mercato settimanale del lunedì
mercato settimanale del lunedì
Vita di città

Mercato del lunedì, Tufariello: “Dislocazione su 3 aree per riaprire in sicurezza”

Altre misure proposte sono state respinte. "Ciò rappresenta la risposta che l'Amministrazione dà ai mercatali"

Ribadite anche oggi, ai rappresentanti delle associazioni di categoria degli operatori mercatali, le misure individuate dalla Gestione Straordinaria per la riapertura in sicurezza del Mercato settimanale dislocandolo in tre diverse sedi contemporanee, ovvero anello dello stadio comunale, Largo Appiani e Largo Cerruti.

Nel corso dei tavoli tecnici tenutisi in precedenza a Palazzo di Città, il Commissario Tufariello ed il settore comunale competente, avevano avanzato ufficialmente alcune proposte, invitando le associazioni a formulare tutti i suggerimenti utili alla loro attuazione. Era stato proposto, in particolare, di far svolgere il mercato nell'anello dello stadio comunale a lunedì alterni, frazionando in 2 parti il totale dei posteggi, ovvero a tenerlo, sempre nell'anello dello stadio, ma istituendo il doppio turno, mattina e primo-pomeriggio e tardo pomeriggio-sera.

Entrambe le misure proposte sono state però, una dopo l'altra, respinte e per questo, stamane, il Commissario Straordinario ha dato indirizzi al Settore comunale competente, per attivare le procedure utili alla dislocazione degli operatori sulle tre predette aree, con posteggi da occupare ricorrendo al sorteggio, con corollario di misure di sicurezza secondo i protocolli previsti dall'ultimo decreto legge del 19 maggio per ciascuna categoria merceologica, di attività di vigilanza a cura della Polizia Locale e dei nuclei di Protezione Civile, di presidio all'interno dell'area con steward incaricati dagli stessi operatori,etc.

"Ogni Comune – spiega il Commissario straordinario, dott. Gaetano Tufariello - ha le sue aree mercatali e la nostra non è immediatamente utilizzabile secondo i canoni di sicurezza, controllo e vigilanza, che ogni Sindaco deve poi garantire e far rispettare per una riapertura senza conseguenze. Per questo dobbiamo preoccuparci di definire un contenitore del mercato che sia, sino alla fine dell'emergenza, una soluzione temporanea ed ugualmente sicura, controllabile e vigilabile per evitare assembramenti, garantire flussi in entrata e uscita, e così via. Aggiungendo all'area attuale le altre due, di cui sono già disponibili le planimetrie a suo tempo adottate, potremmo soddisfare il requisito delle distanze tra posteggio e posteggio perchè su quella oggi esistente io non dò garanzie di sicurezza, indispensabili per evitare che, dopo una qualsivoglia riapertura,vi possa essere poi una chiusura sine die".

Tale misura fa il paio con quella relativa al transennamento di piazza Duomo ed, eventualmente, di altri spazi pubblici, nei quali dovessero registrarsi assembramenti e fenomeni di "movida" incontrollata, come è accaduto dallo scorso week-end in poi, nonché con il presidio di forze di polizia locale dell'intera area pedonale dello shopping. "Ciò rappresenta - osserva il Commissario - la coerente risposta che l'Amministrazione Comunale dà ai mercatali, che lamentavano vessatori controlli sulle proprie attività economiche, a fronte di una noncuranza di controlli sulle altre aree pubbliche. La coerenza degli atti e degli indirizzi adottati è la miglior risposta per tacitare ogni polemica e consentire la ripresa di ogni attività in sicurezza".
  • Mercato
  • mercato comunale
Altri contenuti a tema
Mercati nella Bat: ancora fermi quelli di Andria, Barletta, Margherita di Savoia, Spinazzola e Trani Mercati nella Bat: ancora fermi quelli di Andria, Barletta, Margherita di Savoia, Spinazzola e Trani Largo Torneo completamente sgombro dalle bancarelle mentre gli stand degli alimentari erano attorno allo stadio "Degli Ulivi"
Mercato settimanale di Andria, Casambulanti: "Ripartire senza alcun frazionamento" Mercato settimanale di Andria, Casambulanti: "Ripartire senza alcun frazionamento" Montaruli: "non esiste alcun motivo di adottare scelte affrettate, non condivise e persino illegittime"
«No allo smembramento del mercato settimanale di Andria»: lo chiede la Lega con Salvini premier «No allo smembramento del mercato settimanale di Andria»: lo chiede la Lega con Salvini premier «Chi amministra, seppure nella straordinarietà gestionale, non può sottrarsi al confronto costruttivo basato sulla mediazione»
1 Ripartenza del mercato settimanale: l'auspicio di CNA PUGLIA-Commercio e la Bat Commercio 2010 Ripartenza del mercato settimanale: l'auspicio di CNA PUGLIA-Commercio e la Bat Commercio 2010 L'invito alla gestione commissariale di Andria a prendere esempio dalla collaborazione intrapresa con Trani e Margherita di Savoia
Situazione di stallo per il mercato del lunedì: si prosegue solo con gli alimentari Situazione di stallo per il mercato del lunedì: si prosegue solo con gli alimentari I mercatali continuano a rifiutare la soluzione provvisoria di una dislocazione su 3 diverse aree
Mercato del lunedì ad Andria: nessuna intesa per lo spacchettamento Mercato del lunedì ad Andria: nessuna intesa per lo spacchettamento La soluzione pensata dalla gestione commissariale non piace alle associazioni di categoria
Avvio della Fase 2: il calendario delle riaperture delle attività Avvio della Fase 2: il calendario delle riaperture delle attività Il testo completo dell'ordinanza num. 237 con le linee guida emanate dalla Regione
Dal 18 maggio riaprono i mercati di merci varie in Puglia. Adesso tocca ai Comuni Dal 18 maggio riaprono i mercati di merci varie in Puglia. Adesso tocca ai Comuni Emiliano firma l'ordinanza: «Queste misure devono essere accompagnate da senso di responsabilità»
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.