Istituto Riccardo Lotti Andria
Istituto Riccardo Lotti Andria
Scuola e Lavoro

Niente "Alberghiero", ma ad Andria tante le richieste

Lettera aperta dell'Istituto "Lotti" che riporta le oltre 100 disponibilità delle famiglie

Piano di dimensionamento della rete scolastica per il 2014/2015: ricomincia l'iter che porterà all'approvazione degli indirizzi che ogni istituto dovrà avere per il prossimo anno. La riunione di giunta provinciale dello scorso 28 novembre ha dato parere sfavorevole all'attivazione dell'Istituto Alberghiero nella Città di Andria nell'Istituto "Lotti" di Via Paganini. La domanda che arriva dalla comunità scolastica dell'istituto in una lettera aperta al Presidente della Provincia, Francesco Ventola è semplice: «Perché Presidente, la provincia non ha autorizzato l'attivazione di un neo istituto alberghiero presso l'istituto Lotti di Andria? Perché circa 500 studenti andriesi sono costretti ogni giorno a migrare in città limitrofe? Perché sono state disattese le aspettative di ben 105 famiglie andriesi che per iscritto avevano manifestato la volontà di iscrivere i propri figli all'alberghiero di Andria, ove fosse stato attivato, per il prossimo anno scolastico? Perché le suddette famiglie, per lo più di ceti sociali non particolarmente agiati, in periodi di ristrettezze economiche quale l'attuale, devono continuare a sobbarcarsi un onere economico non da poco per mandare i figli a scuola fuori della propria città? Perché sono state disattese le medesime istanze avanzate dallo stesso sindaco di Andria?».

Tante domande precise e puntuali alle quali bisogna aggiungere ancora altri due dati: nella BAT gli istituti alberghieri si trovano a Trani, Canosa e Margherita di Savoia, mentre Molfetta ha lo storico istituto dove tanti andriesi hanno studiato negli anni e continuano a farlo. Lo scorso anno circa 160 iscrizioni sono state effettuate negli istituti alberghieri della BAT e di Molfetta. Il parere sfavorevole all'attivazione di tale indirizzo, che si legge nel provvedimento licenziato dalla giunta provinciale parla di "offerta formativa già presente nei comuni limitrofi". Ma dall'istituto fanno sapere che la motivazione «non regge nei fatti - dice il prof. Pistillo, uno dei tanti che hanno girato nei vari istituti di scuola media di Andria - Dati alla mano abbiamo dimostrato- che circa il 70% del flusso in uscita dei ragazzi andriesi è verso l'alberghiero di Molfetta, ed in minima parte verso gli alberghieri della BAT. Alberghiero di Molfetta che, tra l'altro, aveva e continua ad avere a seri problemi di sovradimensionamento».

«Non vorrei - sono le parole forti del prof. Ernesto - che siano prevalsi, come negli ultimi tre anni, interessi geopolitici miranti a salvaguardare singole realtà cittadine a discapito di una reale programmazione dell'intero territorio della BAT in termini di filiere produttive (presso l'istituto Lotti, infatti, è già presente l'indirizzo turistico), cosa che sarebbe stato possibile attraverso un nuovo polo turistico-alberghiero in Andria». Polo turistico-alberghiero nei confronti del quale decine di imprenditori ed associazioni locali avevano manifestato per iscritto il proprio interesse dando disponibilità ad accogliere gli allievi in stage per le esercitazioni di cucina e sala bar e per il quale lo stesso istituto aveva dichiarato di poter mettere a disposizione ambienti idonei e perfino una cucina. Un territorio, dunque, inteso come comunità di portatori d'interessi diretti ed indiretti, che ha manifestato vivo apprezzamento ed interesse per l'iniziativa, conscio delle opportunità occupazionali che sarebbero potute scaturirne. «Ancora una volta - sono le parole del prof. Chiummo - la scuola sconta una totale inadeguatezza della classe politica nell'intervenire sui bisogni della società in forza di un mandato che da questa le proviene, che interpreta il suo ruolo con disprezzo, distacco e supponenza e ostacola la scuola nell'individuazione di strategie capaci di intervenire su problemi evidentemente interrelati di crescente dispersione scolastica, dilagante disoccupazione, e pericolosa devianza sociale».

