in giudizio “re ‘cardo” Savino Montaruli rivendica il mancato svolgimento di questa festa popolare
La Bit senza la Bat. Chi l'ha vista? La Bit senza la Bat. Chi l'ha vista? "Anche quest’anno nessuna azione concertativa è stata elaborata"
Montaruli (Unimpresa Bat): "Sul degrado del centro storico si gioca il futuro della città" Montaruli (Unimpresa Bat): "Sul degrado del centro storico si gioca il futuro della città" “Gli amministratori comunali e le istituzioni non se ne rendono conto”
No alcol ai minori di 18 anni dal 2008; ma i gestori seguono le norme? No alcol ai minori di 18 anni dal 2008; ma i gestori seguono le norme? Tolleranza zero sulle vendite dopo le ore 2. Lo dice l'ordinanza di Zaccaro, ancora in vigore
Montaruli: "Andria, inciviltà con aggravanti" Montaruli: "Andria, inciviltà con aggravanti" "Dal vomito davanti alla cattedrale alla cacca davanti alla biblioteca la strada è stata breve"
Montaruli: "Il contenzioso con la ditta appaltatrice non fa bene alla mensa" Montaruli: "Il contenzioso con la ditta appaltatrice non fa bene alla mensa" L'intervento del presidente di "Io ci sono" a proposito del servizio di refezione scolastica
Dehors a rischio smantellamento Dehors a rischio smantellamento Montaruli: "Se il Comune non approva il regolamento entro qualche giorno si perde diritto al principio di continuità"
Montaruli (Unimpresa): "La legge di stabilità ferma la Bolkestein" Montaruli (Unimpresa): "La legge di stabilità ferma la Bolkestein" "La politica ha capito ed ha compreso l'enorme errore commesso"
© 2001-2018 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.