Nino Marmo
Nino Marmo
Politica

Nino Marmo scrive al Prefetto per chiedere la riduzione dei rappresentanti di lista

La nota chiede di limitare a un solo rappresentante per ogni schieramento di candidati sindaco

Nino Marmo indirizza una nota al Prefetto per limitare, causa emergenza Covid, a un solo rappresentante di lista per ogni schieramento di candidati sindaco e invita gli altri candidati a raggiungere un accordo

«Il particolare contesto in cui ci apprestiamo a svolgere le operazioni di voto – si legge nella nota - mette a dura prova non solo chi è deputato a organizzarle, ed assicurarne il regolare svolgimento, ma anche gli stessi elettori. Nelle scorse settimane abbiamo avuto modo di leggere le circolari n.34, n.39, n.41 e 43 del Ministero dell'Interno che forniscono delucidazioni in merito al decreto legge 103/2020 recante "Modalità operative, precauzionali e di sicurezza per la raccolta del voto nelle consultazioni elettorali e referendarie dell'anno 2020". Come giustamente richiamato nella circolare n.34, e nelle successive, durante le operazioni di voto e di scrutinio, dovrà essere rispettato il distanziamento sociale ed evitato, nel modo più assoluto, la formazione di assembramenti.

Tale disposizione ci sembra francamente impossibile da rispettare in considerazione del fatto che per quanto concerne i rappresentati di lista tutto è rimasto invariato. Ricordiamo a noi stessi, infatti, che per legge ogni lista ha il diritto di indicare un rappresentante, e un supplente, per seggio e che tale rappresentante può essere presente all'interno del seggio sin dal giorno della sua costituzione e assistere a ogni operazione di voto. Per la sola competizione elettorale comunale sono presenti venti liste, ognuna con il diritto di avere un rappresentante, a questo va aggiunto il contemporaneo svolgimento della consultazione elettorale referendaria e di quella regionale, dove vige la medesima regola per i rappresentanti. Appare quindi evidente che in ogni singolo seggio ci troveremo nelle condizioni di avere un numero elevatissimo di rappresentanti, questo renderà impossibile garantire il distanziamento sociale e, men che meno, il verificarsi di assembramenti.

Ci sembra quindi opportuno, sollecitare un intervento volto a regolarizzare e disciplinare il tutto, sia per far rispettare le norme anti Covid, sia per assicurare un regolare svolgimento delle operazioni di voto. E in tal senso si potrebbe prevedere, almeno per quel che concerne la consultazione comunale, che in ogni seggio vi sia un rappresentante unico per ogni schieramento di liste a sostegno dei diversi candidati a Sindaco. Soltanto con questa azione si abbatterebbe di molto il numero di persone che, ripetiamo, ad oggi, per legge, avrebbe diritto a presenziare all'interno di ogni seggio".

Nino Marmo, poi, invita gli altri candidati sindaco a raggiungere un accordo nella direzione esposta al Prefetto per garantire la massima sicurezza sanitaria agli elettori e ai componenti dei seggi elettorali. «Il controllo sulle operazioni di voto deve essere sempre garantito – sottolinea Marmo – ma, in questo momento di emergenza sanitaria la priorità è quella della pubblica incolumità. Chiedo quindi ai miei competitori politici di raggiungere un accordo che preservi le legittime verifiche sul lavoro dei seggi e il riscontro sugli scrutini e, al contempo, non pregiudichi la salute di quanti sono all'interno dei plessi e dei seggi elettorali».
  • nino marmo
Altri contenuti a tema
1 Covid-19: "Nessun laboratorio accreditato per tamponi ad Andria" Covid-19: "Nessun laboratorio accreditato per tamponi ad Andria" Il consigliere regionale Nino Marmo ricorda che la nostra "è una città particolarmente colpita. Troppi 80 euro"
Le congratulazioni di Nino Marmo a Giovanna Bruno: «Sincero augurio di buon lavoro» Le congratulazioni di Nino Marmo a Giovanna Bruno: «Sincero augurio di buon lavoro» «Da oggi è il Sindaco di tutte e tutti e sono sicuro che opererà al meglio per rappresentare i cittadini andriesi»
1 Post elezioni, Marmo: «Una sconfitta che segna, una sconfitta che insegna» Post elezioni, Marmo: «Una sconfitta che segna, una sconfitta che insegna» «Avremmo potuto fare di più? Probabilmente sì, magari con una campagna elettorale più lunga»
Nino Marmo: «Le lettere di conguaglio in zona PIP sono la conseguenza della cattiva gestione Caldarone-Bruno»   Nino Marmo: «Le lettere di conguaglio in zona PIP sono la conseguenza della cattiva gestione Caldarone-Bruno»   Il candidato sindaco: «Fare insinuazioni e lanciare accuse infondate per recuperare dei voti è un modo deplorevole di fare politica»
Liste collegate a Nino Marmo, dal dissesto alla pace fiscale: «Da sinistra una proposta peggio dell’altra» Liste collegate a Nino Marmo, dal dissesto alla pace fiscale: «Da sinistra una proposta peggio dell’altra» «Siamo veramente preoccupati di quello che potrebbe succedere se il Pd e la sinistra dovessero andare a governare Andria»
Nino Marmo: «No alla cosiddetta nuova tangenziale. Sì a progetti intelligenti che non distruggano il territorio» Nino Marmo: «No alla cosiddetta nuova tangenziale. Sì a progetti intelligenti che non distruggano il territorio» Il candidato sindaco: «Andria deve avere una visione organica di sviluppo»
Nino Marmo firma il patto per l’inclusione sociale delle persone con disabilità Nino Marmo firma il patto per l’inclusione sociale delle persone con disabilità «Dobbiamo ascoltare con più attenzione i bisogni di chi chiede di potersi sentire veramente cittadino di Andria»
Nino Marmo: "Equa contribuzione e potenziamento dell’Ufficio tributi" Nino Marmo: "Equa contribuzione e potenziamento dell’Ufficio tributi" "Noi abbiamo il dovere di scovare quel 35% che non paga e al tempo stesso assicuraci che ognuno paghi il giusto"
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.