Lo stesso istituto, infatti, dopo la consegna di nuove aule dello scorso 16 ottobre, non ha ancora visto completare i lavori previsti: «L'ente provincia non ha ancora ottemperato a quanto promesso - sono le parole della vicaria prof.ssa Pertoso - circa la pitturazione di parte delle aule, il cablaggio dell'istituto, e l'attivazione dell'impianto di videosorveglianza'. Eppure con pazienza e civiltà la comunità del Lotti, ragazzi in primis, hanno tenuto un comportamento corretto e irreprensibile, meritorio di ben altri interlocutori istituzionali». Infine l'appello del Dirigente Scolastico dell'Istituto Lotti, Pasquale Annese al Presidente Ventola: «Chiedo, a nome del collegio docenti, e con l'interlocuzione del sindaco, che venga rivista la delibera di giunta provinciale. I tempi tecnici prima del parere del USR-Puglia e della successiva delibera regionale, ci sono tutti. In coerenza con quanto fatto negli anni addietro durante i quali si sono autorizzati medesimi indirizzi anche in città limitrofe (vedasi l'indirizzo turistico del Lotti autorizzato anche nelle città di Trani e Barletta)».
  • Provincia Bat
  • Istituto "Lotti-Umberto I"
Altri contenuti a tema
Il Capitano Savastano nuovo Comandante Compagnia Carabinieri di Messina Centro Il Capitano Savastano nuovo Comandante Compagnia Carabinieri di Messina Centro Dopo Andria ha diretto il Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Castello di Cisterna
Così qualcuno onora ad Andria i Santi patroni: degrado e sporcizia per piazza San Pio X Così qualcuno onora ad Andria i Santi patroni: degrado e sporcizia per piazza San Pio X Malgrado i ripetuti interventi di pulizia di alcuni volenterosi dell’associazione Madonna dei Miracoli
Rispetto norme anti covid 19: maggiori controlli nella Bat Rispetto norme anti covid 19: maggiori controlli nella Bat Riunione tecnica di Coordinamento delle Forze di Polizia di Bari e Foggia
Coronavirus, nella Bat controlli notturni nei locali della movida Coronavirus, nella Bat controlli notturni nei locali della movida Regole rispettate nel weekend di Ferragosto. Nessuna sanzione emessa
Il dottor Roberto Pellicone è il primo Questore della Bat Il dottor Roberto Pellicone è il primo Questore della Bat Da due anni Questore ad Isernia, il dirigente superiore di Pubblica Sicurezza vanta un curriculum di tutto rispetto
Ferragosto: vasta rete di controlli e verifiche da parte delle Fiamme Gialle nella Bat Ferragosto: vasta rete di controlli e verifiche da parte delle Fiamme Gialle nella Bat Impegnato personale del gruppo Barletta con i finanzieri della Compagnia di Trani ed il nucleo cinofili di Bari
Feste patronali senza bancarelle, Montaruli (CasAmbulanti): "Violazione diritti umani mentre la città è nel caos" Feste patronali senza bancarelle, Montaruli (CasAmbulanti): "Violazione diritti umani mentre la città è nel caos" Oggi martedì 11 agosto si svolgerà l’F24 Day con gli ambulanti che consegneranno i modelli F24 ai Sindaci dei comuni della Bat
Un corso sulle filiere alimentari all'IISS "Lotti - Umberto I" di Andria Un corso sulle filiere alimentari all'IISS "Lotti - Umberto I" di Andria Il bando relativo al corso ITS Agricoltura 4.0, del quale la scuola superiore cittadina è partner del progetto
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.